Bianco

Anno: 2011 Nazionalità: Italia Durata: 74’ Genere: Drammatico Regia: Roberto Di Vito Distribuzione: Cecchi Gori Home video cineKult Uscita: 11/12/2012   Bianco. Questo è quello che vede il protagonista appena risvegliatosi in un seminterrato adattato a prigione. Si sveglia legato mani e piedi, imbavagliato e incappucciato. Presto scoprirà che i suoi due carcerieri sono degli

Rabbit Hole

“Rappresentare sul grande schermo il dolore più profondo che si possa immaginare, la perdita di un figlio, non è certo impresa facile: ci prova John Cameron Mitchell”

Gianni e le donne

«Come in “Pranzo di Ferragosto”, anche in questo secondo film Gianni Di Gregorio continua a mostrare tutte le sue debolezze e a mettersi a nudo di fronte alla macchina da presa».

Into paradiso

“Nel film dell’esordiente Paola Randi i temi dell’immigrazione e dell’integrazione sono raccontati con un inconsueta leggerezza, senza però trascurarne la problematicità”.

Another year

“Mike Leigh torna con un film amaro, in cui sotto i riflettori sono poste le solitudini di alcuni personaggi non più giovani, le cui esistenze volgono inesorabilmente al tramonto”.

Senna

“Asif Kapadia, pluripremiato regista inglese di origine indiana, rinverdisce i fasti di un mito degli anni ’80: il pilota brasiliano di Formula 1 Ayrton Senna”.

Il discorso del re

“Da timido e introverso a voce del popolo: questo è il destino di Bertie, alias il futuro Giorgio VI, che dovrà ricoprire un ruolo al quale non avrebbe mai ambito, paralizzato da un’insicurezza cronica”.

Kill me please

“Olias Barco realizza un’opera raffinata, complessa, ma anche caustica, ironica, quasi impietosa, in cui assistiamo, come raramente succede, al passaggio dal tragico al tragicomico”.

The Green hornet

«”The Green hornet” è un film che si presta a letture di più genere:può essere un rocambolesco blockbuster, ma anche un’intima riflessione su Hollywood e sui miti da esso stesso generati».

The tourist

«”The Tourist” è un prodotto medio americano, con due attori famosissimi, in cui un regista di valore come Florian Henckel von Donnersmarck diviene appendice di un’operazione commerciale».

La bellezza del somaro

“Si è disposti ad invecchiare? Si ha il coraggio di scoprire le prime rughe e dare ad esse l’importanza che meritano? È questo il tema del nuovo film diretto e interpretato da Sergio Castellitto”.

^ Back to Top