Dominio Pubblico

Festival Dominio Pubblico- la città agli Under 25

“Dominio Pubblico- la città agli Under 25” è un percorso di formazione condivisa nato in collaborazione con alcune importanti realtà artistiche romane. Il progetto si è consolidato negli anni ed è ormai giunto alla sua terza edizione. Dal 31 Maggio al 5 Giugno si svolgerà il Festival a cui circa 20 ragazzi esclusivamente Under 25 hanno lavorato con impegno e dedizione curando tutti gli aspetti organizzativi dell’evento

BellariaFilmFestival

34°BellariaFilmFestival: al via con Infascelli, Terlizzi e i live di Brondi & Zamboni

Al via i concorsi del BFF: all’Astra arrivano Alex Infascelli ed Emilio D’Alessandro, braccio destro di Kubrick. Venerdì 27 maggio prende ufficialmente il via il 34° Bellaria Film Festival. La storica rassegna ospita anche quest’anno i concorsi Italia Doc, vetrina della miglior produzione documentaria italiana, e Casa Rossa Art doc, sezione riservata ai film dedicati al mondo dell’arte

Julieta

69 Festival di Cannes: Julieta di Pedro Almodóvar (Concorso)

C’è chi è rimasto deluso dall’ultimo film di Pedro Almodóvar, presentato a Cannes nella sezione del concorso ufficiale. Il film non convince del tutto ma commuove ed appaga il senso estetico di chi lo vede, grazie ad una confezione stupenda (immagini, abiti, colori, musica) ed all’interpretazione di attori convincenti

Festival MIX Milano

30° Festival MIX Milano, Il festival di cinema gaylesbico e queer culture torna dal 30 giugno al 3 luglio

Festival MIX Milano di Cinema Gaylesbico e Queer Culture edizione numero 30: dal 30 Giugno al 3 Luglio, nella sede del Piccolo Teatro Strehler, cinema, letteratura e musica, si miscelano per raccontare un’identità queer in continuo movimento. Ideato e diretto da Giampaolo Marzi, il Festival MIX Milano è radicato nell’immaginario collettivo e nella memoria storica della comunità GLBTQ milanese

Farhadi

69 Festival di Cannes: Forushande di Asghar Farhadi (premio miglior sceneggiatura/miglior attore protagonista)

L’originalità del cinema iraniano continua a gratificarci con opere sempre nuove e di notevole spessore, come Forushande (The salesman/Il cliente), scritta e diretta dal geniale Asghar Farhadi (Una separazione, Orso d’oro a Berlino e Oscar Miglior Film Straniero nel 2011, Il passato) e presentata nel concorso ufficiale di Cannes 2016: la pellicola si è aggiudicata a pieni voti il Premio per la Miglior Sceneggiatura, di Farhadi stesso, e quello per il Miglior Attore, assegnato dalla Giuria al protagonista maschile Shahab Hosseini,

Festival Notar Act

Festival Notar Act: programma giugno

L’Associazione Notar Act ha indetto il primo Concorso per Cortometraggi a tema Notariato: il NotarCiak. Novità assoluta nel campo dell’audiovisivo, la sfida creativa lanciata ai filmakers consiste in 5 tracce, tutte comprese nell’ambito notarile

Calcio Solidale

Calcio Solidale Film Festival 2016

Si tiene a Roma presso Cinecittà Studios nei giorni del 26, 27, 28 maggio 2016 la prima edizione di “CALCIO SOLIDALE inFEST 2016 – Primo Festival Nazionale del Calcio Solidale”, evento libero – fino ad esaurimento posti – promosso da Fondazione Roma Solidale onlus in collaborazione con Roma Capitale e la Rete del Calcio Solidale che intende promuovere, diffondere e raccontare esempi positivi e modelli trasferibili legati al Calcio

Festival del Cinema Spagnolo

Il Festival del Cinema Spagnolo a Milano (27-29 Maggio). Ospite d’onore Rossy De Palma

Il Festival del cinema spagnolo, dopo la tappa romana, torna a Milano per il terzo anno consecutivo, inaugurando una nuova sede. Sarà lo storico Auditorium San Fedele ad accogliere la kermesse, che presenterà al pubblico di Milano i migliori film spagnoli (e in lingua spagnola) dell’ultima stagione, in versione originale con i sottotitoli in italiano. Madrina d’onore sarà l’attrice Rossy de Palma

La Guarimba Film Festival

La Guarimba Film Festival: al via la rassegna “Cinema Ambulante: storie di integrazione”

Inizia oggi la rassegna “Cinema Ambulante: storie di integrazione”, organizzata dall’Associazione Culturale La Guarimba, nell’ambito del progetto “MigrArti – Cinema” promosso dal Ministero dei Beni Culturali. Fino al 29 Maggio, al Teatro Campus Temesa Francesco Tonnara di Amantea (CS), si terrà un’intensa programmazione cinematografica dedicata al tema dell’immigrazione e dell’integrazione delle culture straniere in Italia

Ken Loach

Trionfa a Cannes Ken Loach con il film d’impegno sociale I, Daniel Blake

La consegna dei Palmarès di Cannes 2016 ha dato luogo a non poche sorprese, lasciando fuori molti dei film favoriti dai rumors come potenziali vincitori del Concorso ed assegnando invece premi inattesi, come quello più importante, la Palma d’Oro, meritatamente andato ad un film necessario, poetico ed impegnato come I, Daniel Blake del grande ed amatissimo regista Ken Loach

Ken Loach

69 Festival di Cannes: Palma d’oro a Ken Loach

Questi i Premi del Concorso del 69esimo Festival Internazionale del Film di Cannes attribuiti dalla Giuria Internazionale presieduta da George Miller e composta da Arnaud Desplechin, Kirsten Dunst, Valeria Golino, Mads Mikkelsen, László Nemes, Vanessa Paradis, Donald Sutherland e Katayoon Shahabi

Tour de France

69 Festival di Cannes: Tour de France di Rachid Djaidani (Quinzaine des Réalisateurs)

Diretto dal regista e sceneggiatore francese Rachid Djaidani, al suo secondo lungometraggio, Tour de France è una commedia semplice e senza sbavature, che va dritta al cuore del problema dell’integrazione e lo fa affidando i ruoli dei protagonisti al giovane e promettente Sadeq e ad uno strepitoso Gerard Depardieu, che divertono e incantano il pubblico con una botta e risposta esilarante e surreale

I, Daniel Blake

69 Festival di Cannes: I, Daniel Blake di Ken Loach (Concorso)

Ce ne fossero di film come I, Daniel Blake e di registi come il vecchio, caro, immarcescibile Ken Loach, ispirato cantore della classe operaia, che dopo tanti anni di lotte, cinematografiche e non solo, continua a battere sempre dove il dente duole, come nel caso di questa pellicola in concorso alla 69esima competizione cannense

Wolf and Sheep

69 Festival di Cannes: Wolf and Sheep di Shahrbanoo Sadat (Quinzaine des Réalisateurs)

È una co-produzione tra l’Afghanistan e la Danimarca l’opera che segna il debutto della giovane cineasta afghana e che consente allo spettatore di immergersi nei paesaggi remoti e suggestivi di una terra lontana e associata quotidianamente a guerra e morte. Wolf and Sheep nasce nel 2010 da una collaborazione con la Cinéfondation du Festival, una fondazione che supporta finanziariamente i giovani cineasti al loro primo lungometraggio

Elle

69 Festival di Cannes: Elle di Paul Verhoeven (Concorso)

Paul Verhoeven è la sorpresa dell’ultimo minuto. Elle ravviva una chiusura di questa edizione del festival di Cannes accompagnata da pellicole fischiate e imbarazzanti. Adattamento cinematografico del romanzo del 2012 Oh… di Philippe Djian, Verhoeven lavora sul canovaccio scritto dallo sceneggiatore David Birke con tutta la maestria nel pilotare, incrociare, isolare i molteplici stimoli contrastanti che ci attraversano.

The Last Face

69 Festival di Cannes: The Last Face di Sean Penn (Concorso)

Inutile girarci intorno, l’ultimo film di Sean Penn ha deluso anche i suoi più fervidi sostenitori e non è stato affatto apprezzato dalla critica di Cannes, a dispetto del grande impegno profuso di mezzi economici e grandi attori, a cominciare dai due protagonisti Javier Bardem e Charlize Theron. Nel cast, oltre al simpatico attore francese Jean Reno, anche Adèle Exarchopoulos, attrice rivelazione in La Vie d’Adèle, nel suo primo vero ruolo negli Stati Uniti

The neon demon

69 Festival di Cannes: The neon demon di Nicolas Winding Refn (Concorso)

NWF porta a Cannes nel Concorso la sua riflessione su un tema assolutamente attuale e indispensabile: il ruolo della bellezza in un tempo in cui l’uomo ha dimenticato la sua finitezza. Con The neon demon tenta di raccontare una delle ossessioni del XXI secolo. Tentativo fallito, pur con degli inserti e degli spunti interessanti

Juste la fin du monde

69 Festival di Cannes: Juste la fin du monde di Xavier Dolan (Concorso)

Senza mai perderne il controllo, l’enfant prodige Xavier Dolan esaspera il melodramma ed estremizza la recitazione in Juste la fin du monde, un’oppressiva e ora urlata ora taciuta iperstilizzazione di una disfunzione famigliare. Dolan chiama a raccolta un cast eccezionale: Marion Cotillard, Léa Seydoux, Vincent Cassel, Nathalie Baye e Gaspard Ulliel

Solveig Anspach

69 Festival di Cannes: L’Effet Aquatique di Solveig Anspach (Quinzaine des Réalisateurs)

Ultimo lungometraggio della regista islandese Solveig Anspach, scomparsa lo scorso agosto a 54 anni a causa di un cancro, L’Effet Aquatique è considerato il suo testamento spirituale. Il film racconta il tentativo rocambolesco del quarantenne Samir (Samir Guesmi), timido e impacciato, di avvicinare Agathe (Florence Loiret Caillet), istruttrice di nuoto del quale si è invaghito e con cui finge di non saper nuotare per farsi dare lezioni

Aquarius

69 Festival di Cannes: Aquarius di Kleber Mendonca Filho (Concorso)

Aquarius di Kleber Mendonca Filho indaga la memoria dello spazio e di un popolo, di due generazioni in posizioni contrastanti nel rapportarsi ad essa, dove la nuova guarda alla vicina e distante America ed è pronta a obliare il passato nell’omologazione e la vecchia difende l’identità in una lotta solitaria

Ma' Rosa

69 Festival di Cannes: Ma’ Rosa di Brillante Mendoza (Concorso)

Brillante Mendoza aggiunge al puzzle impressionista della sua infernale Manila un altro tassello prezioso con Ma’ Rosa, pellicola presente nel concorso ufficiale, più misurata (se nel suo cinema è possibile adottare questa definizione) nella forza espressiva di tensione visiva e narrativa rispetto all’immenso Taklub (portato a Cannes dentro Un certain regard l’anno scorso) ma sempre dirompente

Diamond Island

69 Festival di Cannes: Diamond Island di Davy Chou (Semaine de la Critique)

Ambientato nella Phom Penh dei nostri giorni, Diamond Island è la storia di Bora, un ragazzino che dalle campagne all’interno del Paese arriva nella capitale per lavorare come muratore alla costruzione del complesso edilizio di lusso Diamond Island. I ragazzi che lavorano insieme a lui sognano una vita migliore, magari di vivere un giorno proprio in uno di quegli appartamenti che stanno costruendo

Paul Schrader

69 Festival di Cannes: Dog Eat Dog di Paul Schrader (Quinzaine des Réalisateurs)

In anteprima mondiale, Paul Schrader presenta il suo ultimo lavoro a Cannes al pubblico della Quinzaine, accompagnato da William Dafoe, co-protagonista insieme a Nicholas Cage. Scritto da Matthew Wilder, su adattamento dell’omonimo romanzo di Ed Bunker, che era ambientato negli anni Novanta, Dog Eat Dog è la storia di tre uomini usciti dal carcere e che tentano di rifarsi una vita nell’America dei nostri giorni

Festa del cinema Bulgaro

Weekend all’insegna del cinema e delle serie tv alla casa del cinema di Roma: la Festa del cinema Bulgaro festeggia la sua nona edizione

21-22 Maggio: ultimi due giorni alla Casa del Cinema di Roma per la nona edizione della Festa del cinema Bulgaro. Un weekend pienissimo per raccontare al pubblico italiano un cinema dalla straordinaria vitalità e ricchezza. Fra gli appuntamenti di maggior interesse la serie televisiva Undercover, che ha registrato un grandissimo successo all’estero

Fiore

69 Festival di Cannes: Fiore di Claudio Giovannesi (Quinzaine des Réalisateurs)

Fiore, co-prodotto da Rai Cinema, è la storia di Dafne (Daphne Scoccia), una ragazzina che sbarca il lunario tra furti e rapine. La forza del film è proprio nella delicatezza di raccontare un amore tra adolescenti, in un contesto duro e aspro come quello del carcere. Per girarlo Claudio Giovannesi e gli altri sceneggiatori Filippo Gravino e Antonella Lattanzi hanno trascorso 4 mesi nel carcere di Casal di Marmo nei pressi di Roma

Divines

69 Festival di Cannes: Divines di Houda Benyamina (Quinzaine des Réalisateurs)

Il pubblico della Quinzaine si lascia letteralmente trascinare da questo piccolo capolavoro di scrittura (scritto a sei mani dalla regista insieme a Romain Compingt e Malik Rumeau), regia e recitazione; qualcuno lo paragona a West Side Story, qualcuno lo definisce un “film perfetto”, sicuramente è un film ricco di temi di attualità, come la violenza e le lotte nelle periferie

Two lovers and a bear

69 Festival di Cannes: Two lovers and a bear di Kim Nguyen (Quinzaine des Réalisateurs)

Accolto calorosamente dal pubblico della Quinzaine, Two lovers and a bear del cineasta canadese Kim Nguyen riempie la proiezione pomeridiana al Theatre Croisette di Cannes. Il regista quarantaduenne, di origine vietnamita, visibilmente emozionato presenta il suo film, partito con un progetto circa dieci anni fa e che ha richiesto un lungo lavoro di scrittura e di un’articolata ricerca dei due attori protagonisti

Design by Daniele Imperiali
^ Back to Top