goodbye-to-language-heloise-godet-in-una-scena-del-film-370939_jpg_1400x0_q85

Adieu au langage – Addio al linguaggio

Ciò a cui assistiamo in “Adieu au langage” è la fine di ogni conciliazione, dunque anche la fine di ogni linguaggio (cinematografico, ma non solo) e quello di Godard altro non sembra che un ultimo (?), definitivo (?) congedo dal cinema stesso, da sé, dal mondo

Hunger Games

Hunger Games : Il canto della rivolta – Parte I

Jennifer Lawrence è attualmente la diva più amata ed ammirata, è facile parlare bene del suo lavoro e può sembrare ridondante, ma è così, questa attrice rasenta la perfezione più volte nell’arco del film, dipinge sul suo volto la realtà di una ragazza devastata dagli eventi, costretta a reagire e a lottare per coloro che ama

Doc Nyc

Il Doc Nyc, un festival che è uno specchio per guardarsi intorno

Il Doc Nyc, oltre ad essere, almeno secondo quanto riportato dagli organizzatori,“il doc festival più grande di tutta l’America”, è di sicuro uno tra i più interessanti festival del panorama statunitense perché come pochi riesce ad entrare diretto nelle viscere della società e della cultura a stelle e strisce

_DSC3974.NEF

Words and Pictures

Elogio dell’amore come lingua comune, che supera ed eleva alterità e differenze.

arton9914

Il mio amico Nanuk

Il giovane Luke vive nella regione artica in cui nascono gli orsi polari

clint-eastwood

Clint Eastwood racconta il Rambo dei cecchini Usa

Clint Eastwood racconta una leggenda, anzi ‘la leggenda’ come gli americani hanno chiamato Chris Kyle il tiratore scelto più letale di tutta la storia militare degli Stati Uniti (166 morti accertati, 255 presunti). Lo fa con un film, “American Sniper”, nelle sale dal 1 gennaio 2015

Scusate se esisto!

Scusate se esisto!

Questa commedia ha una doppia sfaccettatura caricaturale/querelante con una straordinaria Paola Cortellesi, protagonista assoluta che, ancora una volta, mostra la sua innata capacità attoriale coinvolgente tanto da farla apparire come una di noi.

10671253_290387321172208_7635789797727739716_n

La Piccola Scuola di Teatro di Roma

La Piccola Scuola non si differenzia solo per l’innesto in uno spazio che produce e immette arte teatrale ospitando e producendo spettacoli, ma , sopratutto, per l’offerta didattica che recupera e valorizza ciò che le altre (tante, troppe) scuole o corsi di teatro hanno abbandonato o trascurato

BLOODY KNUCKLES

Ravenna Nightmare: “Bloody Knuckles” di Matt O’Mahoney

Il canadese Matt O’Mahoney, già autore di irriverenti cortometraggi, ha saputo trasferire e concentrare nel film quella vena caustica che, dipanandosi con destrezza tra invenzioni “pulp” e una naturale inclinazione al “politically incorrect”, ne rende quanto mai sapida la visione

Sul vulcano

Sul vulcano

Gianfranco Pannone, noto regista di film documentari, e per aver firmato “Latina/Littoria” che vinse come miglior film documentario al Torino Film Festival del 2001, torna a dirigere un lungometraggio di stampo storico/antropologico

Lo sciacallo – Nightcrawler

Lo sciacallo – Nightcrawler

“Lo sciacallo” è un prodotto ben confezionato, la sceneggiatura spiccatamente nuova ed originale segna un aspetto di estrema attualità che fa parte della vita di tutti i giorni. La regia non smette mai di mostrarci il grande decoupage di reportage che compone il film tra corse spietate in macchina e video spietatamente cruenti e reali

La scuola più bella del mondo

La scuola più bella del mondo

Luca Miniero firma una brillante commedia dove si respira la piacevolezza della fanciullezza data dall’incontro tra alunni napoletani e toscani.

Ettore Scola

I vincitori dei Premi De Sica 2014

Questo prestigioso riconoscimento, istituito nel 1975, viene assegnato ogni anno alle personalità che si sono distinte nel campo del cinema, del teatro, delle arti visive, della critica, dell’editoria, degli studi filosofici, delle scienze e della società

Interstellar

Interstellar

“Interstellar”: un viaggio dentro l’amore familiare. Si può vivere felicemente nella quinta dimensione

Sils Maria

Sils Maria

Un’immensa Binoche per l’ultimo film di Olivier Assayas

Torneranno i prati

Torneranno i prati

A tre anni di distanza dal suo ultimo lavoro, Il villaggio di cartone, Olmi è tornato dietro la macchina da presa con la trasposizione di un racconto del 1920 che snocciola le memorie di un giovane soldato durante la Prima Guerra Mondiale

La storia della principessa splendente

La storia della principessa splendente

A suo modo, Isao Takahata è un eroe. Pluri-ottantenne, fondatore con Miyazaki dello Studio Ghibli, maestro dell’arte animata giapponese, decide di impiegare 12 anni e più per realizzare a mano, praticamente solo, ogni singolo fotogramma del suo nuovo, probabilmente ultimo, film, “La storia della principessa splendente”, in uscita per 3 giorni nelle sale

Onirica_Lech_Majewski xs

Lech Majewski a Roma per CIAKPOLSKA (dal 5 al 9 nov.). E masterclass il 7

Nell’ambito della rassegna CIAKPOLSKA – Festival del cinema polacco, (a Roma dal 5 al 9 novembre); venerdì 7 novembre alle ore 11.00 presso l’Accademia di Belle Arti in via di Ripetta 222 Lech Majewski terrà una masterclass rivolta agli studenti dell’Academia e aperta al pubblico

image005

Festival del cinema Francese: alla terza giornata di France Odeon

Continua l’omaggio che il Festival dedica quest’anno al grande regista, recentemente scomparso, Alain Resnais con il libro di Jean-Luc Douin, Laura Morante presenta “Coeurs”, di Alain Resnais. Déborah François presenta “Maestro”, di Léa Fazer.

Lina wertmuller

48 HOUR FILM PROJECT ROMA 2014: deadline al 4 novembre. Resi noti i giurati

Deadline il 4 novembre per partecipare all’ottava edizione del The 48 Hour Film Project Roma, il concorso internazionale per filmmakers che annualmente si svolge in oltre 100 città in tutto il mondo. In giuria Oltre a Ian Anderson, voce e leader dei Jethro Tull, ci saranno Lina Wertmüller, Daniele Ciprì, Valerio Mastandrea, il montatore Cristiano Travaglioli, l’attrice spagnola Rossy De Palma e la scrittrice Melissa P

Julia

Ravenna Nightmare: Julia di “Matthew A. Brown”

Forte di un incipit dall’impatto notevolissimo, “Julia” di Matthew A. Brown ci aveva fatto sperare che anche il prosieguo del racconto si rivelasse all’altezza, generando così un film di grande spessore. E invece buio pesto, principalmente a causa di una logica da “revenge movie” affrontata qui in maniera quantomeno bizzarra

Jamie Marks is Dead

Ravenna Nightmare: “Jamie Marks is Dead” di Carter Smith

Jamie Marks è morto. Viva Jamie Marks! Celebrazione di rapporti che vanno oltre la morte, il film di Carter Smith piega con una certa maestria gli elementi della “ghost story” ad atmosfere e situazioni tipiche del cinema “indie” statunitense. Un mood tipicamente da Sundance, volendo essere più specifici.

Annie Parker

Annie Parker

Annie Parker è un film puro, intelligente a tratti quasi documentaristico e che non punta mai a voler romanzare gli avvenimenti e che si fa forte unicamente di due storie biografiche, alle quali non c’è bisogno di aggiungere nulla, e delle grandi interpretazioni delle due attrici protagoniste, Helen Hunt e Samantha Morton

Ritorno a l'Avana

Ritorno a l’Avana

Ottime le interpretazioni dei protagonisti: Jorge Perugorría, Isabel Santos, Fernando Hechevarria, Nestor Jimenez. Più una piece teatrale che un film

Non escludo il ritorno

Non escludo il ritorno

Un ritratto di un personaggio scomodamente inedito che ha sempre cercato uno spiraglio di allegria dalle vicende più amare, rimanendo se stesso pur allontanandosi dalla società che lo circondava. Il film è soprattutto una dedica a Califano da parte di Calvagna che, oltre ad essere stato un fan di vecchia data, è stato anche un personale amico; egli racconta la persona del Maestro nella stessa semplicità e nella sincerità in cui lui amava vivere

Design by Danile Imperiali
^ Back to Top