A 25 anni dalla scomparsa Infinity ricorda Federico Fellini

Infinity ricorda Federico Fellini In occasione dei venticinque anni dalla morte di Federico Fellini il 31 ottobre, Infinity vi propone una ricca selezione di titoli fra i suoi film più celebri. Da La dolce vita, 8 e 1/2 e Giulietta degli spiriti fino a I vitelloni, Lo sceicco bianco e Boccaccio ’70 Oscar onorario nel

Stasera in tv su Rai Storia alle 22,55 Che strano chiamarsi Federico, l’ultimo film di Ettore Scola dedicato al grande regista riminese

Il grande Ettore Scola fornisce la sua personalissima visione del maestro Federico Fellini. Tra personaggi, spezzoni, ricostruzioni, Scola prova a spiegare il retroterra che ha portato alla creazione del genio felliniano: come, dove e in che modo si è formata la personalità poliedrica del più grande regista nostrano. Un omaggio da colui che è di diritto un’altra pietra miliare del cinema italiano, e che purtroppo recentemente ci ha lasciato

20 gennaio 2018, Buon compleanno Federico!: riapre il Cinema Fulgor di Rimini

Apre il Cinema Fulgor, e aprirà nel giorno del compleanno di Federico Fellin. Il Fulgor, il cinema più famoso al mondo, verrà restituito a Rimini e ai riminesi, diventando casa del cinema e contenitore culturale e di relazioni nell’ambito del grande progetto del Museo Fellini. Una sala cinematografica unica, particolare, magistralmente scenografata da Dante Ferretti per riportarla a quella dimensione ancestrale e magica che creava sogni e vite davanti allo schermo

Fellini – Sono un gran bugiardo, un documentario intenso e coraggioso che testimonia con passione l’opera del grande regista

Un’intensa e preziosa testimonianza, non c’è che dire: Damian Pettigrew, regista, sceneggiatore, produttore, scrittore, nonché autore multi mediale canadese, nel 2002 realizzava uno straordinario documentario su Federico Fellini, un artista ineguagliabile che, con il suo strabordante, magnifico, inarrestabile immaginario, ha riformato profondamente e irreversibilmente l’iconografia cinematografica

Iris saluta il nuovo anno con Federico Fellini

Ha lasciato opere indimenticabili, ricche di satira ma anche velate di una sottile malinconia, caratterizzate da uno stile onirico e visionario. A uno dei maggiori registi della storia del cinema Iris vuole dedicare la prima serata dell’anno con un doppio appuntamento in prima e seconda serata. Si inizia alle 21.00 con La dolce vita e si prosegue con 8½, il film premio Oscar del regista che qui dirige Marcello Mastroianni e Claudia Cardinale

Finalmente disponibile in blu ray la versione restaurata di Amarcord di Federico Fellini

Amarcord, come “Asa Nisi Masa” in 8½, è una parola magica, che se pronunciata apre un varco temporale verso un passato che si giustappone accanto al presente, in maniera pulsante, incarnando una riserva di senso cui Fellini non ha mai smesso di attingere, popolando le sue pellicole di quelle reminiscenze che, prendendo corpo, contestano la prosaicità dell’attualità. Il suo è un amabile anacronismo, un mondo ipertrofico che non può esser contenuto

Stanotte alle 02,00 su Rete 4 8½ di Federico Fellini

8½ è un film del 1963 co-scritto e diretto da Federico Fellini. È considerato uno dei capolavori di Fellini ed una delle migliori pellicole cinematografiche di tutti i tempi, fonte d’ispirazione per generazioni di registi. Con Marcello Mastroianni, Claudia Cardinale, Anouk Aimée, Sandra Milo e Rossella Falk

Stasera alle 23,15 su Iris I vitelloni di Federico Fellini

I vitelloni è un film del 1953 diretto da Federico Fellini. Fu il primo film di Fellini distribuito all’estero. Campione di incassi in Argentina, il film andò bene in Francia e Gran Bretagna; uscì negli Stati Uniti nel novembre 1956. La sceneggiatura, scritta da Fellini, Flaiano e Tullio Pinelli, è stata candidata agli Oscar del 1958. Il film fu presentato nella selezione ufficiale della 14ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia

Il cinema di Fellini nell’ultimo Sorrentino

Gli ultimi due film di Paolo Sorrentino vanno letti congiuntamente a certo cinema di Federico Fellini, del quale però non rappresentano dei meri omaggi. Youth rielabora largamente i motivi creativi di 8 ½, di cui è ricchissimo di citazioni. La grande bellezza cita evidentemente La dolce vita, lavorando a livello concettuale e intertestuale sulla sua resa della Città Eterna come simbolo dell’eccesso consumistico e dello smarrimento

Roma di Federico Fellini in dvd, in versione restaurata ed estesa

Fellini compone un ritratto istantaneo con rapide ma incisive pennellate: Roma è là, tra l’oro dei vestiti talari, l’oscurità dei vicoli, il tanfo dei liquami, l’eccesso di cibo, la volgarità del popolo e la rassegnazione di un’aristocrazia morente, nel traffico disumano, nella bellezza sconvolgente dei secoli passati. Un miscuglio di sensazioni che attraversa lo spettatore sconcertandolo, divertendolo, perturbandolo

Il cinema di Federico Fellini e la sua contemporaneità

Fulcro concettuale centrale del cinema di Federico Fellini, a partire da La dolce vita, ci sembra il linguaggio, inteso qui come il complesso delle forme e dei dispositivi con cui una data cultura veicola nella sua dimensione sovra-individuale, comunitaria e/o di massa, l’espressione dei suoi universi simbolici

Valentina Cortese: contraddizione di una diva

Un personaggio particolare quello di Valentina Cortese. Cinema e teatro sono state le sue dimore artistiche lungo tutta una vita, soprattutto il secondo se si pensa a lei come protagonista incontrastata mentre recita Brecht, Schiller, Čechov o Pirandello e diretta da Strehler, Zeffirelli, Visconti o Chéreau. Invece nel cinema?

Stasera alle 21,05 su Iris La dolce vita di Federico Fellini

La dolce vita è un film del 1960 diretto da Federico Fellini, vincitore della Palma d’oro al 13º Festival di Cannes e vincitore dell’Oscar per i costumi.
Tra i più celebri film della storia del cinema. Viene solitamente indicato come il punto di passaggio dai primi film neorealisti di Fellini ai successivi film d’arte.

“Il Gusto del Cinema” a Cortinametraggio

In una sezione speciale, guardando all’Expo in arrivo, tre appuntamenti in corto con le sequenze che fanno gola: una collaborazione tra Cortinametraggio e il Trailers Film Fest, con una selezione in tre capitoli dei trailers storici dedicati a cinema e tavola

Amarcort 2014

Si è aperta lo scorso 4 dicembre la settima edizione dell’Amarcort Film Festival di Rimini che nei suoi cinque giorni di programmazione ospita cortometraggi italiani e internazionali

12 giugno al Cinema Trevi: PER SEMPRE GIULIETTA, ricordo dell’attrice e compagna di Federico Fellini a vent’anni dalla morte

«L’attrice resta per tutti un tenero mistero, e affiorano spontanee le curiosità esistenziali: era una “piccolo borghese”, tutta casa e conti della spesa, oppure un “essere superiore”, capace di sorvolare con poetica disattenzione le miserie della vita? Ed è vero che possedesse una fede incrollabile? Si dice che elargisse molti soldi in beneficenza, specialmente alla

Squarci di settima arte: La rivoluzione neorealista

Il fulminante cambio di rotta inaugurato dal cinema italiano a cavallo tra ’40 e ’50. Un numero esiguo di film e autori unificabili sotto una comune e rivoluzionaria tendenza di rottura che segnalò al mondo intero una nuova strada da praticare. Insomma, il neorealismo.

^ Back to Top