fbpx
Connect with us

Latest News

Finding the Mother Tree: Amy Adams e Jake Gyllenhaal per l’adattamento delle memorie di Simard

I due attori, grazie alle loro case di produzione, sono di nuovo insieme, ma stavolta per l'adattamento del libro di memorie della scienziata che per prima ha scoperto come gli alberi comunicano sottoterra

Publicato

il

Finding the Mother Tree

Le società di produzione di Amy Adams e Jake Gyllenhaal hanno ottenuto i diritti di adattamento del libro di memorie della scienziata Suzanne Simard Finding the Mother Tree.

In una situazione competitiva, la Bond Group Entertainment della Adams e la Nine Stories di Gyllenhaal hanno ottenuto il libro, pubblicato oggi da Knopf. Il progetto è stato sviluppato da entrambe le compagnie e la Adams sarà la protagonista.

Finding the Mother Tree: prima di tutto un libro

Raccontando la sua ricerca rivoluzionaria e un tempo criticata, il libro è descritto come una brillante detective story scientifica. Si basa sulla donna che per prima ha scoperto come gli alberi comunicano sottoterra attraverso un’immensa rete di funghi. Il lavoro della Simard è stato elogiato per la sua “importanza planetaria” e si dice che abbia influenzato opere creative come Avatar di James Cameron (qui per tutto quello che c’è da sapere sul sequel) e l’autore Richard Powers.

La Adams su Finding the Mother Tree

La cofondatrice di Adams e Bond Group, Stacy O’Neil, ha così parlato del libro:

“ci ha entusiasmato con una narrazione sul potere impressionante della natura e gli avvincenti parallelismi nella vita personale di Suzanne. Ha trasformato per sempre la nostra visione del mondo e l’interconnettività del nostro ambiente. Finding the Mother Tree non è solo un libro di memorie profondamente bello sulla vita d’impatto di una donna, ma è anche una chiamata all’azione per proteggere, capire e connettersi con il mondo naturale”.

Le dichiarazioni di Gyllenhaal e della sua casa di produzione

Gyllenhaal e il suo partner di Nine Stories Riva Marker hanno definito il progetto:

“in parte memorie affascinanti, in parte corso intensivo di ecologia forestale. Eppure, riesce ad essere sulle cose che contano di più: i modi in cui ci prendiamo cura l’uno dell’altro, ci deludiamo a vicenda e ci ascoltiamo a vicenda. Dopo l’ultimo anno e mezzo, le sue lezioni sulla maternità, la connessione e il mondo naturale sono più attuali che mai, e siamo entusiasti di collaborare con Amy, Stacy e la loro azienda. E Suzanne Simard per adattare questa storia maestosa al film”.

Adams e O’Neil e Gyllenhaal e Marker produrranno il progetto, con Noah Stahl che supervisionerà per Nine Stories e Kate Clifford per Bond Group Entertainment. Un distributore non è ancora stato fissato.

Le due case di produzione

I crediti di Bond Group includono la premiata serie limitata di HBO Sharp Objects. Attualmente sono in pre-produzione per Kings of America di Netflix e Willa of the Wood di Entertainment One.

Fondata nel 2015, Nine Stories ha appena concluso un adattamento in lingua inglese del film danese The Guilty a Netflix, riunendo Gyllenhaal con il regista di Southpaw Antoine Fuqua. Hanno anche prodotto The Devil All The Time di Antonio Campos con Tom Holland, Robert Pattinson, Riley Keough e Sebastian Stan, e presto uscirà Joe Bell con Mark Wahlberg e Connie Britton. Nine Stories ha un accordo first look con New Republic Pictures, e robuste divisioni in TV (l’adattamento Ubisoft The Division e Snow Blind” alla Apple TV Plus) e in teatro (Slave Play di Jeremy O. Harris).

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.