George Hilton: il ricordo di Taxi Drivers

George Hilton, insieme a Giuliano Gemma, Franco Nero, Tomas Milian, Terence Hill, Gianni Garko e Antonio Sabato, rimane colui che ha consolidato e vitalizzato uno dei generi più apprezzati della miglior cinematografia nostrana, il western all’italiana. Giovanni Berardi ricorda l’attore da poco scomparso con un messaggio di affetto, di amicizia e di gratitudine

In memoria di Ugo Gregoretti. Il ricordo di Taxi Drivers

Giovanni Berardi ci offre la preziosa testimonianza del suo incontro con Ugo Gregoretti, durante il quale è stato ricostruito il complesso iter cinematografico, e non solo, del regista. Un ricordo attraverso cui ricomporre una storia ancora troppo poco nota. Un doveroso omaggio a un grande uomo di cinema

E domani?, l’esordio alla regia di Paolo Onorati e Simone Paoli

Paolo Onorati e Simone Paoli, i due filmaker di Sabaudia fanno sul serio. In questo loro primo film,  E domani? (un corto di dodici minuti, ma è in preparazione la sua versione lunga), hanno dimostrato tutta la loro sicurezza. Onorati in termini più decisamente autoriali ed amministrativi, Paoli nel senso più decisamente artistico. E il loro

Lidia Ravera: da Porci con le ali, il folgorante libro d’esordio, alla ricca attività di autrice nel cinema italiano. L’intervista di Taxi Drivers

Taxi Drivers incontra la celebre scrittrice, giornalista e sceneggiatrice Lidia Ravera. Con lei ripercorriamo una stagione particolare del cinema italiano, quella in cui lei potè fornire il suo prezioso contributo, producendo testi e sceneggiature sempre meritevoli della più viva attenzione. L’ha incontrata per noi Giovanni Berardi

FondiFilmFestival 2017: il centenario della nascita di Giuseppe De Santis

Il FondiFilmFestival, organizzato dall’Associazione Giuseppe De Santis, in programma a Fondi dal 16 al 23 settembre, è una di quelle manifestazioni cinematografiche che, silenziosamente e appassionatamente, portano avanti ormai da anni un discorso culturale di assoluto spessore. Se il Fondi ha saputo, nel corso di tutto questo tempo, assicurarsi e conservare un così alto livello

Taxi Drivers intervista Dacia Maraini: Pier Paolo Pasolini, Marco Ferreri, Salvatore Samperi, Roberto Faenza, ovvero il ricco contributo della scrittrice al cinema italiano attraverso la sua opera letteraria

Dacia Maraini si racconta a Taxi Drivers, tracciando il ricco percorso che l’ha vista protagonista del cinema italiano, attraverso il lavoro di adattamento per il grande schermo di alcune sue celebri opere letterarie. Pasolini, Ferreri, Samperi, Faenza: alcune tra le sue più significative collaborazioni

Barbara Bouchet: quaranta gradi all’ombra del lenzuolo

Cosa significa Barbara Bouchet per la generazione che oggi viaggia intorno o supera i cinquantacinque anni di età? Tante cose, e tutte decisamente sopraffine. Barbara Bouchet è stata davvero la bellezza più indagata ed esplorata nel cinema italiano degli anni settanta

Sabaudia in festival con la commedia italiana, e nel ricordo di Paolo Villaggio

  L’evento sarà dall’8 al 15 luglio presso gli spazi della piazza del comune di Sabaudia: torna insomma, e proprio a viva voce, il festival della commedia italiana. E sarà certamente un Sabaudia anche con il ricordo vivo della scomparsa di Paolo Villaggio, avvenuta proprio nei giorni della vigilia dell’evento. Ricky Tognazzi, direttore artistico insieme

In memoria di Tomas Milian

A pochi giorni dalla sua scomparsa, Giovanni Berardi ricorda Tomas Milian. Un ricordo nato di getto e scritto più che altro con le corde del cuore

In memoria di Pasquale Squitieri

Giovanni Berardi ripercorre la storia cinematografica e alcune vicende che contrassegnarono la vita di Pasquale Squitieri, regista irregolare, non allineato, che seppe realizzare alcune significative opere, che necessitano di un’attenta rivisitazione

Catherine Spaak: la ragazzina, la ragazza e poi la donna del cinema italiano

Giovanni Berardi ha incontrato per Taxi Drivers Catherine Spaak, una delle interpreti più significative di un’intensa e assai prolifica stagione del cinema italiano. I dolci inganni di Alberto Lattuada, La voglia matta di Luciano Salce, Il sorpasso di Dino Risi, La bugiarda di Luigi Comencini, La parmigiana di Antonio Pietrangeli: questi sono solo alcuni dei titoli che hanno visto protagonista l’eccellente attrice

Manifesti e Cinema: esposte a Velletri le opere di Angelo Cesselon

Il cinema non appartiene solo ai registi, agli attori, agli sceneggiatori, appartiene anche, e qualche volta proprio in misura piena, agli operatori, ai tecnici, ai maghi della luce e delle scene, anche ai disegnatori delle locandine. Angelo Cesselon, uno dei maestri del cinema fatto con il pennello, rientra proprio tra questi collaboratori importanti e silenti, finanche fondamentali, proprio per la resa commerciale di una pellicola

Concluso a Fondi il Film Festival

Anche quest’anno il FondiFilmFestival ha rispettato un parterre di ospiti davvero notevole: Giuliano Montaldo, Paola Scola e Silvia Scola, Francesca Comencini, Lino Capolicchio, Gerry Guida, Emilio D’Alessandro, Felice Farina, Mario Balsamo, Gianfranco Pannone, Sebastian Maulucci e, infine, Gianni Amelio

Adriano Aprà: “Il nostro cinema stava diventando un’industria, ma la nostra critica non ne hai mai tenuto conto”

Giovanni Berardi incontra per Taxi Drivers Adriano Aprà, un mito, certamente, per i cinefili “netti e radicali” dei primi anni settanta. Sotto il segno del suo cinema austero, rigoroso, asciutto, ma soprattutto sotto il segno della sua teoria più radicale, della sua lezione, si è formata più di una generazione di cineasti, di studiosi del cinema. Perché Adriano Aprà rimane un insigne studioso dell’arte di pensare e di fare il cinema

SabaudiaFilm.com (media): concluso il festival della commedia italiana a Sabaudia

Una scommessa certamente vinta per la città di Sabaudia il SabaudiaFilm.Com.Media, come è stato chiamato quest’anno, che ha stabilito ormai la sua propensione, anzi ha stabilito la sua identità e l’identità del suo pubblico, il quale conferma in pieno l’amore e la voglia per il cinema, per la commedia italiana, sempre quella, più o meno, una commedia dalla forte vocazione esistenziale, storica, sociale.

Isabella Ferrari: “Faccio il cinema con i miei anni, e nei nostri anni….”

Giovanni Berardi incontra per Taxi Drivers Isabella Ferrari, uno dei volti più significativi del cinema italiano contemporaneo. Attraverso una rapida panoramica ne ripercorriamo la brillante carriera, dagli esordi con la commedia leggera fino alle recenti e decisive interpretazioni a fianco di alcuni dei più valenti registi

Andrzej Zulawski: il ricordo

Avevamo incontrato il regista Andrzej Zulawski solo due anni fa. Un regista ed un uomo straordinario. Fu, quella giornata, un’esperienza importante, ricca di una conversazione bellissima, come tra due vecchi amici, semplicemente. Si era parlato certamente tanto di cinema, ma anche di altro, delle varie situazioni tristi che si possono incontrare girando il mondo. Andrzej Zulawski provava davvero tanta tristezza e tanta disperazione per come andavano e per come ancora vanno le cose nel mondo

“Il cinema oggi? Nessun disagio, ho solo smesso di farlo”. Ricordando Ettore Scola

Giovanni Berardi, che l’aveva incontrato più volte, ricorda Ettore Scola, partendo dalle sue origini di vignettista e, soprattutto, di abile sceneggiatore per poi giungere alla carriera di regista con cui, in un certo qual modo, ha chiuso un ciclo irripetibile del cinema italiano. Le stesse parole di Scola ci forniscono decisivi suggerimenti in tal senso

Gianni Amelio: “Se andrò all’inferno, come è probabile, sarà per aver abusato del cinema fin da ragazzino”

Taxi Drivers incontra Gianni Amelio, che ci parla del suo rapporto con il cinema, sorto fin da quando era bambino, e degli esordi come aiuto regista nei film musicali e negli spaghetti western (tra l’altro veniamo a scoprire che fu l’aiuto di Giulio Questi in Se sei vivo spara con Tomas Milian). Un uomo Amelio che, come solo i veri grandi sanno essere, si racconta con umanità e grande disponibilità

Uno per tutti

Tratto dall’omonimo romanzo di Gaetano Savatteri, Uno per tutti di Mimmo Calopresti è un film poetico, nitido, freddo nella sua dimensione drammatica, supportato dall’ottima recitazione di tanti bravissimi attori

Pier Paolo Pasolini: la personalità e i tormenti nelle opere di David Parenti

David Parenti è a Roma, l’ansia ed i tormenti di Pier Paolo Pasolini sono esposti nella zona del Pantheon, presso la Biblioteca Angelica di Via Sant’Agostino 11 (e vi resterà sino al 13 novembre), in una mostra che resiste davvero esemplare nella sua grammatica di verità artistica, di verità storica, di verità culturale

^ Back to Top