Connect with us

Documentari

Shooting the mafia di Kim Longinotto, un omaggio a Letizia Battaglia, Falcone e Borsellino

In Shooting the mafia Kim Longinotto racconta cosa è stata Palermo, prima del 1992, attraverso gli occhi di Letizia Battaglia, la sua fotografia, le sue emozioni, la sua umanità

Publicato

il

È iniziata al Mic di Milano, ieri, una rassegna dedicata a Letizia Battaglia e a Palermo, la città da lei tanto amata, spietata e struggente. Il suo obiettivo ha ripreso, dagli anni Settanta a oggi, le scene di miseria, di mafia, di morti ammazzati insieme al candore dei bambini, alla bellezza delle donne. Proposte tutte la primavera-estate scorse nella coinvolgente retrospettiva veneziana alla Casa dei Tre Oci, a Venezia. Ora, la mostra di Palazzo Reale, Storie di Strada, ha dato l’occasione per proiettare il film Shooting the mafia di Kim Longinotto, che uscirà nel 2020.

La Sicilia e la mafia prima del 1992

Il documentario è l’omaggio a lei e ai nostri grandi eroi del quotidiano, Falcone e Borsellino, all’umanità e alla speranza di cui sono stati portatori. Sembra rivolto soprattutto a chi li conosce poco e poco conosce la storia italiana, siciliana, di prima del 1992. Per il tono didascalico, la scelta dei documenti, le canzoni di sottofondo, l’aspetto narrativo, il film sembra destinato più a un pubblico internazionale. È stato accolto infatti benissimo al Sundance Film Festival.

Noi, in Italia, lo sappiamo quanto è cambiato da allora, dalle stragi del ‘92. Lo dice la stessa Battaglia, a proposito del film di Franco Maresco (a lei dedicato), La mafia non è più quella di una volta. “Oggi la mafia è elegante, profumata, manda i figli in college in Svizzera: i boss di una volta non si godevano la ricchezza, oggi la mafia è dentro la politica, le istituzioni. E’ ovunque, in Parlamento, e non so da che parte. È diventata intelligente, ha fatto la trattativa con lo Stato che ha funzionato”.

Lo dice Gaetano Zavatteri, nel suo bel libro Non c’è più la Sicilia di una volta (2017). Prima del 1992 la mafia era la misura di ogni storia. Poi, c’è stato lo sdegno per la morte di Falcone e Borsellino, proporzionato agli eventi, alla risonanza nelle coscienze di ciascuno. Aggiunge Zavatteri che anche il fenomeno Camilleri ha contribuito a raccontarci una Sicilia fatta non solo di mafia, ma rappresentata sotto diverse luci e angolazioni. Omicidi passionali, per piccoli interessi di bottega, di rivalità politica, qualcuno anche mafioso, ma solo qualcuno.

Le foto e le ferite

In Shooting the mafia Kim Longinotto racconta cosa è stata Palermo attraverso gli occhi di Letizia Battaglia, la sua fotografia e le sue emozioni. Soprattutto negli anni Settanta e Ottanta. Quando bisognava fare i conti con cinque o addirittura sette omicidi in un giorno solo e la cupezza dell’atmosfera in città. Le ferite forti, la vita cambiata. Non si può essere felici veramente se hai vissuto tutto questo dolore.
Un ripasso emozionale per chi quegli anni li ha vissuti, mentre il documentario sottolinea gli aspetti umani di una donna così umile nella sua determinazione. L’incipit di Shooting the mafia ce la mostra di spalle, con il suo inconfondibile caschetto di capelli rossi, e poi di fronte mentre scatta una foto. Se ne sente il clic e subito dopo la telecamera si sofferma sul suo sorriso appagato.

Letizia Battaglia si racconta

Racconta poi di sé, di come a quarant’anni si sia innamorata di ciò che poteva esprimere con la macchina e non solo scrivendo. Di essere diventata veramente una persona che non china la testa davanti alle ingiustizie, grazie al riconoscimento di ciò che vedeva e fotografava intorno a sé. Di quanto lo sguardo sulla strada e sugli altri sia riuscito a farle ascoltare ciò che avveniva nel suo mondo interiore.
A quarant’anni, perché prima di allora Letizia Battaglia vive la mancanza di libertà di una ragazzina chiusa in casa per volontà del padre. Poi, il matrimonio, appena sedicenne, nell’illusione di emanciparsi. Poi ancora i limiti di un’unione tradizionale del Sud, che non le ha permesso di continuare a studiare, come avrebbe voluto. La vita di Letizia è la storia di un riscatto femminile, di chi riesce a trovare la sua voce più profonda e il modo per condividerla.

Il dolore condiviso attraverso la fotografia

Non è facile fermare l’immagine dei tanti cadaveri sull’asfalto o nelle automobili, la disperazione delle famiglie. Quasi insostenibile quelle dei bambini uccisi. Kim Longinotto, nell’intervista di Carlo Cerofilini per Taxidrivers, dice di aver scoperto che in realtà la mafia i bambini li ha uccisi fin dall’inizio. Ha fatto scalpore l’omicidio di Giuseppe Di Matteo (1996), la cui storia è raccontata benissimo in Sicilian Ghost Story di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza. Ma non era il primo. Ce n’è uno fotografato da Letizia Battaglia, che lei non voleva esporre, per il suo conflitto irrisolto tra pudore e amore. Le foto che non ho fatto sono quelle che mi fanno più male.

Condividere il dolore con una macchina fotografica è imbarazzante, difficile fare capire che lo si fa per amore. Ma Letizia il più delle volte ce l’ha fatta con la sua autenticità, diventando un mito, anche se ancora oggi sostiene che il successo l’affatica, molto più dell’amore.
Shooting the mafia racconta tutto questo, rendendo in maniera armonica la straordinarietà di una donna e la trama collettiva del nostro Paese. Vergognosa, da una parte, nobile dall’altra. Il ritmo è abbastanza sostenuto: si alternano spezzoni di passato e presente, immagini fisse e in movimento, in bianco e nero e a colori. Testimonianze d’archivio e materiali girati per il film. Con rallentamenti che, quando capitano, non sono mai superflui, bensì carichi di aspettative.

  • Anno: 2019
  • Durata: 97'
  • Distribuzione: I Wonder Picture
  • Genere: Documentario
  • Nazionalita: Irlanda
  • Regia: Kim Longinotto