fbpx
Connect with us

In Sala

‘Silent Night’ il nuovo film di John Woo che ha poco da dire

Arriva nelle sale Silent Night - Il silenzio della vendetta, l'ultimo film di John Woo, leggenda assoluta del cinema d'azione.

Pubblicato

il

Joel Kinnaman Silent Night 2023 John Woo Kid Cudi

John Woo torna a dirigere un film d’azione negli Stati Uniti, a vent’anni da Paycheck, e lo fa con Silent Night – Il silenzio della vendetta. Revenge movie scritto da Robert Archer Lynn. Nessuna parola e tanta sete di vendetta, negli occhi spietati di Joel Kinnaman, protagonista di un film fedele ai canoni del genere ma con alcune, particolari, novità.

I protagonisti dei più celebri revenge movies sono, notoriamente, di poche parole, È una caratteristica che fa parte degli stilemi tipici del genere e contribuisce a donare al personaggio quell’affascinante aura di mistero e tormento. In Silent Night, però, il silenzio non è solo una caratteristica, ma il vero protagonista del film, o così dovrebbe essere.

La trama di Silent Night

Ancora in lutto per la morte del giovane figlio, rimasto ucciso nel fuoco incrociato di uno scontro fra bande, proprio il giorno di Natale, il padre decide di uccidere i colpevoli la notte di Natale dell’anno successivo. Ferito a sua volta durante l’inseguimento degli assassini e privato della propria voce, l’uomo si addentra nei bassifondi criminali per compiere con ogni mezzo la sua silenziosa vendetta verso chi gli ha strappato suo figlio. [fonte Plaion Pictures]

Nel cast, oltre a Joel Kinnaman (Suicide Squad, Millennium), Catalina Sandino Moreno (Maria Full of Grace), Scott Mescudi, in arte Kid Cudi (Entergalactic, X) e Harold Torres (Run Coyote Run).

Una promessa non mantenuta

L’attesa per il ritorno di John Woo è alle stelle, ma la suggestione di assistere a un nuovo cult del cinema d’azione è presto svanita. Dalle prime scene non-dialogate si ha la sensazione che l’idea non sia stata sfruttata al massimo e il pensiero intrusivo di un fan è quello di ritrovarsi di fronte a una promessa mancata.

Quello che manca è un po’ di pepe, qualche dettaglio in più. Tutto risulta piatto e poco credibile, dal personaggio, quasi fantasma, del detective incaricato di seguire il caso, alla ‘gang’ che Godlock decide di fronteggiare: un cartello della droga qualunque, al cui interno tanti uomini qualunque combattono alla disperata sotto gli ordini di un capo qualunque, ma con i tatuaggi in testa.

Anche il look pecca di originalità. Ormai è difficile distinguere un action dall’altro e Silent Night aveva le giuste premesse per creare un distacco da questa noiosa standardizzazione. Il risultato è però un mix di cose ridondanti, già viste, con un impatto visivo tutt’altro che indimenticabile. In questo, i vecchi film di Woo, erano un passo avanti, proprio perché trasudanti una pasta anni ’90 inconfondibile e speciale.

Silent Night il silenzio della vendetta

Spesso confuse e poco ispirate, le scelte stilistiche fatte in Silent Night mettono in ombra una regia a tratti magistrale, come si conviene a un autore del calibro di Woo, e a momenti puramente action davvero ben riusciti. Il lupo avrà forse perso il pelo, ma non il vizio di tenere gli occhi dello spettatore incollati allo schermo, muovendo la camera senza remore.

Non è più ‘Hard’

Il Natale è un eco lontano, la gioia delle festività, le luci e il calore di una cena in famiglia sono ciò di più distante dalle atmosfere fredde e sudicie del ghetto di Città del Messico (dove il film è stato girato), in cui Godlock, il protagonista, si ritrova, guidato dalla sua sete di vendetta. Una scelta voluta, per mostrare il mondo dagli occhi di Godlock, il quale non vede più magia nel Natale, dopo che la sua famiglia è stata distrutta. È anche una scelta, però, che allontana lo spettatore dal contesto, risultando ancora una volta una buona idea, realizzata solo in parte. Nulla a che vedere, insomma, con Die Hard, suo paragone più naturale dati il connubio tra action e ambientazione natalizia.

Un altro ‘hard’ che può richiamare alla memoria degli appassionati, è Hard Boiled, ultimo film hongkonghese di John Woo del 1991 che, seppur con dinamiche molto differenti, presenta anch’esso un bambino al centro di una sparatoria, in una scena rimasta indelebile nella storia del cinema d’azione e che lascia l’amaro in bocca, se paragonata alle ultime opere di Woo.

Chi è John Woo

Il regista di Silent Night è John Woo. Cinese, divenne leggenda del cinema d’azione ad Hong Kong, nel periodo di sua massima gloria, grazie a titoli cult come A Better Tomorrow I & II, The Killer o Hard Boiled. Si spostò quindi negli USA ad inizio anni ’90, continuando a realizzare pellicole di successo come Face/off o Mission Impossible II. Silent Night è il suo settimo film di produzione statunitense.

Silent Night Il silenzio della vendetta Poster italia

Il film, distribuito da Plaion Pictures, debutterà nelle sale italiane il prossimo 30 novembre, proponendosi come un’alternativa, a tinte cupe e rosso sangue, alle classiche uscite natalizie.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

Silent Night - Il Silenzio della vendetta

  • Anno: 2023
  • Durata: 104'
  • Distribuzione: Plaion Pictures
  • Genere: Action
  • Nazionalita: Stati Uniti d'America
  • Regia: John Woo
  • Data di uscita: 30-November-2023