fbpx
Connect with us

Live Streaming & on Demand

Waiting for the Barbarians: la recensione del film con Johnny Depp

Johnny Depp e Mark Rylance in un duello di bravura ai confini del mondo

Publicato

il

Waiting for The Barbarians  un film del 2019 di Ciro Guerra presentato alla Mostra del Cinema di Venezia con Johnny Depp, Robert Pattinson e Mark Rylance.

Il film è in streaming su Sky dall’11 dicembre 2021.

La trama

In una non definita località di confine, in un tempo non precisato, c’è un avamposto di legionari retto dal pacifico Magistrato (Rylance): la pace viene interrotta dall’arrivo del Colonnello (Depp). Inviato dal governo centrale,  deve indagare sui progetti dei fantomatici “barbari” che sembrano vivere sul confine in attesa di colpire il mondo civilizzato. I metodi del Colonnello sono la tortura e il terrore: e gli equilibri nell’avamposto cambieranno ancora con l’arrivo del suo braccio destro (Pattinson).

Waiting For The Barbarians è un libro del premio Nobel J. M. Coetzee, scritto nel 1980 in pieno apartheid, ed inserito da alcune case editrici tra i migliori del ventesimo secolo.

La recensione

Il regista colombiano Ciro Guerra lo adatta morbidamente per il grande schermo: da una parte, lasciando furbamente il sottotesto sempre attuale, dall’altra sgrezzandone alcune asperità a favore di una fascinazione visiva estrema grazie alla visione surreale e straniante delle location.

Il territorio di confine è luogo di scontro tra culture, o meglio tra quella occidentale e l’alieno, l’altro da noi, il barbaro: questa è forse l’intuizione migliore del film, la forza trainante.

Perché la storia raccontata potrebbe essere collocata geograficamente prima della Caduta dell’Impero romano, prima della conquista del West o in qualunque altra situazione di frontiera.

É lo scontro tra la presunzione di essere detentori della Civiltà e tutto il resto del mondo a formare il nucleo del film, dal ritmo lento e compassato, meditativo e profondo, di per sé lontano dai gusti massificati da multisala.

Il cinema di Guerra parte da El Abrazo de la Serpiente e finisce per riecheggiare il Deserto dei Tartari di Buzzati e la sua trasposizione di Zurlini: nel percorso, passa in maniera sottile e intelligente da temi terribilmente attuali in maniera cruda e sincera.

In questo senso, l’unico difetto del film potrebbe essere quello di avere tra gli interpreti Johnny Depp: tornato (ma è stato un -bellissimo- incidente di percorso in una carriera appannata) ai chiaroscuri di una volta, esplora le penombre nelle quali si trova tanto a suo agio e purtroppo fagocita il film, che avrebbe forse avuto bisogno di un personaggio centrale più low profile che si inabissasse nei campi lunghi e lunghissimi di frontiera.

In Waiting for The Barbarians lo spettro emozionale viene però ugualmente esplorato da una messa in scena sontuosa ed efficace, sgretolando una ad una le sovrastrutture culturali e sociali, completando in quel momento l’essenza profonda del film.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

waiting for the barbarians

  • Anno: 2019
  • Durata: 1h52'
  • Distribuzione: Sky; Iervolino Entarteinment
  • Genere: drammatico
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Ciro Guerra