fbpx
Connect with us

DVD/Blu Ray

Nudo di donna di Nino Manfredi in dvd

Un film atipico nella sconfinata attività cinematografica di uno degli eroi della commedia italiana, Nino Manfredi, che per l’occasione oltre a interpretare dirige, dato che il tema trattato gli stava particolarmente a cuore: Nudo di donna è un niente affatto scontato trattatello sull’universo femminile, o meglio sull’immaginario fantasmatico che il maschio ha di esso

Pubblicato

il

Un film atipico nella sconfinata attività cinematografica di uno degli eroi della commedia italiana, Nino Manfredi, che per l’occasione oltre a interpretare dirige, dato che il tema trattato gli stava particolarmente a cuore: Nudo di donna è un niente affatto scontato trattatello sull’universo femminile, o meglio sull’immaginario fantasmatico che il maschio ha di esso. Manfredi, che aveva scritto soggetto e sceneggiatura escluse, per i ripetuti contrasti che erano sorti, Alberto Lattuada, e prese il timone della regia, immortalando tra l’altro una malinconica Venezia, in cui il carnevale diviene metafora dello slittamento d’identità che la pacata Laura (una buona Eleonora Giorgi) innesca con il suo doppio Rirì, che Sandro (Manfredi) insegue tra le calli e i porteghi della città lagunare, dilaniato tra la necessità dell’amore coniugale e quella spinta erotica che lo induce a cercare nuovi stimoli.

L’incipit ci introduce subito nel dissidio interiore del protagonista, e vediamo una gondola, con un angelo a prua e un diavolo a poppa, dirigersi nel cuore della città, preannunciando quello che sarà lo sviluppo di tutta la vicenda. Certo, ad essere onesti, c’è un po’ d’ingenuità nel lavoro di elaborazione della donna di Manfredi, dato che ciò che viene messa in scena è la dialettica tra due archetipi di femminilità tra loro, almeno nella testa del maschio, inconciliabili, e il tutto si conclude con un tentativo di sintesi che inaugura un nuovo percorso da parte di Sandro. Insomma, si rimane impantanati all’interno della logica della relazione che, anche se riformata, almeno nelle intenzioni, sul piano delle dinamiche, non viene però davvero messa in discussione, laddove non si riesce a pensare qualcosa di alternativo ad essa, o che ne rielabori le coordinate. Eppure, non si può non elogiare lo sforzo sincero di Manfredi di mettersi in discussione, esponendo al pubblico le proprie debolezze e la volontà di pensare fino in fondo il rapporto uomo-donna, e considerando che il film è del 1981 non è davvero poco. La Giorgi che era reduce dal successo di Borotalco in coppia con Carlo Verdone regala una buona prestazione, duettando egregiamente con un fuoriclasse quale Manfredi, che viene colto nel suo continuo andirivieni tra le due donne. A sceneggiare, oltre al protagonista, ci sono tre autorità del cinema italiano quali Age, Scarpelli e Maccari, e il risultato è un film gradevole, non furbo, che pur con toni leggeri invita lo spettatore a riflettere su una questione che non cessa di richiedere una profonda elaborazione.

Da segnalare la bella sequenza finale, dove i due protagonisti si gettano nella folla di un carnevale che ricorda quello con cui Federico Fellini apriva il suo Casanova con Donald Sutherland, e in entrambi film, d’altronde, è proprio la donna che si cerca, senza alla fine davvero trovarla, un po’ come la ninfa che, non appena raggiunta, scompare. La donna eccede qualunque griglia che cerchi di inquadrarla, esorbita i limiti di qualsiasi rappresentazione, e forse l’unico modo per non impoverirne la natura è rimanere fedeli alla volatilità del suo concetto, restando ostinatamente sulla sua traccia. Manfredi, un gigante del nostro cinema (chi scrive ha sempre in mente le sue straordinarie interpretazioni, in particolare nei film del compianto Luigi Magni), realizza con Nudo di donna la sua ultima regia cinematografica dopo Per grazia ricevuta (1971), lungometraggio che gli valse il premio per la miglior opera prima al Festival di Cannes.

Pubblicato da Mustang e distribuito da CG Entertainment, Nudo di donna è disponibile in dvd con audio DD 2.0 (e sottotitoli per non udenti). Nei contenuti speciali la bella intervista a Eleonora Giorgi.

Luca Biscontini

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

  • Anno: 1981
  • Durata: 100'
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Genere: Commedia
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Nino Manfredi