fbpx
Connect with us

Ischia Film Festival

Ischia Film Festival 2024: cosa aspettarsi

Annunciate le 34 opere in concorso per raccontare il Genius Loci di 17 paesi del mondo, i Premi alla Carriera, e i vincitori dell'Ischia Film Award.

Pubblicato

il

‍Prosegue l’impegno dell’Ischia Film Festival e dei suoi ideatori nel portare all’attenzione del grande pubblico opere d’autore nazionali e internazionali segnate da una forte presenza di ambientazioni d’eccezione.

La kermesse torna dal 29 giugno al 6 luglio per celebrare le identità culturali dei territori attraverso il cinema.

Cosa aspettarsi da questa edizione

L’originale sguardo del Festival pone infatti al centro della sua indagine tematiche di natura etica, politica e sociale unite a scenari simbolici e paesaggi densi di significato con l’obiettivo non solo di raccontare il Genius Loci dei più differenti paesi del mondo ma lo specifico rapporto tra territorio e cinema, esaltando l’ambiente in cui nascono le storie. Fil rouge tematico in questa 22esima edizione è affidato alla rappresentazione del destino come paesaggio dell’uomo e della sua storia.

Saranno in totale 34 le opere in gara, di cui 3 première assolute, 3 anteprime internazionali, 2 europee, 8 italiane e 11 première regionali ripartite nelle sezioni competitive dei Lungometraggi, Cortometraggi, Location Negata.

Ischia Film Festival: i Premi

I premi anche quest’anno puntano alla specificità delle narrazioni d’autore: Il Miglior Lungometraggio, nella sezione che rappresenta il cuore pulsante del concorso, riceverà come ogni anno l’Ischia Film Award al quale Treccani Esperienze, il progetto dell’Istituto della Enciclopedia Italiana dedicato al turismo culturale, aggiungerà il volume Arte contemporanea, la prima enciclopedia dedicata all’arte contemporanea a livello internazionale; il Premio Miglior Cortometraggio porterà, invece, sugli schermi le tradizioni, la cultura e la storia dei territori.

Mentre all’opera che, per la giuria, racconterà meglio la complessità del mondo che viviamo, toccando i temi più urgenti delle battaglie dei diritti umani, della parità di genere e dell’emarginazione, sarà assegnato il Premio BPER Banca per la Location Negata, visto il suo impegno nella valorizzazione e nel sostegno dell’economia del cinema e del turismo.

La sezione Best of è invece dedicata alle opere che concorrono per il miglior film più apprezzato dal pubblico tra questi Adagio di Stefano Sollima, Another end di Piero Messina, Caracas di Marco D’Amore, Palazzina Laf di Michele Riondino, Quel maledetto film su Virzì di Stefano Petti.

Adagio

Gli ospiti d’onore

Di grande prestigio si ricorda l’istituzione da parte dell’Ischia Film Festival del Premio alla carriera dedicato ai personaggi più rilevanti del mondo del cinema per il riconoscimento di una filmografia artistica d’eccezione. Il premio di quest’anno verrà consegnato agli ospiti d’onore Stellan Skarsgård, Susanne Bier e Neri Parenti, mentre l’Ischia Film Award sarà assegnato ad Alessandro Gassmann, Gloria Reuben e Maurizio Nichetti.

Anche quest’anno il festival punta con ambizione e coraggio alla rappresentazione di un mondo che cambia, e di un’umanità che nonostante tutto non si arrende. I luoghi che raccontiamo sono i luoghi che viviamo.” ha dichiarato Michelangelo Messina, ideatore e direttore artistico dell’Ischia Film Festival.

Il Festival offre anche in questa edizione oltre alle proiezioni nei vari linguaggi filmici (fiction, documentario, animazione) un esclusivo programma denso di incontri con personalità rilevanti del panorama cinematografico nazionale e internazionale. Tra gli ospiti italiani d’eccezione Marco D’Amore, Francesco Di Leva, Alessandro Gassmann, Piero Messina, Maurizio Nichetti, Neri Parenti, Michele Riondino e tra gli internazionali la regista Premio Oscar Susanne Bier, l’attore pluripremiato Stellan Skarsgård noto al grande pubblico per aver ricoperto i ruoli del Capitano Tupolev in Caccia a Ottobre Rosso, del professor Gerald Lambeu in Will Hunting – Genio ribelle fino al Barone Vladimir Harkonnen in Dune e Dune – Parte due, e Gloria Reuben, celebre per aver interpretato il personaggio della dottoressa Jeanie Boulet in E.R. – Medici in prima linea.

Gli incontri con gli autori saranno condotti dal professor Gianni Canova, Rettore IULM e critico cinematografico, nonché Presidente Onorario del Festival, con la partecipazione dei critici cinematografici Antonio Capellupo, Giuseppe Borrone e del regista Giuseppe Carrieri.

La Giuria

Il prezioso compito della giuria è quest’anno affidato ad eccellenze del settore quali lo sceneggiatore Luca Caprara (per la sezione Cortometraggi) che ha ottenuto premi come il Golden Globe Italiano e il premio Looking for Genius al Festival di Cannes. Si aggiunge Anna De Simone (per la sezione Location negata) membro della giuria del Prix Italia; Nenad Dukic, (per la sezione Location negata) critico cinematografico, vicepresidente della Federazione dei critici cinematografici europei (FEDEORA) e membro della European Film Academy (EFA).

Segue Tiina Lokk (per la sezione Lungometraggi), fondatrice e direttrice del PÖFF film festival e membro della European Film Academy e del Comitato dei Festival FIAPF. Maurizio Nichetti (per la sezione Lungometraggi), regista, attore e sceneggiatore e direttore artistico della sede milanese del Centro Sperimentale di Cinematografia. Non solo, ma anche Jugoslav Pantelić (per sezione Lungometraggi) direttore artistico del Belgrade International Film Festival (FEST) e membro dell’EFA.

Si aggiunge Desideria Rayner (per la sezione Cortometraggi) montatrice e docente di montaggio presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo. Segue Gloria Reuben (per la sezione Cortometraggi), attrice nominata agli Emmy Award e ai Golden Globe Award. Infine, Augusto Sainati (per sezione Location negata), Professore ordinario di Storia del cinema e di Cinema e cultura visuale all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e alla Sorbonne Nouvelle di Parigi, membro dell’Accademia del Cinema Italiano e della giuria del premio David di Donatello.

Le iniziative

Anche quest’anno la piattaforma ischiafilmfestivalonline.it rimane attiva per visionare le opere della categoria Confini anch’essa ricca di anteprime. L’Ischia Film Festival con questa iniziativa vuole superare gli ostacoli geografici, permettendo al pubblico di tutto il mondo di partecipare da remoto alla visione dei film fuori concorso. Gli spettatori online avranno inoltre la possibilità di votare l’opera più apprezzata, contribuendo in questo modo alla candidatura del premio del pubblico per il film più votato.

Fin dalla sua prima edizione, l’Ischia Film Festival ha riservato uno spazio all’interno della manifestazione per mostre legate al mondo del cinema. Il 22 giugno, presso il salone delle antiche terme comunali di Ischia, verrà inaugurata la mostra Ischia Film Festival, Vent’anni di Cinema tra: Premi Oscar, Mostre e Cine-turismo. Un evento che celebra il percorso di venti anni del festival e offre una panoramica attraverso immagini di noti rappresentanti del mondo del cinema. Parallelamente, per tutta la durata del festival, all’interno dell’antico carcere borbonico al Castello Aragonese, si svolgerà mostra “Elio Luxardo e il cinema -la ricerca della bellezza” in partnership per il secondo anno consecutivo con la Fondazione 3M. Per il vernissage saranno presenti ad Ischia il curatore Roberto Mutti e la responsabile di 3M Daniela Aleggiani.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers