fbpx
Connect with us

ROME INDEPENDENT FILM FESTIVAL

‘Tales of Babylon’ : recensione dal RIFF

Una storia di crimine, famiglia, redenzione e soldi, condita da tanto accento inglese, metacinema e addirittura meme.

Pubblicato

il

Presentato in concorso al RIFF, Tales of Babylon è il secondo lungometraggio di Pelayo De Lario. Il regista inglese-spagnolo ha esordito con  Jack (2021), girato durante la seconda quarantena del Covid-19 e ottenendo un ottimo riscontro internazionale.

Tales of Babylon : sinossi

In fuga dal nonno mafioso violento, due fratelli uniranno le forze con una coppia di sicari con un talento per il teatro nella loro ricerca di una nuova vita in questa storia di crimine, violenza e redenzione. Crimine, denaro e violenza a Londra sono al centro di questa storia della moderna Babilonia.

Tales of babylon - Taxi Drivers

da sinistra: Ray Calleja nei panni di “X” e Aaron Cobham in quelli di “Y”

La recensione di Taxi Drivers

Fin dai primi minuti di visione di Tales of Babylon si viene assaliti da una sensazione familiare. Un mood già conosciuto, già visto.

Ben presto ci si rende conto infatti dell’incredibile derivazione Tarantiniana del film, che si ispira fortemente a Pulp Fiction, senza però nasconderlo.

Il regista infatti non solo ha ricreato situazioni del tutto simili al cult di Tarantino, ma i personaggi ne citano anche il titolo in una delle scene iniziali.

Tales of babylon - Taxi Drivers

Da sinistra: Brandon Burke e Albert Tallski in una scena del film

Verrebbe quindi da pensare che Tales of Babylon sia una copia, o una sorta di remake in chiave british. Tuttavia resta assolutamente godibile e divertente da guardare.

La narrazione è semplice, scritta e diretta in modo tale da non annoiare mai lo spettatore, sia nei momenti più frenetici che in quelli più distesi e dialogati.

Le interpretazioni di ogni personaggio sono assolutamente di livello e perfette per il mondo creato dal regista.

La pellicola di De Lario sembra voler essere più un omaggio: i personaggi sono sopra le righe, il ritmo incalzante, i dialoghi taglienti e spesso decontestualizzati dalla storia principale.

Le intenzioni però non bastano. Rer tutta la visione resta infatti un sensazione troppo derivativa, una mancanza di originalità unica del regista e di questa storia.

Pur essendo molto scorrevole, divertente e coinvolgente, Tales of Babylon risulta poco profondo e stratificato. Non prende la sua strada ma segue orme già impresse nella storia del cinema, aggiungendo poco per considerarlo qualcosa di nuovo.

Tales of babylon - Taxi Drivers

Maria Crittell in una scena del film.

Conclusioni

Tales of Babylon ha la fortuna-sfortuna di doversi confrontare con uno dei film più amati dei tempi moderni.

É una pellicola ricca di pregi a metà, con una regia fresca ma non innovativa, una fotografia ben curata ma non sensazionale, dei dialoghi intelligenti ma non memorabili.

Aspettando il suo risultato al RIFF, potete trovare Tales of Babylon in streaming in lingua originale su Mubi.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Tales of Babylon

  • Anno: 2022
  • Durata: 126'
  • Genere: Thriller
  • Nazionalita: Inglese
  • Regia: Pelayo De Lario