fbpx
Connect with us

UNDERGROUND

Nova Vlna al Cinema Trevi: Le margheritine (Sedmikrasky)

“Coerente e sistematica corsa all'(auto)macello, rovinosa discesa verso il nonsense del linguaggio, film in cui aggressione e distruzione, regressione e derisione marciano insieme mescolando surrealismo europeo e slapstick americano, Le margheritine (Sedmikrasky) è un gioco di coppia per due corpi femminili privi di storia e di psicologia”.

Pubblicato

il

sedmikrasky_2

Coerente e sistematica corsa all'(auto)macello, rovinosa discesa verso il nonsense del linguaggio, film in cui aggressione e distruzione, regressione e derisione marciano insieme mescolando surrealismo europeo e slapstick americano, Le margheritine (Sedmikrasky) è un gioco di coppia per due corpi femminili privi di storia e di psicologia, ma affamati di cibo e di vita, e perciò colti perennemente nell’atto di mangiare (facendo ricordar quel masticamento continuo che è la Salomé di Carmelo Bene, e non di meno La grande Abbuffata ferreriana) o d’adescare, con fare cinico e divertito, l’amante di giornata.

Carnevalesca sovversione delle regole del sociale, lo spirito dionisiaco qui irrompe in tutta la sua volontaria carica de-responsabilizzante ed edonistica, ribaltando spesso i piani di realtà e finzione all’interno della diegesi, e offrendo il potere di decidere a chi solitamente soffre la condizione del subordinato.

La sovversione dell’autorità si raddoppia attraverso le scelte registiche di Vera Chytilova, indifferente ad uno sviluppo ordinato del racconto quanto interessata ad un’incessante modificazione delle immagini che ci passano davanti, ricolorate attraverso innumerevoli viraggi, inframmezzate da spezzoni astratti, contrappuntate da un uso assai ironico della traccia audio, e poi più volte scomposte e ricomposte negando ogni coerenza spazio-temporale.

Non pare casuale a tal riguardo l’uso ripetuto delle forbici da parte delle protagoniste, costantemente intente a tagliare e ricucire il mondo a loro piacimento. Non è questo che fa sempre il cinema attraverso il montaggio?

Salvatore Insana

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.