fbpx
Connect with us

Live Streaming & on Demand

‘Nella bolla’ – Il cinema all’epoca del covid secondo Judd Apatow

Il ritorno targato Netflix di Judd Apatow è una satira sconclusionata sull'industria cinematografica ai tempi del lockdown

Publicato

il

Cast di volti noti (Karen Gillan, Pedro Pascal, David Duchovny…) per l’ultima fatica di Judd Apatow, Nella bolla (The Bubble). Una satira ai tempi del covid su Hollywood e i blockbuster, troppo dispersiva però per incidere davvero. Disponibile su Netflix.

Trama

Durante il primo lockdown l’industria cinematografica mondiale è in ginocchio. Al fortunato franchise di Cliff Beasts (giunto al sesto sequel) e al suo cast tecnico e artistico spetta il compito di salvare il cinema e di donare una distrazione all’umanità. Riuscirà questo gruppo di eroi, segregato in una lussuosa tenuta – rigorosamente covid free – nella campagna inglese, a portare a termine l’ardua e ingrata impresa?

nella bolla

Cinema, pandemia e piattaforme

Cosa resta del Cinema dopo due anni (e più) di pandemia? Cosa resta di un’industria dopo un evento epocale che l’ha stravolta sin dalle fondamenta? È significativo e ironico al tempo stesso che Judd Apatow si ponga queste domande proprio all’interno di una realtà come Netflix. Dentro, cioè, una delle piattaforme che più hanno tratto beneficio dalla pandemia a scapito dell’industria cinematografica. Ma è proprio così facendo che il regista si garantisce la possibilità di sparare a zero su quel mondo, sui suoi vizi e la sua follia. Nella bolla è in fondo questo. Una satira sul cinema al tempo del covid. La farsa su un mondo che proprio la pandemia ha messo in crisi, facendone emergere brutture e criticità.

Personaggi assurdi in un mondo ancora più assurdo

Dopo decenni a inseguire personaggi più o meno improbabili ma, per quanto possibile, sempre immersi nella (a)normalità del quotidiano, questa volta Apatow si confronta – guardando a esempi felici come Tropic Thunder – con il mondo dello star-system e di chi lo abita: esseri totalmente svincolati dalla realtà, tra manie di grandezza, deliri paranoidi e dipendenze varie. Un’operazione senza dubbio anomala per il regista, da sempre abituato a cimentarsi con commedie più intime e più vicine alla vita di tutti i giorni. Ma non per questo una cesura vera e propria con quel mondo. Perché è come se quei personaggi immaturi, irresponsabili e mai cresciuti che il cinema del regista, da 40 anni vergine a Il re di Staten Island, si porta dietro rivivessero anche qui, trasportati a forza, però, sul set di un film che non è altro che una gigantesca satira metacinematografica.

nella bolla

Tra individui con ogni tipo di dipendenza, fondatori di sette religiose e ambientalisti di facciata con il pallino per le adozioni, va così in scena il bozzetto di un’umanità fuori dal mondo (in ogni senso) e completamente in balia di se stessa. Una teoria di personaggi bizzarri all’interno di un’industria altrettanto assurda, che per non perdere i propri privilegi insegue tiktokers adolescenti (Iris Apatow, figlia minore del regista), mentre registi indie acclamati dalla critica (Fred Armisen) fanno a gara per dirigere film che dire discutibili è poco.

Un caos non programmato

Un altro film in perfetto stile Apatow, quindi? Non proprio. Perché nel passaggio a una grande produzione come Netflix pare che il regista si perda nel mare di possibilità che il soggetto gli garantisce e nella libertà assoluta che la piattaforma gli consente. Il risultato è così un film poco centrato che, cercando di parlare di tutto, finisce col parlare di niente (e spesso di non far ridere: le battute e le gag su tamponi, quarantena e distanziamento, seppur insolite per una grande produzione, sembrano ormai irrimediabilmente datate).

Resta il cast di volti noti e spesso, nonostante tutto, irresistibili (da David Duchovny a Keegan-Michael Key, passando per Pedro Pascal), con qualche cameo e qualche intuizione esilarante. Eppure a questo incubo farsesco, che sfotte i cinecomics e le produzioni milionarie disposte a tutto, manca qualcosa per essere realmente graffiante e genuinamente divertente. Come se Apatow, indeciso se inseguire i suoi soliti personaggi irrisolti o la satira di costume, il mondo del cinema o quello della pandemia, finisse col mescolare tutto in un vortice confusionario e poco divertente. Un vero peccato, visto il materiale di partenza e i lavori precedenti del regista.
Forse, alla fine, l’arduo compito di offrire all’umanità una distrazione da questi tempi bui, non è poi così facile come sembra.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Nella bolla

  • Anno: 2022
  • Durata: 126 minuti
  • Distribuzione: Netflix
  • Genere: Commedia, avventura
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Judd Apatow
  • Data di uscita: 01-April-2022