fbpx
Connect with us

FESTIVAL DI ROMA

‘Kill Bill 3’ sarà il prossimo film di Quentin Tarantino? L’annuncio alla Festa del cinema di Roma

In occasione della consegna del premio alla carriera, il regista ha raccontato alcuni aneddoti e dato alcune anticipazioni

Publicato

il

kill bill 3 tarantino

Quentin Tarantino dice di non avere idea di quale sarà il suo prossimo film che potrebbe essere Kill Bill 3.

Le dichiarazioni di Quentin Tarantino su Kill Bill 3

Perché no?

ha detto il regista quando è stato incalzato su questo tema scottante martedì alla Festa del Cinema di Roma, dove ha ricevuto un premio alla carriera dal maestro dell’horror italiano Dario Argento.

Leggi anche: Festa del Cinema di Roma 2021: premio alla carriera a Quentin Tarantino e Tim Burton

Ma Tarantino ha anche altri progetti all’orizzonte. Essi includono un libro di critica cinematografica e possibilmente una serie TV, come anticipato la domenica prima a Che tempo che fa da Fabio Fazio, prima di aggiungere:

Ma prima voglio fare una commedia.

Prima di Kill Bill 3 Quentin Tarantino pensa a una commedia

La commedia sembra essere nella mente di Tarantino. Durante una conversazione sul palco con il direttore della Festa di Roma Antonio Monda, ha descritto un progetto non specificato che sembrava molto divertente.

«Non è il mio prossimo film. È un pezzo di qualcos’altro che sto pensando di fare – e non ho intenzione di descrivere cos’è» ha detto Tarantino. «Ma una parte di questa cosa, si suppone che ci sia uno Spaghetti Western dentro».

«Non vedo l’ora di girare quella [cosa] perché sarà molto divertente. Perché voglio girarlo in stile Spaghetti Western dove tutti parlano una lingua diversa» ha proseguito, prima di scoppiare a ridere.

E ha continuato a dare altre indicazioni in merito: «Il bandito messicano è italiano, l’eroe è americano, lo sceriffo cattivo è tedesco, la ragazza del saloon messicano è israeliana. E tutti parlano una lingua diversa. E voi [gli attori] lo sapete e basta: Ok, quando lui ha finito di parlare, allora posso parlare io»

Leggi anche: ‘Kill Bill 3’ Quentin Tarantino pensa a Maya Hawke come protagonista

Il primo film visto da Tarantino

Durante un ampio discorso sui suoi 32 anni di carriera finora, durante i quali ha girato nove film, Tarantino ha detto che il primo film che ricorda di aver visto è il film di spionaggio britannico Deadlier Than the Male, diretto da Ralph Thomas, con Richard Johnson nel ruolo di James Bond.

Ecco cosa ha raccontato su questo ricordo: «Questo è quanto va indietro la mia memoria di un film; avevo letteralmente circa 5 anni. Ricordo una scena con Elke Sommer e Sylva Koscina. Rapiscono questo ragazzo e lo tengono tipo prigioniero. Ricordo di averlo guardato a 5 anni e di essere rimasto un po’ spiazzato dalla politica sessuale del film. Non lo capivo a 5 anni».

Gli anni passavano e Tarantino continuava a ricordare questo film, ma non aveva idea di quale fosse il titolo. Poi, verso la fine degli anni ’90, quando ha iniziato la sua collezione personale di film, ha comprato Deadlier Than the Male, senza sapere che fosse quello.

«E così lo proietto dopo averlo comprato. E poi all’improvviso, circa a metà, arriva quella scena e io faccio: ‘Oh mio Dio! Questo è il fottuto film! Questo è il primo film che ho visto, cazzo», ha detto.

kill bill 3 tarantino

La grande carriera di Tarantino

Interrogato da Monda, oltre che sull’eventualità di Kill Bill 3, su quando e come ha deciso di diventare regista, Tarantino ha detto che gli ci sono voluti otto anni per sfondare, e ha rivelato che ha realizzato pienamente la sua vocazione mentre prendeva lezioni di recitazione.

«Ho capito che non solo amavo i film più degli altri ragazzi della classe, ma mi importava di loro. Mentre credo che loro si preoccupassero solo di sé stessi. E il motivo è che amavo troppo i film per essere un attore».

Non volevo solo apparire in essi: Volevo che il film fosse il mio film.

Il sodalizio con Morricone

Verso la fine del discorso, Tarantino ha reso omaggio al grande compositore Ennio Morricone e ha raccontato la storia di come è nata la sua colonna sonora da Oscar per The Hateful Eight.

Dopo aver venerato Morricone per anni, e aver usato brani da lui composti per altri film, quando Tarantino ha scritto The Hateful Eight, ha pensato: «Questo dovrebbe avere una colonna sonora originale», ha detto e ha contattato il maestro.

Ma quando si sono incontrati a Roma, c’era stata un po’ di confusione. The Hateful Eight era già stato girato, mentre Morricone pensava che le telecamere non si fossero ancora accese. E lui era impegnato in un altro lavoro.

Tarantino si è detto deluso, ma avrebbe trovato un’altra soluzione. Ma poi chiese a Morricone del piccolo tema nella sua testa che Morricone aveva precedentemente menzionato. Morricone si mise al lavoro e il giorno dopo gli disse che poteva dargli tre diversi arrangiamenti del tema a cui aveva pensato, più molte tracce inutilizzate della colonna sonora che aveva scritto per il film di John Carpenter La cosa del 1982.

Tarantino ha ricordato che Morricone gli disse: «Penso di poterti dare 20-25 minuti di musica originale che forse puoi allungare a 40 minuti, a seconda dell’arrangiamento. Poi puoi usare le tracce inutilizzate de La cosa, e hai una colonna sonora originale completa»

Era un vero gigante.

(Fonte Variety)

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.