fbpx
Connect with us

IN SALA

Reflection (Vidblysk): “riflessi” di vita dopo la guerra nel film di Vasyanovych

Presentato in concorso a Venezia 78, Reflection (Vidblysk), é una potente riflessione sulla guerra e sulla condizione umana

Publicato

il

Dopo il film Atlantis (Premio Orizzonti nel 2019), il regista ucraino Vlentyn Vasyanovych é tornato a parlare del conflitto russo-ucraino in Reflection (Vidblysk), tema che egli eleva a riflessione esistenziale sulla vita e sulla morte.

La tragedia ucraina arriva così nelle nostre sale, prima per iniziativa della Biennale di Venezia, in primis di Alberto Barbera, come momento di approfondimento e sensibilità su quella tragedia Ucraina che sta tenendo il mondo con il fiato sospeso. La Wanted si é incaricata  della distribuzione promozionale a partire dal 7 marzo. Dal 17 marzo é in tutte le sale.

Reflection: opera (meta)fisica sulla crudeltà del mondo

Serhiy è un chirurgo ucraino che viene catturato e fatto prigioniero dalle forze militari russe in una zona di guerra dell’Ucraina orientale.

La permanenza in carcere si rivela un’esperienza destabilizzante: davanti ai suoi occhi si susseguono scene di violenza, orrore e umiliazione verso la vita umana.

Tornato in libertà, il medico riprende la sua normale routine nel suo appartamento borghese e tenta di ricostruire la sua vita, riallacciando i rapporti con la figlia e l’ex moglie.

Il suo processo di rinascita, dopo la prigionia, lo porta a reinventare la propria umanità e a interrogarsi sulla caducità della vita, sulla crudeltà del mondo e sull’ineluttabilità della morte.

Il merito di Vasyanovych  è quello di aver realizzato un film che parte dall’analisi di un conflitto per abbracciare una riflessione più ampia (quasi metafisica) sulle atrocità del mondo, sul senso di impotenza e colpa di fronte ad esse e sull’importanza delle relazioni, in primis i legami familiari.

Vasyanovych costruisce visivamente la storia utilizzando prevalentemente la camera fissa, una successione di piani sequenza in cui lo sguardo del regista resta distante, in modo tale che tra lo spettatore e le immagini non si frapponga nulla, nemmeno le musiche, assenti nel film (contrariamente ai suoni, potenti, sovrastanti).

La violenza esplode sui corpi, reificati, martoriati, in un contesto estremo, quasi insostenibile. E, per contrasto, nella seconda parte di Reflection, la quiete che avvolge l’ordinarietà della vita di Serhiy (dopo una morte metaforica, dell’anima) appare, anch’essa, intollerabile nella sua artificialità e insensatezza.

La tragicità della guerra opposta all’agiatezza e alla sicurezza di un appartamento, si connettono in un gioco di “riflessi” tra vita e morte, dove l’una assume valore solo messa in relazione con l’altra.

Tuttavia, Reflection è un film difficile da elaborare e faticoso da guardare; non solo per le scene cruenti della prima parte, ma anche per l’eccessiva staticità delle immagini e la netta contrapposizione tra le due parti dell’opera che, in ogni caso, non creano dinamicità nella storia né provocano un coinvolgimento emotivo del pubblico.

Reflection

Reflection: lo sguardo “riflesso” di Serhiy

Le inquadrature statiche e frontali si avvalgono di schermi o vetri (come il parabrezza di una macchina o la superficie trasparente della scena iniziale in una sala di paintball) che proteggono i protagonisti, nel loro mondo avulso dagli orrori della guerra e dalla fatalità della morte.

Al contempo, la visione del regista, nel descrivere le torture e le efferatezze, appare schermata da un vetro; egli restituisce delle immagini, i loro riflessi nitidi e puri, mantenendo una lucidità e un distacco che, per effetto paradossale, amplificano la potenza delle scene.

Curioso il fatto che il film nasca da un episodio apparentemente irrilevante, come ha dichiarato lo stesso regista: lo schianto di un piccione contro una finestra, scena, tra l’altro, riportata nel lungometraggio.

Quell’incidente, così crudele e fatale per lo sfortunato volatile, ha suscitato una reazione molto forte nella figlia del regista, di soli dieci anni.

L’irreversibilità dell’evento, la speranza disattesa in una miracolosa risurrezione dell’animale hanno condotto Vasyanovych a riflettere sulle paure insite nell’animo umano, sull’incontro con la morte e sul senso di terrore e inadeguatezza che ognuno di noi prova di fronte alla crudeltà della vita. E sulla violenza, quella inflitta dagli uomini ai propri simili e quella casuale, voluta da un fato che si limita ad osservare, proprio come la macchina da presa del regista nel suo Reflection.

Guerra in Ucraina 5 Film per cercare di comprendere

Donbass: Loznitsa e la miccia ucraina che fa temere un terzo conflitto mondiale

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Reflection (Vidblysk)

  • Anno: 2021
  • Durata: 125'
  • Distribuzione: New Europe Film Sales
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Ucraina
  • Regia: Valentyn Vasyanovych