Connect with us

Anniversari

Christopher Nolan, 50 anni. Ripercorriamo la sua Filmografia

Publicato

il

Spenge oggi 50 candeline il regista Christopher Nolan. Apprezzato da pubblico e critica, il regista inglese, è creatore di un cinema in cui memoria, spazio e tempo si intrecciano lasciando ampio spazio alla psicologia del personaggio.

In attesa di vedere Tenet, ripercorriamo la sua fimografia.

Following

Christopher Nolan, nato a Londra, esordisce nel 1998 con Following, un film noir in bianco e nero che riceve una buona accoglienza dalla critica. La pellicola ha al centro della vicenda un giovane scrittore che in cerca di ispirazione per il suo libro, segue passanti per la strada, finchè uno di questi lo farà finire in un guaio.
La pellicola, è caratterizzata da una delle peculiarità dei successivi film di Nolan, la non linearità della trama.

Memento

Memento , interpretato da Guy Pearce, Carrie-Anne Moss Joe Pantoliano, è stato apprezzato per la sua struttura narrativa non lineare legata ai temi della memoria, della percezione, del dolore e dell’auto-inganno.
Christopher Nolan ha adattato Memento da un racconto di suo fratello Jonathan Nolan intitolato “Memento Mori”, entusiasmando il pubblico. Da allora questo noir thriller psicologico è diventato un vero e proprio cult.
Memento è la storia di Leonard (Guy Pearce), che da la caccia all’uomo che ha violentato e ucciso sua moglie. La difficoltà, tuttavia, di localizzare l’assassino della moglie è aggravata dal fatto che soffre di una rara forma incurabile di perdita di memoria. Anche se riesce a ricordare i dettagli della vita prima del suo incidente, Leonard non riesce a ricordare quello che è successo un quarto d’ora prima, dove stia andando, e perché …

Leggi la notizia sul remake di Memento

Insomnia

Insomnia, del 2002 è il remake di un film norvegese omonimo, diretto da Erik Skjoldbjærg nel 1997.

Will Dormer, detective di Los Angeles, si reca in una cittadina dell’Alaska con il collega Hap per indagare su un omicidio. Durante una perlustrazione alla ricerca dell’assassino, uccide fortuitamente Hap, col quale aveva litigato la sera prima. Will, per paura, racconta che a sparare è stato l’assassino in fuga. Quest’ultimo, però, ha visto tutto, e lo ricatta. Ad aiutare Will, divorato dall’insonnia e dai sensi di colpa, ci pensa la detective Ellie.
Il film è interpretato da Al Pacino e Robin Williams, di cui si segnala l’ottima prova attoriale, affiancati da Hilary Swank, Martin Donovan, Maura Tierney.

Batman Begins

Batman Begins, anno 2005, è il primo film della trilogia dedicata a Batman.
Dopo aver assistito al brutale assassinio dei suoi genitori, il giovane Bruce Wayne viaggia per il mondo cercando di capire come si possono combattere le ingiustizie. Una volta tornato a Gotham City, diventa Batman, un eroe mascherato che usa la forza, l’intelligenza e ogni altro mezzo disponibile per contrastare le forze del Male che minacciano la città.

La sua opera più seria e più vicina alla realtà, perciò, nonostante tutto, il risultato è assai interessante. Nolan riesce in un raro esempio cinematografico a stravolgere il mondo fiabesco che si è soliti attribuire ad un eroe mascherato. Egli ci presenta, in modalità verosimili, il lato umano dei personaggi in tutto il loro emblematico contesto sociale.
Il cast è composto da Christian Bale, Michael Caine, Liam Neeson, Cillian Murphy, Morgan Freeman, Gary Oldman. Bale, Caine e Murphy saranno tre degli attori chiave dei film di Nolan, spesso ricorrenti nei suoi film.

The Prestige

The Prestige, anno 2006 è  tratto dall’omonimo romanzo di Christopher Priest, ed è interpretato da Hugh Jackman, Christian Bale, Michael Caine, Scarlett Johansson e David Bowie.
Londra, inizio 900: Robert Angier e Alfred Borden, due celebri maghi, si conoscono da quando erano prestigiatori in erba, avendo avuto lo stesso maestro. Con il passare del tempo, sono diventati acerrimi nemici che cercano di rubarsi i rispettivi segreti.

Leggi la recensione di The Prestige

Il cavaliere oscuro

Il cavaliere oscuro, 2008, è il seguito di Batman Begins, mostra il lato umano e personale di Batman tramite lo scontro/confronto con il Joker. Quest’ultimo è interpretato dall’indimenticabile Heath Ledger, Oscar postumo al Miglior Attore non Protagonista.

Leggi l’approfondimento su Il Cavaliere Oscuro 

Inception

Inception, 2010 co-prodotto, scritto e diretto da Christopher Nolan e interpretato da Leonardo DiCaprio, Tom Hardy, Ken Watanabe, Joseph Gordon-Levitt, Ellen Page, Marion Cotillard e Cillian Murphy, vincitore di 4 premi Oscar 2011. Questa volta Nolan “gioca” come non mai con i suoi argomenti preferiti: memoria, tempo e spazio. Si avvale di un grandioso cast, trascinato dall’interpretazione di Di Caprio.
Leggi la recensione di Inception

Il cavaliere oscuro-il ritorno

 

 

Passati quattro anni, , Christopher Nolan torna dietro la macchina da presa per proseguire ciò che, dopo Batman begins (2005), aveva iniziato con Il cavaliere oscuro (2008); ovvero quella rilettura real-poliziesca dell’universo di Batman, eroe dei fumetti creato negli anni Trenta dalla mente del compianto Bob Kane. Il cavaliere oscuro-il ritorno  riparte direttamente dalla fine del capitolo precedente, quando la morte del procuratore Harvey Dent aveva dato a Batman un motivo più che buono per esiliarsi, rimanendo lontano dalle gesta eroiche che lo hanno reso famoso, tanto da essere sospettato dalla polizia come responsabile dell’accaduto.

Interstellar

Interstellar , 2014, interpretato da Matthew McConaughey, Anne HathawayJessica Chastain e Michael Caine. E’ la storia di una famiglia.
Cooper (Matthew McConaughey) è un ex-astronauta della NASA che come tanti ha dovuto dedicarsi alla coltivazione del mais nella sua piccola azienda agricola dove vive insieme alla figlia Murph e al figlio Tom. Grazie a una serie di strane circostanze Cooper rientrerà in contatto con la NASA, che sa che la piaga presto attaccherà le altre coltivazioni e che opera segretamente per tentare di trovare una soluzione all’imminente catastrofe planetaria. Inizierà così un’avventura che porterà Cooper in un viaggio interstellare attraverso un cunicolo spazio-temporale, alla ricerca di pianeti di altre galassie dove si spera che l’umanità possa trovare un ambiente dove salvarsi dall’estinzione e proseguire il proprio cammino evolutivo.

Dunkirk

Con DunkirkNolan si conferma, sempre più profondamente, uno dei grandi interpreti cinematografici del nostro presente, e della sua precarietà: un visionario che punta con notevole libertà poetica ai nostri automatismi culturali e alle nostre supposte disponibilità, prendendoli appunto per le maschere rassicuranti e solo apparentemente conservative che spesso sono e diventano, e svelandone al contempo il terribile fondo.
Leggi qui la recensione