Connect with us

FOCUS ITALIA

Gli Infedeli, la recensione del film con Riccardo Scamarcio

Ne Gli Infedeli Stefano Mordini racconta i fantasmi della sessualità maschile entrando nella testa dei suoi personaggi

Publicato

il

Gli Infedeli poster tedesco

Gli Infedeli (2020) di Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio (coproduttore e cosceneggiatore), Massimiliano Gallo, Valentina Cervi, Laura Chiatti e Valerio Mastandrea in streaming su Netflix parla di tradimenti e di esistenze appese a un filo.

Alle prese con un altro remake dopo Il testimone invisibile la coppia Mordini Scamarcio continua a raccontare di verità nascoste, di tradimenti e di esistenze appese a un filo.

infedeli scamarcio e mordini

Scamarcio e il regista Mordini durante le riprese de Gli infedeli

Gli Infedeli prende di mira i fantasmi della sessualità maschile. Una narrazione più mentale che sanguigna, più ideale che materiale, rinunciando a mostrare l’oggetto del desiderio cosi come la sua soddisfazione nell’intenzione di entrare nella testa dei suoi personaggi.

Capace di recitare su più registri Scamarcio dimostra di saper fare una delle cose più difficili per un attore e cioè di saper recitare sul ridicolo  facendo la parodia del proprio innegabile sex appeal.

 

Infedeli film

Se si giudicasse un film per la sua confezione non c’è dubbio che Gli Infedeli di Stefano Mordini è il film italiano di maggior peso uscito fino a questo momento su Netflix, quello che più di altri passati sulla piattaforma aveva nel suo pacchetto le caratteristiche per essere distribuito in sala con alto numero di copie.

Insomma, almeno rispetto alla produzione nostrana, Gli Infedeli è quello che si dice un blockbuster non solo perché parliamo  di una commedia, ovverosia del genere più amato dal pubblico nostrano e perché prodotto tra gli altri dalla Indigo Film di Nicola Giuliano, artefice e primo sponsor dei successi di Paolo Sorrentino, ma soprattutto perché a interpretarlo sono due attori di cartello come Valerio Mastandrea e Riccardo Scamarcio, dopo Euforia ancora una volta insieme, ancora una volta in una commedia.

Scamarcio IInfedeli

Questo sulla carta, poiché in realtà Gli Infedeli è si un film il cui scopo principale è intrattenere lo spettatore ma nel farlo Mordini sceglie di andare  controtendenza: da una parte, raccontando l’infedeltà maschile attraverso rapporti uomo donna vecchio stile, con la seconda lontana parente delle eroine modello #METOO, vittima sacrificale delle bugie dei propri partner; dall’altra, sfumando la vis comica e caricaturale dei personaggi nella tendenza a dissimulare gli stati d’animo interiorizzandoli.

La messa in scena di una ossessione autoreferenziale

In effetti per essere una macchina da risate e buon umore Gli Infedeli preferisce una narrazione più mentale che sanguigna, più ideale che materiale, rinunciando a mostrare l’oggetto del desiderio cosi come la sua soddisfazione nell’intenzione di entrare nella testa della controparte maschile. Più che il racconto di fatti  Gli infedeli è la messa in scena di un ossessione autoreferenziale, quella relativa ad appetiti sessuali talmente egotici da fare dell’altro una mera proiezione, come dimostra la scena finale – che non sveliamo per non togliere allo spettatore il piacere della sorpresa – ispirata al Billy Wilder de A qualcuno piace caldo.

Gli Infedeli il film

I feticci e i fantasmi della sessualitá

A corroborare una visione psichica e intellettuale dell’argomento in questione concorre la rarefazione della messinscena, priva dei riferimenti più riconoscibili della metropoli romana, a differenza di altre occasioni mai presa in considerazione come contenitore di frizzi e lazzi tipici dello stile di vita e dei costumi del paese. Ad aumentare lo straniamento ci pensa poi la regia di Mordini ispirata dalla volontà di rappresentare i feticci della sessualità e i suoi fantasmi (l’episodio in cui  Laura Chiatti vede/non vede il marito in compagnia di un’altra donna è illuminante) quindi a fare dei luoghi della trasgressione – il domicilio familiare, i club prive, le stanze d’albergo – l’estensione dell’io dei protagonisti, da cui l’utilizzo di campi stretti, volti a legare facce e corpi agli ambienti.

Laura Chiatti Infedeli

Se poi ci mettiamo la particolarità del montaggio che passa senza soluzione di continuità da un capitolo all’altro – tanti sono quelli presenti nel film – quasi si stessero raccontando differenti versioni della medesima storia, allora è chiaro che con Gli Infedeli siamo di fronte a una commedia sui generis, di quelle che si facevano una volta e ora non si ha il coraggio di fare.

Gli Infedeli Trama

Gli Infedeli, il film diretto da Stefano Mordini, è composto da brevi episodi uniti insieme da un unico tema, quello dell’infedeltà.
Protagonisti delle vicende narrate sono cinque uomini, che alle prese con mogli, fidanzate e amanti, racconteranno i loro insuccessi, le loro conquiste e i loro impietosi capitomboli.
Del cast del film fanno parte: Valerio Mastandrea, Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti, Valentina Cervi, Marina Foïs, Massimiliano Gallo, Euridice Axen e Alessia Giuliani.

Valentina Cervi

Valentina Cervi in una scena del film

Gli Infedeli Trailer

Cinque storie, cinque episodi e un unico, grande tema: il tradimento in amore. Attraverso le storie brevi, vengono raccontate le peripezie amorose maschili, ognuno alle prese con mogli, fidanzate, amanti. Uno sguardo irriverente e divertito, ma anche lievemente amaro, sull’amore.

Il film è il remake dell’omonimo film francese  campione d’incassi e diretto  da sette registi: Emmanuelle Bercot, Fred Cavayé, Alexandre Courtès, Jean Dujardin, Gilles Lellouche, Michel Hazanavicius e Eric Lartigau.

Stefano Mordini ( AcciaioIl testimone invisibile) firma la sceneggiatura della commedia italiana assieme a Filippo Bologna (Quanto basta) e Riccardo Scamarcio.

Ecco il link al Trailer de Gli Infedeli 2020

La colonna sonora de Gli Infedeli

  • My Love My Love My Love
  • Maramambo
  • The Seasons of Love
  • Saxomambo
  • Infedeli Mambo
  • Dixie Boys
  • Cocktail
  • Evansiana
  • Pure Love
  • Bolertango
  • Sensualia
  • Fuga Precipitosa
  • Simple Love
  • Gardenia
  • Life Circles
  • Walzer Degli Infedeli
  • Ossessione
  • Just An Hour
  • Where there is Love
  • Svetlana
  • Festive Major
  • Gli Indifferenti

Gli Infedeli 2020 é distribuito da 01 Distribution, Netflix

I Produttori del film sono

  • HT Film,
  • Indigo Film,
  • Lebowski,
  • Rai Cinema

La Sceneggiatura degli Episodi di Gli Infedeli (2020):

Gilles Lellouche, Jean Dujardin, Riccardo Scamarcio, Stefano Mordini, Nicolas Bedos, Alexandre Courtes, Philippe Caverivière, Stéphane Joly, Filippo Bologna

  • Produttori: Riccardo Scamarcio, Nicola Giuliano, Viola Prestieri
  • Fotografia: Luigi Martinucci
  • Montaggio: Massimo Fiocchi

Curiositá

Laura Chiatti aveva giá lavorato con Riccardo Scamarcio in una interessante commedia girata in Puglia: Io che amo solo te. Ecco la recensione

io che amo solo te

Gli Infedeli

  • Durata: 88
  • Distribuzione: Netflix
  • Genere: commedia
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Stefano Mordini
  • Data di uscita: 15-July-2020

IL CAST

  • Valerio Mastandrea

    Valerio Mastandrea

    Favini
  • Riccardo Scamarcio

    Riccardo Scamarcio

    Lorenzo
  • Valentina Cervi Gli Infedeli

    Valentina Cervi

  • Laura Chiatti Gli Infedeli

    Laura Chiatti

  • Massimiliano Gallo

    Massimiliano Gallo