fbpx
Connect with us

FILM DA VEDERE

Senso, la magnifica rilettura di Visconti di un pezzo di storia italiana

Luchino Visconti rilegge un momento della storia nazionale con occhio cosmopolita, servendosi degli stilemi del melodramma per descrivere la società che ne fu protagonista, con attenzione alla musica (Verdi, Bruckner) e alla pittura (Hayez, Fattori)

Publicato

il

Senso, un film del 1954 diretto da Luchino Visconti, con Farley Granger e Alida Valli quali interpreti principali. Assistenti alla regia furono Francesco Rosi e Franco Zeffirelli, entrambi all’epoca quasi all’inizio della carriera. Il film è tratto da un omonimo e breve racconto di Camillo Boito, parte di una «bella antologia di novelle intitolata Il maestro del Setticlavio» pubblicata a cura di Giorgio Bassani, presso l’Editore Colombo di Milano. Quali interpreti di Senso Visconti aveva pensato a Ingrid Bergman e Marlon Brando, ma questa sua idea non poté essere attuata. Quanto agli altri attori principali, oltre a quelli che da tempo lavoravano nel cinema o nel teatro con Visconti, come Rina Morelli o Massimo Girotti, vi fu la presenza della giovanissima Marcella Mariani, eletta “Miss Italia” 1953 a Cortina e che poi perirà tragicamente nel 1955 in un disastro aereo. A fronte delle tante difficoltà e ostilità incontrate, Senso ebbe una «rivincita al botteghino» dato che il film riscosse presso il pubblico un lusinghiero successo, incassando 628 milioni di lire. Risultò in tal modo in ottava posizione nella classifica dei film italiani prodotti nell’anno 1954. Campione di incassi per quell’anno risultò Ulisse di Mario Camerini, con un incasso di un miliardo e 800 milioni seguito da Pane, amore e gelosia di Comencini, che sfiorò il miliardo e mezzo.

Sinossi
Venezia, 1866. La nobildonna Livia Serpieri si innamora del tenente austriaco Franz Mahler e ne diventa l’amante. Il cugino di Livia, un patriota, consegna alla donna i fondi necessari all’insurrezione, ma lei li dà a Franz per corrompere un medico. Quando però raggiunge l’amante a Verona, lui la respinge. Livia allora lo denuncia come disertore.

Luchino Visconti si era ispirato dichiaratamente a un racconto di Camillo Boito (1836 – 1914) di cui egli volle conservare, dopo alcune incertezze della produzione, il titolo, sia pure trasformandone la vicenda, cosicché il singolare ritratto di donna che l’architetto, scrittore e accademico italiano delinea assume un considerevole spessore storico e anche emblematico, facendo confluire nella sua crisi personale la vicenda di un’intera società in uno dei momenti più critici del periodo post-unitario, non dissimile, forse, da quello che egli vedeva nell’Italia dei suoi anni, con l’affievolirsi degli gli slanci ideali che avevano animato poco tempo prima la lotta antifascista a cui aveva egli stesso partecipato. Fotografia a colori di un mondo che stava per morire. Istantanea di un passato che non si nega una lettura del presente prima che la storia si annulli nella unicità borghese nella sua capacità di inglobare le altre classi alte e basse aristocratiche e popolari. Visconti aveva esordito aprendo una nuova era per il nostro cinema, aveva riportato al centro una realtà ambientale e vitale che rifiutava definitivamente i telefoni bianchi e gli amori scontati. Visconti non amava la borghesia perché amava l’estremismo dei sentimenti, amava l’Ottocento mitteleuropeo, amava la perfezione dell’arte non ammetteva pressapochismi e mezze misure. La storia dell’Ottocento sarà fatta dalle persone dalle loro passioni dalla loro capacità di affrontare la vita come in un teatro portando alle estreme conseguenze le loro idee politiche o sentimentali e quando le sconfessino sono pronti a pagarne le conseguenze. Volendo essere obiettivi non ci sono aggettivi per la recitazione di Alida Valli, patriota risorgimentale pronta a sacrificare suo marito, decisa a lasciare la vita coniugale e a rinunciare alla lotta rivoluzionaria del cugino per far scampare la guerra al suo tenente austriaco. Il finale sarà nero quando scoprirà la verità sul suo amante, il suo essere un disertore e un delatore: deciderà di denunciarlo ai suoi superiori e farlo condannare alla fucilazione. La donna tradita e traditrice non può più essere utile alla lotta del cugino, così come appare inutile un ritorno dal marito. L’ultima sua immagine non può che essere quella di un’amante sull’orlo della pazzia, che grida il nome del suo Franz. Un film che riempe lo schermo, che dà un senso alla parola melodramma, sfruttando tutte le possibilità estetiche e cromatiche, i colori accesi nei momenti della passione, il nero nel finale. Il paesaggio del Veneto non sarà mai più così protagonista eccessivo e espressivo.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 1954
  • Durata: 115
  • Distribuzione: Cristaldi Film
  • Genere: Drammatico, Storico
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Luchino Visconti