Umberto D., il capolavoro di Vittorio De Sica e Cesare Zavattini, disponibile in dvd in versione restaurata

Ancora una volta Vittorio De Sica e Cesare Zavattini seppero costruire una storia esemplare attraverso cui richiamare le coscienze al bisogno di ripensare la società del tempo, in direzione di una maggiore solidarietà ed equità

  • Anno: 1952
  • Durata: 85'
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Vittorio De Sica

Così come il capolavoro supremo del Neorealismo Ladri di biciclette (1948), Umberto D. (1952), altra pietra miliare della nostra cinematografia, ancora una volta diretto da Vittorio De Sica e scritto da Cesare Zavattini, fu accolto all’epoca della sua uscita nelle sale con non poche riserve, laddove in esso si mostrava la vita miserabile di un uomo anziano, un pensionato, il quale, nonostante una vita di onesto lavoro (era stato un funzionario del ministero), si ritrovava in uno stato di penosa indigenza che lo costringeva a compiere le più umilianti azioni pur di sbarcare il lunario. Come molti anni dopo fu efficacemente denunciato da Ettore Scola in C’eravamo tanto amati, così anche per Umberto D. la necessità della testimonianza venne ritenuta subalterna rispetto al bisogno di fornire al mondo un’immagine brillante del nostro paese. Celebri rimasero le parole dell’allora sottosegretario alla Presidenza del consiglio con delega agli spettacoli Giulio Andreotti: «Se è vero che il male si può combattere anche mettendone duramente a nudo gli aspetti più crudi, è pur vero che se nel mondo si sarà indotti, erroneamente, a ritenere che quella di Umberto D. è l’Italia della metà del secolo ventesimo, De Sica avrà reso un pessimo servigio alla sua patria».

Con la fotografia drammatica di Aldo Graziati, le musiche strazianti del maestro Alessandro Cicognini e la figura malinconicissima di Carlo Battisti, un professore di glottologia all’Università di Firenze che si rese disponibile per interpretare il ruolo del protagonista, Umberto Domenico Ferrari, Umberto D., a distanza di più di sessant’anni, non cessa di suscitare la più viva inquietudine nello spettatore, poiché la ‘rispettabilità’ dell’uomo di cui si mettono in scena le vicissitudini rende ancor più immediato e naturale il processo di immedesimazione. È uno come gli altri, anzi, per certi versi dotato di più spiccate virtù, quali la bonarietà, l’educazione e il rispetto per il prossimo. Vederlo così drammaticamente esposto alle vessazioni dell’umanità bigotta – e spietata – dell’Italia conformista dell’inizio degli anni Cinquanta rattrista non poco, perché la situazione di difficoltà economica descritta era ed è un’eventualità che poteva (e potrebbe) verificarsi per qualunque cittadino. L’assenza dello Stato, che erogava (ed eroga) pensioni non sufficienti al sostentamento, e, soprattutto, la mancanza di una coesione sociale minima capace di attenuare, per lo meno sul piano morale, le difficoltà di uomo meritevole di un ben più felice destino, rendono il film di Vittorio De Sica di un’attualità sconvolgente, il che dimostra ancor più quanto fosse necessario, checché ne pensassero gli allora rappresentati del governo.

Ancora una volta Cesare Zavattini seppe costruire una storia esemplare attraverso cui richiamare le coscienze al bisogno di ripensare la società del tempo, in direzione di una maggiore solidarietà ed equità, esigenza che caratterizzò la maggior parte di tutta la sua opera cinematografica. Dopo aver scritto il soggetto di Bellissima (1951) di Luchino Visconti, film in cui, seppur con i toni della commedia, era mostrata la miseria di una fascia della popolazione che ambiva a condizioni di vita migliori, lo sceneggiatore, giornalista, commediografo, scrittore, poeta e pittore italiano di Luzzara proseguì nel suo progetto di realizzazione di un cinema di impegno civile in grado di scuotere lo spettatore attraverso la capacità di persuasione delle immagini in movimento. In questo senso, il cinema di Zavattini incarnò esemplarmente il celebre motto contenuto nella parte finale del decisivo saggio di Walter Benjamin, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, in cui si contrapponeva al rischio dell’estetizzazione della politica la ben più proficua possibilità della politicizzazione dell’arte. Un cinema che non costituisse solo un’occasione di svago ed evasione per le masse, quanto piuttosto un efficace strumento per tentare di far sorgere, o aumentare, la consapevolezza del pubblico, affinandone lo spirito critico e stimolandone la lucidità.

Pubblicato da Mustang e distribuito da CG Entertainment, Umberto D. è per la prima volta disponibile in versione restaurata in 4k a partire dai negativi originali, con l’integrazione di sezioni di due controtipi positivi, realizzata dalla Cineteca Nazionale in collaborazione con Cineteca di Bologna e l’Associazione Vittorio De Sica. Il film è in formato 1.33:1 con audio 2.0 Dual Mono e sottitoli per non udenti opzionabili. Nei contenuti speciali è presente Un vecchio e un cane – Introduzione al film del critico cinematografico Gianni Canova.

Trova Umberto D. su CG Entertainment

GUARDA IL TRAILER >>

Utlima modifica: 6 Maggio, 2018



Condividi