Stasera in tv su Iris alle 23,30 Gli abbracci spezzati di Pedro Almodóvar, con Penélope Cruz

Ancora una volta il maestro Almodòvar riprende le corde a lui tanto care del melò avvolgente, mai stucchevole e inverosimile quanto basta. Su tutto giganteggia un atto d’amore profondissimo: quello per il cinema

  • Anno: 2009
  • Durata: 129'
  • Distribuzione: Warner Bros.
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Spagna
  • Regia: Pedro Almodóvar

Stasera in tv su Iris alle 23,30 Gli abbracci spezzati (Los abrazos rotos), un film del 2009 scritto e diretto da Pedro Almodóvar, con Penélope Cruz, Rubén Ochandiano, Blanca Portillo, Angela Molina, Carlos Leal, Lola Dueñas, Rossy De Palma, Kira Miró. A ispirare il titolo del film è Viaggio in Italia di Roberto Rossellini. Per l’esattezza si riferisce alla sequenza del ritrovamento negli scavi archeologici di Pompei di due corpi abbracciati colti dalla lava, vista da Lena e Mateo (Penélope Cruz e Lluís Homar) in un momento d’intimità. Il film in patria ha incassato 4.141.633 euro, in Italia 3.556.718 euro, negli Stati Uniti 4.870.535 dollari.

Sinossi
Un uomo scrive, vive e ama immerso nell’oscurità. Quattordici anni prima un incidente di macchina lo ha lasciato cieco e ha ucciso Lena, l’amata compagna di vita. Il suo pseudonimo è Harry Caine, professione sceneggiatore. Il suo nome è Mateo Blanco, professione regista. Dopo l’incidente l’uomo decide di convertirsi nel suo stesso pseudonimo, per continuare a svolgere l’unica professione che la sua nuova condizione fisica gli permette. Ma un altro incidente torna a toccarlo da vicino, costringendo Harry a svelare e rieborare la sua storia.

La recensione di Taxi Drivers (Natasha Ceci)

Ancora una volta il maestro Almodòvar riprende le corde a lui tanto care del melò avvolgente, mai stucchevole e inverosimile quanto basta. Gli abbracci spezzati sono quelli dolorosamente rimossi dal regista Mateo Blanco (Lluìs Homar) che in un incidente perde la vista e la sua amata.

Cancellato il passato, Mateo si costruisce una nuova identità: Harry Caine, pseudonimo con il quale firma sceneggiature, racconti ed altri lavori letterari. Accanto a lui la fidata direttrice di produzione e il figlio di lei, al quale Mateo racconta il suo passato “epico”: dall’incontro con Lena (una sublime Penélope Cruz), umile segretaria e poi donna del broker Ernesto Martel, alle riprese del suo film “Chicas y Maletas”. Il passato si incastra al presente (“ci sono cosa da cui non si può fuggire” ribadisce un personaggio di Kar Wai) e le passioni almodovariane sono sempre intense e violente e, nel loro essere preda del destino, giustificano tutto, anche un omicidio. Su tutto giganteggia un atto d’amore profondissimo: quello per il cinema. Il cinema dello stesso regista spagnolo, con i suoi riferimenti a Donne sull’orlo di una crisi di nervi e alle sue attrici feticcio come Rossy De Palma.

Il cinema che lo ha formato: Fellini, Lang, il noir e l’ironia sagace di Wilder, le letture di Tonino Guerra e RosselliniGli abbracci spezzati sono anche quelli dei due corpi mummificati che turbano la Bergman in Viaggio in Italia, mentre si aggira assieme al marito per le rovine di Pompei. Almodòvar cita non per autocompiacimento ma per amore e per esprimere il cinema come rappresentazione e duplicazione della realtà. Una realtà che è carne tremula mai doma.

GUARDA IL TRAILER >>



Condividi