fbpx
Connect with us

ShorTS International Film Festival Maremetraggio

‘The Consultant’: la trappola burocratica

Al Maremetraggio Shorts International Film Festival 2024, un corto sul potere della burocrazia sulla vita privata in una dittatura

Pubblicato

il

The Consultant

The Consultant è un corto turco del 2024 per la regia a due mani di Ibrahim Kaplan e Mehmet Kanadlı.

Sarà presentato al Shorts International Film Festival Maremetraggio di Trieste il 3 luglio, presso il Giardino Pubblico alle 21:15.

The Consultant – La Trama

In un futuro distopico, la sovrappopolazione del pianeta costringe i governi a misure a dir poco draconiane. Le vite delle famiglie sono supervisionate da consulenti che passano in rassegna tutte le spese. Neanche un centesimo può essere speso senza il loro permesso e anche la più banale decisione richiede la loro approvazione.

A rendere ancora più angosciosa la vicenda, il futuro dei giovani viene scelto dal governo: il lavoro non è più un’ispirazione personale, ma una necessità di cui i consulenti si fanno ambasciatori, loro malgrado. Ma se questi ultimi sono a loro volta controllati da altri consulenti, pur avendo diritto di veto sulle vite della gente comune, chi garantisce della loro imparzialità?

The consultant

Angoscia in interno famigliare

La storia è ambientata quasi interamente in un’unica stanza: una cucina. Se i coniugi cercano di imbonire il consulente per la richiesta lavorativa del figlio, il Consultant mette subito in chiaro di non essere loro amico.

Tutto il corto si gioca sull’ansia della situazione. Un tiro alla corda, dove i personaggi sanno di non avere il controllo della situazione, ma cercano costantemente di ottenere qualcosa dal ligio burocrate. I colori sono freddi e le inquadrature statiche. La dinamicità della sceneggiatura dà il ritmo alla regia che si alterna su campi e controcampi a ogni battuta mentre la tensione sale.

Critica sociale da un paese controverso

E’ curioso notare come The Consultant sia stato realizzato grazie all’aiuto the Ministero Della Cultura e Del Turismo della Turchia. Forse è un segno del cambiamento dei tempi, ma fino a qualche anno fa sarebbe stato difficile immaginare un finanziamento dal paese del padre e padrone Erdogan.

C’è da dire che il corto non fa espliciti riferimenti alla Turchia, tolti i nomi dei personaggi. Ma il fulcro del suo messaggio politico sta nell’elemento caratterizzante di molti paesi che hanno conosciuto l’autoritarismo nelle sue forme più disparate, Turchia compresa: lo strapotere della burocrazia.

Come ci ricorda il più importante storico del XX secolo, Eric Hobsbawm, questi regimi sono vittime del potere che danno alla classe dirigenziale da cui si sostengono. Se nessuno può controllare chi ha il potere decisionale, nel micro e nel macro, chi può impedire di danneggiare il sistema per tornaconto personale? E se anche questi fossero ligi al dovere e alla morale, verrebbero ostracizzati da tutti gli altri burocrati per tutelare i loro privilegi.

The Consultant ci pone quindi il quesito; se ne vale la pena di rinunciare ai nostri diritti per consegnare il potere decisionale a tecnici specializzati.

LEGGI LE RECENSIONI DEI FILM VISTI A MAREMETRAGGIO

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

The Consultant

  • Anno: 2024
  • Durata: 9'
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Turchia
  • Regia: Ibrahim Kaplan, Mehmet Kanadlı
  • Data di uscita: 03-July-2024