Downton Abbey (Serie TV)

Se vi piacciono i drammoni storici in costume e la qualità delle serie inglesi, allora Downton Abbey è la serie giusta. Attuale programma di punta del network inglese ITV, tanto da essere entrato anche nel Guinness dei primati come show britannico più seguito al mondo, la vicenda comincia proprio lo stesso giorno dell’affondamento del Titanic che mette in moto l’azione e sconvolge la vita di una famiglia aristocratica, i Crawley, proprietari della tenuta di Downton, nello Yorkshire.

Nell’affondamento del Titanic perde la vita l’unico erede della tenuta, un nipote del Conte. Il titolo ereditario, non potendo andare alle figlie in quanto donne, passa a un lontano cugino, Matthew Crawley, vissuto quasi all’oscuro di questa famiglia nobile, e cresciuto come avvocato borghese a Manchester. Tutti auspicano a un matrimonio tra Matthew e la maggiore delle figlie del Conte, Lady Mary, bella, capricciosa, volubile e impossibile, ma essendo appunto un drammone storico, succede di tutto e di più, e anche quando sembra intravedersi una speranza, succede qualcosa di irreparabile che li divide: orgoglio e testardaggine, guerre mondiali che scoppiano senza preavviso, pettegolezzi che rischiano di rovinare diverse reputazioni, e chi più ne ha più ne metta.

Potrebbe sembrare il classico macigno amore impossibile di inizio Novecento, ma in realtà è un prodotto a tutto tondo, in cui vengono affrontate diverse storylines e diversi temi. Come ho già accennato, vediamo attraverso gli occhi dei vari personaggi, eventi storici e come essi hanno inciso sulla vita sia dei Crawley, comunque esponente di un certo tipo di classe sociale, sia sulla gente comune, dato che metà delle vicende analizzate riguarda la servitù della tenuta. Non sono due tipologie di storie staccate, spesso si uniscono e l’abilità di Julian Fellowes, il creatore della serie, sta proprio nel conciliare le varie narrazioni: se qualcosa accade nelle cucine, o negli appartamenti dei servitori, sicuramente avrà una conseguenza su un qualche membro della famiglia, e viceversa.

Oltre la scrittura brillante e la ricostruzione storica veramente perfetta, ci troviamo a che fare con un cast che conta grandi nomi, come Hugh Bonneville, Elizabeth McGovern, Maggie Smith e Penelope Wilton. Per non parlare di Michelle Dockery (l’interprete di Lady Mary), che si rivela la star dello show, e che vanta alle spalle un’interessante carriera teatrale (nel 2012 è stata Ophelia in un Amleto di una produzione di Londra), e che prossimamente vedremo al cinema con il nuovo adattamento di Anna Karenina, purtroppo non nel ruolo principale che invece sarà di Keira Knightley.

Al momento sono state trasmesse tre stagioni, la prima da sette episodi, la seconda di otto, più un Christmas Special andato in onda lo scorso Natale, e una terza andata in onda questo autunno, composta da otto episodi, più un altro Christmas Special che andrà in onda il giorno di Natale. Una quarta stagione è stata confermata per l’autunno del 2013.

Marco Borromei

Utlima modifica: 9 dicembre, 2012



Condividi