fbpx
Connect with us

TORINO FILM FESTIVAL

‘The Sin’ quando l’horror è solo accumulo di storie

Presentato al 41° Torino Film Festival nella sezione 'Crazies', il film si inserisce nella produzione commerciale di genere molto fiorente in Corea del Sud

Pubblicato

il

The Sin è il rappresentante del cinema horror coreano nella sezione Crazies, dedicata al genere, al Quarantunesimo Torino Film Festival.

The Sin prende a piene mani dalla tradizione dell’horror nazionale

L’ horror sudcoreano ha avuto molte valenze in questi ultimi vent’anni risultando uno dei generi più vivaci nella produzione nazionale. Pensiamo ad esempio a Train to Busan di Yeon Sang-ho, capostipite di una trilogia sugli zombies. O un grande film come Goksung di Na Hong-jin (tra l’altro presentato in un’edizione precedente del Torino Film Festival) in cui si metteva in scena miti religiosi con scontri culturali tra il Giappone e la Corea del Sud con una certa originalità della messa in scena e della psicologia dei personaggi. Potremo andare avanti, ma ci fermiamo. Anche perché The Sin ha molti punti in comune con questi film e il regista Han Dong-seok prende a piene mani dalla cinematografia del proprio paese.

 

Una sinossi inutilmente complicata

Una giovane donna con problemi di memoria è assunta per girare un film art house in una località sperduta della Corea. In una scuola abbandonata e isolata, i componenti di una troupe alquanto scalcagnata pensa di girare un film. Sono invece vittime inconsapevoli  di un esorcismo per trasformarli in zombi e uccidere l’attrice. In realtà, l’attrice è posseduta da un demone con poteri soprannaturali. La donna fin da bambina elimina chiunque si metta contro di lei o le procuri un torto più o meno reale. Ma chi vuole ucciderla è una boss di un gruppo malavitoso che si vuole vendicare perché la demone ha ucciso il nipote anni prima. Ancora: c’è un gruppo di sacerdotesse che controlla il demone da tempo e una di queste le stava dando la caccia uscendone sconfitta. Con la benedizione della chiesa cattolica, tutto l’ordine di sacerdotesse continuerà dopo che il demone riesce a impossessarsi del corpo della sacerdotessa e scappare.

 

The Sin come accumulo di temi artificiosi

Come potete capire in The Sin si va dal thriller di vendetta à la Park Chan-wook al film di zombies, dall’art house metacinematografico alle possessioni demoniache, in un patchwork in cui sono assemblati convulsamente registri stilistici e temi in modo confuso. Un accumulo visivo e tematico che, alla fine, appare come un album di prova del regista coreano al suo primo lungometraggio. Quasi a illustrare come sia ampia la sua conoscenza del cinema nazional-popolare. Con flashback e flashforward, repentini cambi di climax e di percorsi narrativi, The Sin rimane, al contrario, sempre ancorato a uno stile visivo omologato allo splatter e allo jump scare fino a sé stesso. Con un finale che apre a un possibile sequel, a dimostrazione come l’operazione sia prettamente commerciale fin dalla sua ideazione, la pellicola risulta poco più che uno divertimento artificioso.

Antonio Pettierre

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

The Sin

  • Anno: 2023
  • Durata: 105
  • Genere: horror
  • Nazionalita: Corea del Sud
  • Regia: Han Dong-seok