fbpx
Connect with us

Netflix Film

‘Rustin’: il biopic di Netflix sul dimenticato eroe americano dei diritti civili

L'organizzatore della Marcia su Washington del 1963, Bayard Rustin, ottiene un biopic di Netflix prodotto dagli Obama che funziona meglio quando abbraccia la teatralità dell'attivista americano.

Pubblicato

il

Rustin George C. Wolfe

Rustin è un biopic drammatico diretto da George C. Wolfe e distribuito da Netflix.
Il film ricostruisce l’immenso lavoro (quasi) dimenticato dell’attivista statunitense Bayard Rustin, nella pianificazione della Marcia su Washington del 1963. Ecco perché la Higher Ground Productions, la casa di produzione fondata nel 2018 dall’ex presidente USA Barack Obama e dalla sua first lady Michelle Obama, ha deciso di riportare in auge la memoria di Bayard Rustin. Il film, presentato in anteprima mondiale al Toronto Film Festival, è disponibile in streaming su Netflix.

Rustin George C. Wolfe

Rustin : la trama

Figura spesso trascurata, in gran parte a causa della sua omosessualità, Bayard Rustin è stato un precursore nella lotta per i diritti civili negli anni ’60 in America. Pochi lo ricordano come la principale figura organizzativa dietro una delle più grandi manifestazioni politiche nella storia degli Stati Uniti: la Marcia su Washington per il lavoro e la libertà, che ha dato luogo al celebre discorso “I have a dream” di Martin Luther King Jr. Malgrado il suo vitale sostegno, Rustin ha preferito restare nell’ombra, lontano dai riflettori e dalla copertura mediatica, consigliando spesso King privatamente.

Il film Rustin esplora gli episodi chiave della vita dell’attivista, concentrandosi soprattutto sull’organizzazione della Marcia su Washington e sulla sua dedizione alla causa. Ostracizzato persino dai colleghi del movimento per i diritti civili che temevano l’impatto negativo della sua omosessualità sull’immagine del movimento stesso, Rustin ha operato nell’ombra, coinvolgendo personalmente migliaia di individui in uno degli eventi più significativi della storia contemporanea.

Rustin George C. Wolfe

Rustin : la recensione

Rustin porta avanti la missione di Higher Ground Productions di “raccontare storie potenti che intrattengono, informano e ispirano, elevando al tempo stesso nuove voci eterogenee nell’industria dell’intrattenimento”. Questa volta con una particolare enfasi sulla parte informativa, in quanto di intrattenente o ispirante il film ha ben poco. Nonostante la giusta intenzione di riportare alla luce una figura contemporanea come quella di Bayard Rustin, l’approccio di “agenda prima, arte dopo” risulta abbastanza sterile. Soprattutto quando il cinema ha dimostrato più e più volte che la grande arte galvanizza l’inconscio collettivo in modo più efficace di quanto non possa mai fare la propaganda medio-borghese.

Ciò che salva Rustin dalle più ciniche aspettative è come il film cerchi di catturare il fascino ispiratore dell’omonimo in altri modi. Anche se può essere goffa, la sceneggiatura di Dustin Lance Black e Justin Breece riflette il ritmo frenetico della mente elettrica di Rustin. La colonna sonora jazz di Branford Marsalis mantiene la vivacità di un uomo che rifiutava di essere tenuto a terra, mentre la fotografia digitale di Tobias Schliessler, brutale quanto basta, non ti fa mai dimenticare la bruttezza che Rustin spera di eliminare dalla vita americana.

Nelle mani oculate di un regista veterano di Broadway come George C. Wolfe, i vari attributi di Rustin a volte cospirano per creare qualcosa che non sembra affatto un biopic, bensì un film musicale su come mettere in scena uno spettacolo. In questo caso, uno degli incontri politici più grandi e impattanti della storia umana.

Le stelle dello spettacolo

Come biopic, Rustin può essere una vetrina statica e fragile per permettere a un grande attore di sfoggiare i suoi muscoli nel tipo di ruolo principale che gli è stato negato per troppo tempo. Supportato da un cast che include Chris Rock nel ruolo dell’ostinato direttore della NAACP Roy Wilkins, Audra McDonald nel ruolo dell’attivista Ella Baker, Aml Ameen nel ruolo di un Martin Luther King Jr. in conflitto (che, in una rara eccezione cinematografica, si trova dalla parte perdente di un argomento critico), e Jeffrey Wright nel ruolo dell’inservibile pastore battista Adam Clayton Powell Jr., Colman Domingo è sorprendentemente meraviglioso come un uomo che lotta per sollevare le persone nonostante le volte che viene buttato giù.

Il Rustin di Domingo è un eccitabile provocatore quacchero ispirato da Gandhi. Vive ad alta voce. Accetta le sue differenze in un mondo in cui ognuna di esse potrebbe costargli la vita. Predica con una tale convinzione il vangelo della non-violenza da farti credere di poter unire e mobilitare l’intera comunità nera in appena sette settimane. Nella realtà Bayard e il sindacalista A. Philip Randolph (Glynn Turman) hanno iniziato a pianificare la Marcia su Washington ben due anni prima.

Infotainment biografico

Rustin è sminuito dall’accelerazione forzata della trama, dall’ingannevole incorporazione delle dinamiche sociali dell’omosessualità di Rustin e dalla sconcertante decisione di accennare velocemente alla Marcia su Washington dopo averla preparata così a lungo. Il triangolo amoroso che si sviluppa tra Rustin, il compagno attivista Tom Kahn e un personaggio composito interpretato da Johnny Ramey ferma il film ogni volta che viene menzionato. Soprattutto, Rustin avrebbe potuto dare al pubblico un po’ più di tempo per cogliere l’enormità di un giorno che era molto più grande del solo immortale discorso del Dr. Martin Luther King Jr. È un bizzarro torto alla memoria di Rustin, in nessun modo riscattato dal simpatico tocco con cui Wolfe sceglie di concludere il film.

Rustin può essere un’ode emozionante al potere e alle possibilità dell’organizzazione comunitaria. Così avvincente, infatti, che alcuni dei difetti più evidenti del film diventano più simili a scelte caratteristiche. L’illuminazione scadente, l’ovvietà dei set, la prosa impostata del dialogo e il chiacchiericcio del cast ADR inserito per riempire ogni momento di silenzio, contribuiscono alla teatralità inequivocabile di un film che sembra progettato per il palcoscenico. Le persone entrano ed escono da ogni stanza con lo scopo drammatico di una battuta ben provata. I personaggi irrompono in canzoni al minimo cenno. E una scena cruciale in cui i membri neri del dipartimento di polizia di New York imparano le vie della non-violenza è coreografata con l’espressività di un balletto musicale da Broadway.

Il pubblico di ieri e di oggi

“Il suono è ciò che trasforma una folla in un pubblico”, dice Rustin con un sorriso mentre pianifica dove posizionare gli altoparlanti sul Washington Mall.
Il film di George C. Wolfe non è mai più forte né più istruttivo di quando sfrutta la magia della scenografia per sostenere la costruzione di coalizioni, superare dissidi interni e sfruttare il potere delle differenze delle persone. Questa è la vera eredità di Rustin. Era uno showman, a modo suo. E questo film, funzionale, lo onora al meglio quando ricorda che l’ambizione artistica era necessaria per il successo della sua agenda e non qualcosa che gli si frapponeva.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Rustin

  • Anno: 2023
  • Durata: 106 minuti
  • Distribuzione: Netflix
  • Genere: Drammatico, Biografico
  • Nazionalita: Stati Uniti
  • Regia: George C. Wolfe