fbpx
Connect with us

IN SALA

‘Una voce fuori dal Coro’: un gioioso romanzo di formazione

Il film è stato presentato con successo a Un Certain Regard a Cannes74 e poi al Festival di Giffoni, dove ha vinto il Gryphon Award come Miglior Film in Generator +13

Pubblicato

il

una voce fuori dal coro

Da Cannes 2021 arriva al cinema Una voce fuori dal coro, la pellicola diretta da Yoham Manca. Il film è distribuito da I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection.

Un gioioso e positivo racconto di formazione.

Spesso l’arte ha la forza di scaturire dai luoghi più ‘difficili’. Circondata dalla povertà emerge anche là dove la cultura fatica a penetrare e dove sopravvivere è il vero e primario impegno quotidiano.

Una voce fuori dal coro: la storia

É Estate (nei pressi di Parigi?) e Nour, ( Maël ROUIN-BERRANDOU) adolescente di 14 anni , è intento a ridipingere un corridoio della sua scuola “per fornire un servizio alla comunità”.

Nour vive in un quartiere popolare insieme ai suoi 3 fratelli: il rigido ma molto fragile Abel ( Dali Benssalah), che rappresenta l’alter ego del padre scomparso e si trincera dietro il suo “Sono all’altezza del ruolo”. Mo, (Sofian Khammes) ,più morbido e “diplomatico”, e Heidi, (Moncef Farfar) impetuoso, ribelle, controcorrente. I 4, nonostante molto diversi tra loro, sono uniti da un grande affetto, un legame ancestrale.

Su di loro si staglia la figura eterea, potente e amorevole della madre, stesa in coma su un letto, in una delle stanze della casa. Mentre Nour  dipinge le mura della Scuola la voce della Traviata travolge quelle stesse pareti. Nour la riconosce perchè suo padre, italiano, usava cantarla alla madre nordafricana. Il ragazzino, incuriosito, si avvicina alla fonte e incontra Sarah,  (Judith Chemla) l’insegnante del corso di canto, che lo invita ad entrare. Nour si cimenta in una nuova canzone, Una furtiva lagrima, e rivela alla donna di possedere un grande talento.

una voce fuori dal coro

L’arte è un Dono

Con un approccio molto ‘romanzesco’ ma non troppo lontano da quella che è la realtà di molti quartieri, il regista Yohan Manca si accosta con delicata discrezione al tema del Potere del Talento.

L’arte come mezzo per oltrepassare dei confini sociali rigidi , attraversare una porta avendo il coraggio di spingerla una volta ottenuta la direzione da chi funge da guida o mentore.

Ispirato alla pièce teatrale Pourquoi mes frères et moi on est parti...di Hedi Tillette de Clermont- Tonnerre, il film, se da una parte ricalca il classico schema della scoperta del giovane talento e del viaggio verso la consapevolezza all’arte, dall’altra aggiunge un’intensa sensazione di verità e di realistica rappresentazione degli ambienti nonché una forte connotazione ‘geografica’ della vicenda. La storia di Nour  è una storia sia musicale che geografica: suo padre era italiano e cantava alla madre delle canzoni italiane, forse anche per dimostrarle che avrebbe potuto essere un grande tenore.  É in parte questo aspetto che spinge Nour a inseguire il suo obiettivo e raggiungerlo, cosa che suo padre non ha saputo o potuto fare.

La trascinante musica di Bachar Mar Khalife avvolge le immagini e dona freschezza, alleggerendo il facile carico retorico legato alla trama e una gradita nota di ironia si alterna a toccanti momenti di forte emotività, suscitando sinceri sorrisi e regalando infine un messaggio positivo ma non banale.

Cast perfetto con un gruppo di piccoli grandi interpreti che ricordano lo stile di pellicole british alla Billie Elliott ma anche tanto neorealismo italiano. C’è anche il cinema di Federico Fellini che eleva e sublima le periferie, creando un contrasto con i loro contesti sociali difficili e bassi.

C’è Brutti, sporchi e cattivi, in cui Ettore Scola rappresenta il degrado con grande poesia.

I film rendono le immagini universali, mettono in scena storie senza tempo.

Ha affermato il regista … Il mio scopo era direzionare l’attenzione del pubblico su un tema sempre attuale:

l’arte può salvarci.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

UNA VOCE FUORI DAL CORO (LA TRAVIATA, MY BROTHERS AND I)

  • Anno: 2021
  • Durata: 108
  • Distribuzione: I wonder pictures
  • Nazionalita: Francia
  • Regia: di Yohan Manca
  • Data di uscita: 24-November-2022