fbpx
Connect with us

CANNES

‘The Stranger’ di Thomas M Wright a Cannes 2022 per Un certain regard

Il regista stesso parla del suo film presentato a Cannes

Publicato

il

the stranger cannes 2022

Nella sezione Un certain regard di Cannes 2022 arriva anche The Stranger.

Foto di copertina: © See-Saw Films

Cosa sappiamo su The Stranger a Cannes 2022

Due sconosciuti si incontrano. L’incontro vedrà l’uno introdurre l’altro in una vasta e influente organizzazione criminale, offrendo la salvezza da un passato violento e la promessa di un nuovo inizio.

Vent’anni di ruoli diversi hanno forgiato la carriera dell’australiano Thomas M Wright. Il suo secondo lungometraggio, The Stranger a Cannes 2022, racconta di una forte amicizia tra due uomini, Henry e Mark. Ma in realtà Mark (Joel Edgerton) sta cercando di far condannare Henry (Sean Harris) per un omicidio irrisolto.

Il film secondo il suo regista

Ecco le parole di Thomas M Wright sul suo The Stranger:

«Il mio metodo di lavoro varia e dipende dal materiale. Le scene che coinvolgono mio figlio non sono state sceneggiate e sono state girate per diversi giorni con una troupe ridotta. Le scene dipendevano dal rapporto che lui aveva costruito per un anno con il padre sullo schermo. La parte più importante del lavoro è la preparazione. Oltre alla ricerca e alla scrittura del film, c’è stato più di un anno di pre-produzione con il direttore della fotografia, lo scenografo e gli attori principali. Quando arriva il giorno delle riprese, però, dobbiamo essere pronti a rinnegare quel lavoro e a cadere».

the stranger cannes 2022

© See-Saw Films

E poi qualche parola anche sugli attori:

«Tutti gli attori sono andati a fondo in questo film. È stato un processo di confronto. Il materiale ha lasciato un segno in tutti noi. Non potrei essere più grato per il loro impegno e non potrei essere più orgoglioso del loro lavoro. Sono scomparsi nel film. Sono presenze rare e crude, tutti loro. Spero che vedere il film finito abbia offerto a tutti loro una catarsi».

Com’è diventato regista Thomas M Wright

«A quattordici anni ho scoperto i film di Stanley Kubrick e lui è diventato come un secondo padre. È morto quando avevo diciotto anni ed è stato come perdere un membro della famiglia. Si trattava di un rapporto personale e, sebbene fossi solo uno straniero proveniente da un altro Paese, ho pianto a lungo la sua perdita. In quel periodo ho anche scoperto i primi film di Jane Campion. Non avevo mai visto la nostra parte del mondo attraverso una lente come la sua. Scorreva, fioriva e sussultava di vita e di potenziale. A quell’età sono diventato attore. Ho scoperto di avere una capacità che non capivo bene, ma che richiedeva solo me, la mia mente, il mio corpo e la mia voce, nient’altro. L’idea di scrivere o di fare il regista non era una possibilità. Era qualcosa che sentivo di non avere il permesso di fare. Mi sono avvicinata al cinema tardi – e sono grata che sia così. Solo quando ho lavorato con Jane Campion come attore, nel periodo in cui è nato mio figlio, ho iniziato a collegare la mia esperienza al potenziale di scrivere e dirigere film».

Il regista oltre il suo The Stranger a Cannes 2022

Il film cult di Thomas M Wright è Velluto blu. Lynch non pensa alla narrazione come gli altri registi. È tradizionale, un arco chiuso. Ma il suo significato è personale, carico di simboli e sentimenti irrazionali – il linguaggio dei sogni. Il film è una camera d’eco del cinema – in particolare di Hitchcock – e di tutto ciò che rappresenta. È un film senza tempo.

E sul suo prossimo progetto ha annunciato:

Ho letto una citazione di Kurosawa, che diceva che ogni suo film era un’argomentazione contro il precedente…

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.