fbpx
Connect with us

Korea Film Festival

‘Start up’ di Choi Jung-yeol, dal webtoon al grande schermo la saga dei diciottenni in fuga

Ancora una peculiarità dalla Corea del Sud presentata sugli schermi del Florence Korea Film Fest, allegra commedia con sfumature gangster

Publicato

il

Start up di Choi Jung-yeol è una commedia del 2019 prodotta da Filmmaker R&K e disponibile fino a domenica 17 aprile sulla piattaforma MyMovies per il Florence Korea Film Fest.

Commedia in cui due ragazzi fuggono il sistema e il diploma in una Corea del Sud coloratissima, ma minacciosa. Dalla fuga da casa impareranno a provvedere a loro stessi, chi a suon di schiaffoni “budspenceriani”, chi rinnegando per un attimo i propri valori.

Start up di Choi Jung-yeol, la trama 

Taek-il (Jeong Min Park) e Sang-pil (Jung Hae-In), per motivi diversi, rinunciano al percorso scolastico a due passi dal diploma. Decidono di prendere in mano la propria vita e buttarsi nel mondo del lavoro: il primo fuggendo da Seoul in direzione di una città a caso e ritrovandosi a fare il corriere di un ristorante cinese; il secondo diventando, malgrado la sua indole docile, un detestabile strozzino.

Il ristorante cinese in cui si imbatte Taek-il sembra piuttosto una clinica riabilitativa, dove alcuni scappati di casa si radunano per espiare le loro colpe. Il cuoco Geo-Seok (Ma Dong-seok) è lo smanazzone punitivo che sottopone Taek-il a una scuola di vita senza sconti. Nel frattempo l’amico Sang-pil, nella disperata ricerca di un lavoro profittevole, finisce nelle grinfie di una cerchia di “loan sharks”, strozzini senza pietà che approfittano delle difficoltà economiche della povera gente, e lo costringono in una direzione che non gli appartiene.

Do what suits you.

È il motto dell’intero film, che cerca di convincere genitori, figli e colleghi che “a ciascuno il suo”, senza doversi forzare verso strade che non appartengono per ricoprire ruoli che non si condividono.

Mom…do what you want. Don’t give up your life because of me.

La galleria di personaggi

Start up di Choi Jung-yeol mette in scena spassosi personaggi la cui apparenza fisica distonica li ascrive a metà tra un manga giapponese e lo stereotipo televisivo asiatico. Non c‘è da stupirsi: il film è tratto da un webtoon e l’aspetto sgraziato dei personaggi è mostrato con orgoglio. Costumi che fanno a pugni l’uno con l’altro, parrucche finte e colori shock.

Uno zoo di personaggi tutto speciale gira attorno a questo ristorante dove il padrone sembra accogliere gli emarginati dalla società “ufficiale”.

I ragazzi si buttano così in esperienze di vita vera e si scontrano con relazioni difficili e dinamiche sociali brutali e imbruttite. Ma il richiamo della famiglia, l’unione, il rispetto, salveranno tutti i coinvolti. Attorno ad un piatto di pollo fritto.

Piacevole quindi la storia, niente di vertiginoso in termini cinematografici, giusto una parentesi ilare in mezzo agli eccessi splatter o criminali del cinema coreano degli ultimi tempi.

Florence Korea Film Festival: inizia l’edizione 20

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Start up

  • Anno: 2019
  • Durata: 101 minuti
  • Genere: Commedia
  • Nazionalita: Corea del Sud
  • Regia: Choi Jung-yeol
  • Data di uscita: 19-December-2019