fbpx
Connect with us

IN SALA

‘Operation mincemeat’. Attualità di un’opera d’arte tra finzione, scrittura, menzogna e guerra

Arriva al cinema dal BIFEST l'ottimo film di guerra con Colin Flirth, basato su una storia vera e super attuale

Publicato

il

'Operation mincemeat' - 'L'arma dell'inganno'

Eccellente film di guerra inglese, con un cast d’eccezione, ben guidato e con costumi perfetti, Operation mincemeat – L’arma dell’inganno presentato al Bifest , è ora in uscita il 12 maggio con Warner Bros.

Operation mincemeat – L’arma dell’inganno

Basato su una straordinaria storia vera, degna della reale fantasia di Jan Fleming, Operation mincemeat – L’arma dell’inganno, in cui quello che vedi non è quello che pensi, specialmente ora in epoca di guerra e specialmente con fake news e propaganda, il film assume un intelligente ‘corpo’ di realtà, oltre che un suggerimento per far riflettere più a fondo su menzogne, realtà e guerra.

Antesignano delle note fake news, il film segue l’idea di un’altra impeccabile pellicola di genere del 1956, L’uomo che non è mai esistito: attenta cura di particolari, suspense, humor, antiretorica.

Come il predecessore, Operation mincemeat si distingue per la sofisticata regia che entra ed esce dalla realtà, con dialoghi fini, sottili, veloci e un piano tattico super intelligente, capace di tenere lo spettatore avvinghiato come in un thriller.

Lo scrittore del libro: Ben Macintyre

Benedict Richard Pierce Macintyre (Oxford, 25 dicembre 1963) è un geniale scrittore storico, giornalista, britannico. Opinionista del Times nella sua rubrica si occupa di controversie storiche e di attualità. Il film è quindi basato sul suo libro sull’ Operazione Mincemeat, incentrato sul più grande inganno della seconda guerra mondiale.

Per chi non lo sapesse l’operazione Mincemeat (“carne tritata” o “macinato” in Inglese) fu un piano condotto nella primavera del 1943 dai servizi segreti britannici.

Lo scopo? Far credere all’esercito nazista che sarebbero avvenuti degli sbarchi alleati in Grecia e che la Sicilia sarebbe stata utilizzata come diversivo per distrarre le forze dell’asse dai veri obiettivi principali.

Ideatore del piano fu Ewen Montagu, il quale prese ispirazione da un racconto proprio di un giovanissimo Ian Fleming, suo collega nel servizio segreto navale britannico e massimo scrittore di spionaggio poi.

operazione mincemeat

Pianificazione

St.James 58 a Londra era la brulicante sede dei servizi londinesi e in particolare il Committee dei venti. Tra di loro, Ian Fleming fu testimone ed interprete di come guerra e scrittura, fantasia e realtà siano conniventi più che mai.

Ebbe l’idea di attuare un piano di un cadavere con documenti per ingannare Hitler sull’imminente attacco in Grecia.

L’idea incontra non poche perplessità tra i generali, pur ottenendo l’approvazione del primo ministro inglese.

Si utilizza il corpo di un giovane morto di polmonite. L’operazione sembra aver successo, ma i servizi segreti tedeschi si mettono all’opera per verificare la reale attendibilità del ritrovamento.

Il piano inglese consistette nel far giungere alla deriva, sulla costa Spagnola un corpo esanime, che sembrasse vittima di un incidente aereo, con indosso la divisa dei Marines ed alcuni documenti riservati – ovviamente falsi – nella speranza che i servizi segreti nazisti, una volta acquisitone il possesso, ne fossero depistati.

Attualità del film e sua contemporaneità visionaria

Nella guerra reale ciò che ci circonda è un promemoria dì brutalità e per fortuna nel caso della seconda guerra mondiale il finale è stato graziato dalla misericordia.

La Mise en scene conferma quindi quanto destini, arte e scrittura, invenzione e realtà versus guerra siano parte di una stesso calderone, proprio come se il fato stesso fosse una pagina bianca che attende solo di essere scritta.

E, si spera, possibilmente non cancellata dalla stupidità dell’uomo in procinto di una terza guerra mondiale.

 

La locandina di ‘Operation mincemeat’ – ‘L’arma dell’inganno’

 

La sinossi di Operation mincemeat – L’arma dell’inganno

È il 1943. Gli alleati sono determinati a spezzare la presa di Hitler sull’Europa occupata, facendo leva sul più insolito agente segreto: un uomo morto. Organizzano così un attacco in Sicilia, trovandosi davanti a una sfida impossibile: proteggere l’enorme esercito da un potenziale massacro durante l’assedio.

Straordinari agenti del controspionaggio. Ewen Montagu (Colin Firth) e Charles Cholmondeley (Matthew Macfadyen) riescono ad escogitare la più ingegnosa e improbabile strategia di disinformazione sulla guerra.

Cosa guardare al cinema a maggio 2022

Tutto il festival 

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

'Operation mincemeat' - 'L'arma dell'inganno' .

  • Anno: 2022
  • Durata: 128
  • Distribuzione: Warner Bros. International
  • Genere: Guerra
  • Nazionalita: UK USA
  • Regia: Jhon Madden
  • Data di uscita: 12-May-2022