fbpx
Connect with us

Anniversari

Robert De Niro: dove riscoprire i film del grande attore

Compie gli anni uno dei mostri sacri della settima arte: Robert De Niro, attore, regista e produttore dalle origini italiane e dallo stile inconfondibile. Gli rendiamo omaggio con una serie di titoli disponibili sulle maggiori piattaforme streaming.

Pubblicato

il

robert deniro compleanno

Oggi ricorre il compleanno di Robert De Niro, vera e propria icona della settima arte. Tra gli artisti cinematografici più conosciuti e amati di tutti i tempi, De Niro si avvicina alla soglia degli ottant’anni con una filmografia che più ricca e variegata non si potrebbe. Ma non è tutto oro quel che luccica, ed ecco perché tra i numerosi titoli da lui interpretati ce ne sono anche di dimenticabili; ma andiamo per ordine…

Buon compleanno Robert De Niro | Da Little Italy all’Actors Studio

Nato a New York il 17 agosto 1943, Robert Anthony De Niro eredita origini italiane da parte del papà – i nonni di quest’ultimo venivano da Campobasso – ma cresce insieme alla mamma, dopo la separazione dei genitori. Little Italy fornisce al piccolo tutti gli spunti, le suggestioni e le ispirazioni culturali che lo accompagneranno nel corso della sua lunga carriera. Non a caso, da quel “bacino” proviene anche Martin Scorsese, con cui De Niro intreccerà il percorso in più occasioni.

Quando la recitazione lo chiama, Bob risponde iscrivendosi all’Actors Studio di Lee Strasberg. Tecniche recitative importanti e incontri artistici altrettanto influenti lo conducono infine al debutto sul grande schermo: Oggi sposi (1963) di Brian De Palma – con cui tornerà a lavorare in futuro – esce con un ritardo di sei anni per via della censura.

L’incontro decisivo con Martin Scorsese

Tra la fine degli anni Sessanta e gli inizi dei Settanta, alterna partecipazioni a commedie come La gang che non sapeva sparare a opere impegnate come Il clan dei Barker. Dopo un provino fallito per Il padrino, arriva il vero primo successo con Batte il tamburo lentamente (1973) di John D. Hancock. Le doti attoriali e l’incredibile preparazione appaiono evidenti e vengono ampiamente lodate dalla critica.

Nello stesso anno avviene l’incontro decisivo per Robert De Niro, quello con Scorsese, ed è tutto merito di De Palma. Da Mean Streets inizia la collaborazione e l’amicizia con il cineasta (all’epoca ancora agli inizi), dai quali nasceranno capolavori senza tempo. La consacrazione non tarda ad arrivare: la parte del giovane Vito Corleone ne Il padrino – Parte II (1974) di Francis Ford Coppola gli vale un Premio Oscar come Miglior attore non protagonista.

L’anno seguente si divide tra due set di monumentale importanza, quali Novecento di Bernardo Bertolucci e Taxi Driver di Scorsese. Per seguire entrambi i lavori, vola dagli Stati Uniti all’Italia ogni settimana, a dimostrare la determinazione e della passione che lo muovono. Impara a suonare realmente il sassofono per il ruolo di Jimmy Doyle in New York, New York (1977) ; ne Il cacciatore (1978) paga di tasca sua perché un collega possa partecipare al progetto; per Toro scatenato (1981) si allena un anno intero con il pugile Jake LaMotta – a cui presterà il volto, vincendo la statuetta come Miglior attore protagonista.

Tantissimi sono i cult che costellano la filmografia di Robert De Niro, tra i quali citiamo alcuni degli anni Ottanta: Re per una notte (1983), C’era una volta in America (1984),  Brazil (1985), Gli intoccabili (1987).

Tra gli anni Novanta e il nuovo millennio

Con Quei bravi ragazzi e una nomination ai BAFTA inaugura il nuovo decennio. A seguire, veste i panni del mostro di Frankeinstein nell’adattamento (1993) dell’omonimo romanzo diretto da Kenneth Branagh. Nel 1991 nomination per Risvegli . Con Scorsese ottiene una nuova nomination per Cape Fear (1992). Alla Mostra del Cinema di Venezia gli viene consegnato il Leone d’Oro alla carriera. A cinquant’anni esatti, Robert De Niro continua a splendere in quel firmamento che lo ha accolto e che porterà per sempre impresso il suo nome.

Michael Mann, Barry Levinson, Alfonso Cuarón, Quentin Tarantino hanno l’onore di dirigerlo, prima che la sua verve comica bussi alla porta, conducendolo alla saga dei Fotter – Ti presento i miei (2000), Mi presenti i tuoi? (2004), Vi presento i nostri (2010) – al Manuale d’amore 3 (2011) di Giovanni Veronesi e a Lo stagista inaspettato (2015). In mezzo ci sono però anche progetti differenti, quali per esempio Machete (2010) di Robert Rodriguez e il “trittico” di film a cura di David O’Russell, che si compone de Il lato positivo (2012) nuova nomination agli Oscar, American Hustle (2013) e Joy (2015) – qui il trailer.

 

Gli anni più recenti della sua carriera sono attraversati da numerosi flop e da critiche talvolta sin troppo distruttive. Sebbene i titoli incriminati non lascino molto margine di discussione, ricordiamo anche la partecipazione a due grandissime opere del 2019: The Irishman e Joker.

Dalle incursioni nella regia al Tribeca Film Festival

In chiusura, poniamo l’attenzione alle incursioni nella regia da parte di De Niro. Nel 1993 si dirige in Bronx, affiancato da Chazz Palminteri; tredici anni dopo, nel 2006, dà il via a una ideale trilogia dedicata alla CIA, con The good shepherd – L’ombra del potere, con Matt Damon protagonista. Tentativi forse non eccessivamente riusciti, ma degni almeno di uno sguardo.

Decisamente più lodevole è l’iniziativa che ha portato Bob, insieme a Jame Rosenthal Craig Hatkoff, a organizzare una manifestazione come il Tribeca Film Festival, in risposta agli attentati dell’11 Settembre. In una zona fortemente e tragicamente privata di un certo spirito gioviale e di condivisione, l’attore ha riportato alla sua comunità – vive da molto tempo nel quartiere di Tribeca a Manhattan – un’occasione di spensieratezza e riflessione. La kermesse statunitense è oggi una delle più rinomate e ricercate.

Festeggiando il compleanno di Robert De Niro

FILM CON ROBERT DE NIRO SU MUBI*

RE PER UNA NOTTE (1983)
Martin Scorsese torna a dirigere Robert De Niro e dà vita a un vero e proprio cult del genere, sebbene all’epoca sia stato riconosciuto come un fiasco. Presentato al 36esimo Festival di Cannes, Re per una notte appare una satira tanto puntuale quanto pungente sul tema della fama.

BRAZIL (1985)
Robert De Niro viene diretto da Terry Gilliam in quest’opera distopica e a tratti disturbante. Brazil è il secondo film della cosiddetta “trilogia dell’immaginazione” ed è stato definito «il miglior film di fantascienza mai realizzato» da Harlan Ellison.

FILM CON ROBERT DE NIRO SU NETFLIX

LIMITLESS (2011)
Basato sul romanzo Territori oscuri di Alan Glynn, Limitless ha dato anche origine a un’omonima serie televisiva, composta di una sola stagione. Protagonista della pellicola diretta da Neil Burger è Bradley Cooper, mentre Robert De Niro interpreta il numero uno di Wall Street, Carl Van Loon.

IL LATO POSITIVO (2012)

QUEI BRAVI RAGAZZI ( 1990)

Henry Hill racconta la sua storia di gangster da quando, da bambino, guardava i boss del quartiere. Incomincia così a frequentare l’ambiente dove James, Tommy e Paul lo introducono al crimine. Leone d’argento a Scorsese a Venezia per la miglior regia. Joe Pesci premio Oscar per un film che ha fatto scuola.

THE IRISHMAN* (2019)
Diretto da Martin Scorsese e presentato alla Festa del Cinema di Roma, The Irishman è un’epopea incredibilmente emozionante e riuscita. Adattamento del saggio L’irlandese. Ho ucciso Jimmy Hoffa di Charles Brandt, il film è stato candidato a dieci Premi Oscar.

*Clicca qui per vedere The Irishman su Netflix.

FILM CON ROBERT DE NIRO SU PRIME VIDEO*

IL PADRINO 2 di Francis Ford Coppola (1974).

VOGLIA DI RICOMINCIARE (1993)
Tratto da Memorie di un impostore, romanzo biografico di Tobias Wolff, Voglia di ricominciare presenta per la prima volta insieme sullo schermo Robert De Niro e Leonardo DiCaprio. I due interpretano i ruoli di un patrigno aggressivo e del suo figliastro ribelle.

THIS BOY’S LIFE, Robert De Niro, Leonardo DiCaprio, Ellen Barkin, 1993. ©Warner Bros.

GLI INTOCCABILI (1987)
L’intramontabile pellicola diretta da Brian De Palma narra le vicende di Al Capone (Robert De Niro) e della sua nemesi, l’agente federale Eliot Ness (Kevin Costner), che riuscirà a incriminarlo e arrestarlo. Premio Oscar a Sean Connery e BAFTA a Ennio Morricone.

robert de niro gli intoccabili

BRONX (1993)
Scritto da Chazz Palminteri – anche coprotagonista del film – Bronx segna il debutto dietro la macchina da presa per Robert De Niro ed è dedicato al padre di quest’ultimo. L’attore sceglie per sé il ruolo del genitore del protagonista, un bambino che cresce con il mito dei criminali di quartiere.

HEAT – LA SFIDA (1995)
Riprendendo la storia del tv movie Sei solo, agente Vincent, Michael Mann dirige due mostri sacri quali Robert De Niro e Al Pacino, per la prima (ma non l’unica) volta insieme sullo schermo. Heat – La sfida è un noir di altissimo livello, dal cast eccezionale e dal grande successo al botteghino.

SLEEPERS (1996)
Tratto dall’omonimo romanzo autobiografico di Lorenzo Carcaterra – interpretato sullo schermo da Jason Patric Sleepers è un’opera di denuncia sociale implacabile ed emozionante. Accanto a Robert De Niro, nei panni di Padre Bobby, troviamo Brad Pitt e Vittorio Gassman

TI PRESENTO I MIEI (2000)
Diretto da Jay Roach, Ti presento i miei è il primo capitolo della trilogia che vede protagoniste due famiglia agli antipodi, i Fotter, il cui rappresentante eletto è il Greg di Ben Stiller, e i Byrnes, di cui fa parte il personaggio di Robert De Niro. Inizialmente il progetto doveva essere diretto da Steven Spielberg.

STARDUST (2007)
Liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Neil Gaiman, Stardust di Matthew Vaughn regala a Robert De Niro uno dei personaggi più memorabili e simpatici della sua ricchissima carriera: Capitan Shakespeare. Sebbene si fosse sparsa la voce di un possibile sequel, il progetto non è purtroppo mai andato in porto.

Robert de niro compleanno

MACHETE (2010)
Nato da una serie di suggestioni alquanto particolari, Machete è il capolavoro di Robert Rodriguez, presentato fuori concorso alla 67esima Mostra del Cinema di Venezia. Grazie al successo al botteghino, la pellicola ha ottenuto anche un sequel, Machete Kills. Robert De Niro interpreta il senatore corrotto McLaughlin.

LAST VEGAS (2013)
Robert De Niro divide la scena con Michael DouglasMorgan FreemanKevin Kline, in questa commedia dal sapore nostalgico, presentata al Torino Film Festival e diretta da Jon Turteltaub. Al centro della trama di Last Vegas un addio al celibato âgée.

*Clicca qui per i film con Robert De Niro su Prime Video.

*Salve sono Sabrina, se volete leggere altri miei articoli cliccate qui.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.