fbpx
Connect with us

Netflix Film

The call, il thriller soprannaturale sudcoreano del momento. Su Netflix

Publicato

il

Una trama ricca di ribaltamenti caratterizza The call, thriller soprannaturale prodotto da Jeong Hui-sun per Yong Film e arrivato su Netflix dal Sud della Corea. Il regista esordiente Lee Chung-hyun si basa sul film The caller (2011) e rischia di infrangere la sospensione di incredulità in qualche sequenza, ma nel complesso realizza un film attraente per gli amanti del genere.

The Call: il telefono come simbolo di condizione esistenziale

Due ventottenni che vivono a vent’anni di distanza l’una dall’altra entrano in contatto attraverso un cordless. L’iniziale shock si stempera nel corso delle telefonate e le ragazze provano ad instaurare un rapporto di reciproca solidarietà. Ma il gap generazionale non tarda a farsi sentire: una cosa è trascorrere le giornate a scrivere su un diario, un’altra avere a disposizione internet. Proprio l’oggetto che usano per comunicare diventa simbolo delle differenti condizioni esistenziali: per la ragazza del passato il telefono è soltanto un telefono, per la ragazza del presente è uno strumento con infinite possibilità, dall’ascolto della musica al fotografare. Quando il complesso di inferiorità di una delle due giovani porta all’incomprensione e si tramuta in rabbia, in gioco non c’è solo il destino di entrambe, ma addirittura la vita delle persone che le circondano.

Quattro importanti ruoli femminili

Se focalizziamo personaggi e relazioni, vediamo che The call mette simmetricamente in scena due drammatici rapporti madre-figlia. Nel presente troviamo la giovane e malinconica Seo-yeon, che prova odio per sua madre perché attribuisce a lei la causa accidentale della morte del padre. Nel 1999 vive invece Young-sook, una ragazza in balìa della propria matrigna che pratica quotidianamente dei violenti esorcismi su di lei.

Quattro donne interpretate da popolari attrici sudcoreane: i ruoli delle figlie sono rispettivamente affidati a Park Shin-hye, volto noto della televisione nazionale anche come cantante e modella, e Jeon Jong-seo, conosciuta a livello internazionale per aver recitato nel thriller psicologico Burning (2018), basato su un racconto di Haruki Murakami. Le due adulte sono invece interpretate da Kim Sung-ryung, Miss Corea nel 1988 e anche giornalista televisiva, e dall’attrice Lee El.

Nel film rimangono in secondo piano i ruoli maschili, caratterizzati da una presenza ad intermittenza dovuta ai colpi di scena dell’intreccio narrativo.

Un’ambientazione d’effetto

Tra i punti di forza di The call c’è l’intrigante villa rurale abitata in epoche diverse dai due nuclei familiari. Il thriller entra nel vivo nel momento in cui la giovane Seo-yeon ritorna nella dimora che l’ha vista bambina: un’efficace inquadratura buia introduce all’interno la ragazza che non sa cosa l’aspetta. Nel corso del film, insieme all’evoluzione che compiono i personaggi principali, anche la villa si trasforma: da vuota e abbandonata sarà capace di diventare accogliente e funzionale o viceversa inquietante e letale. Quando tra quelle pareti squilla il misterioso cordless, viene da pensare alla casa di campagna e al telefono di bachelite del romanzo Alla scoperta dell’alba. Anche se il libro, scritto da Walter Veltroni nel 2006 e trasposto cinematograficamente da Susanna Nicchiarelli, descrive un viaggio nel tempo in un contesto e con un esito completamente diversi.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

The call

  • Anno: 2020
  • Durata: 112'
  • Distribuzione: Next Entertainment World; Netflix
  • Genere: Thriller soprannaturale
  • Nazionalita: Corea del Sud
  • Regia: Lee Chung-hyun