Connect with us

IN SALA

Al cinema ENDLESS, un film di Scott Speer

Esce prossimamente nelle sale Endless, un “teen drama” che tratta della morte e dell’elaborazione del lutto

Publicato

il

Esce nelle sale Endless un film del regista californiano Scott Speer, distribuito, in Italia, dalla Eagle Pictures.

Un grande amore che sfocia nella tragedia

Il film segue le vicende dei giovani Chris e Riley. Molto diversi fra loro come carattere, entrambi sono follemente innamorati l’uno dell’altra.

Chris ha come passatempo principale la sua potente motocicletta, alla quale dedica parecchio del tempo libero. Riley, più riflessiva e in attesa di sapere se verrà accettata al college per studiare Legge, ha come hobby quello del disegno, nel quale eccelle.

Quando Riley annuncia a una festa di essere stata accettata alla Georgetown University Chris realizza che dovranno, almeno temporaneamente, separarsi. Disperato inizia a bere e Riley decide di riportarlo a casa su una macchina chiesta in prestito a un amico.

Purtroppo lungo il tragitto del ritorno, dopo una accesa discussione, i due sono vittime di un terribile incidente che causerà la morte del ragazzo e manderà Riley in ospedale priva di sensi.

Al risveglio apprenderà la triste notizia della morte del fidanzato.

Tuttavia Chris pur essendo defunto continuerà a vedere la ragazza che, dopo qualche tempo, inizierà a rendersi conto della costante “presenza” accanto a lei del fidanzato.

La morte e l’elaborazione del lutto: un tema ampiamente trattato al cinema

La speranza di chi resta di poter in qualche modo rimanere in contatto con la persona cara che se ne è andata, è innato nella natura umana. Un aspetto che supera, spesso, il materialismo più stretto.

Il cinema, negli anni, ha ampiamente trattato il tema della morte e dell’elaborazione dell’evento luttuoso.

Guardando Endless non si può non andare con la mente a Ghost, il film divenuto ormai di culto realizzato esattamente trent’anni fa da Jerry Zucker e interpretato da Patrick Swayze, Demi Moore e Whoopi Goldberg.

Ma, analogamente, viene in mente un a pellicola altrettanto di successo quale fu Il paradiso può attendere di e con Warren Beatty (1978), a sua volta remake de L’inafferrabile Signor Jordan di Alexander Hall (1941).

In tutti questi casi il cardine della narrazione è il tema della vita dopo la morte. Ma in Endless a essere trascinante è, soprattutto, la tematica dell’elaborazione del lutto.

Riley – la giovane Alexandra Shipp che avevamo già visto qualche anno fa in Tuo, Simon – ha il volto bello e pulito di una giovane donna che ha trovato l’amore della sua vita e che se lo vede sfuggire fra le dita per via di una drammatica disattenzione.

Elaborare il lutto diventa pertanto necessario per poter affrontare la vita senza Chris, qui interpretato da Nicholas Hamilton (It, Captain Fantastic).

Ma la tendenza che ha l’uomo a non voler accettare una perdita porterà Riley a ricercare ostinatamente il suo giovane fidanzato.

Lo farà disegnandone ossessivamente il volto sino a quando, fra i due, si creerà una connessione attraverso la quale potranno tornare in contatto.

Chris, nel suo vagabondare da morto fra i vivi, è scortato da Jordan (DeRon Horton), deceduto a diciassette anni molto tempo prima. Jordan lo prenderà sotto la sua ala protettrice aiutandolo a superare il trauma della sua nuova condizione e cercando di fargli comprendere quali sono i rischi nel voler continuare a rimanere in contatto con l’amata.

In Endless amore e morte si fondono in un drammatico connubio. Con la consapevolezza che, per continuare ad amare, sia necessario potersi lasciare andare.

Affidarsi ai ricordi è l’unica possibilità che Riley ha per poter proseguire la propria vita. Con la certezza del grande dono che, pur nella tragedia, le ha lasciato Chris amandola.

Un “teen drama” che sconta una sceneggiatura poco incisiva

Endless, alla fine, si rivela essere un “teen drama” che vorrebbe scatenare la commozione, grazie anche agli intensi primi piani dei protagonisti, esplicativi della sofferenza provocata dalla morte.

Sconta, purtroppo, una sceneggiatura (di Andre Case e Oneil Sharma) che avrebbe potuto essere molto più incisiva ma che, al contrario, solo raramente risulta essere emotivamente coinvolgente.

Endless

  • Anno: 2020
  • Durata: 95'
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Stati Uniti
  • Regia: Scott Speer
  • Data di uscita: 23-September-2020