Sesta edizione di Sala Web della Biennale di Venezia: il film di cui oggi vi proponiamo la visione è No Date, No Signature di Vahid Jalilvand (Orizzonti)

Il regista iraniano Vahid Jalilvand a proposito del suo No Date, No Signature: "Questo film potrebbe essere un’elegia sulla tomba dell’uomo che una volta ho sognato di essere."

  • Anno: 2017
  • Durata: 104'
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Iran
  • Regia: Vahid Jalilvand

Prosegue felicemente la partnership tra Taxi Drivers e Festival Scope, una piattaforma online per professionisti e amanti del cinema.

Taxi Drivers è lieta di fornire ai propri lettori l’opportunità di visionare alcune delle opere selezionate al Festival di Venezia di quest’anno. Chi vorrà, potrà ususfruire di tale accesso dal 30 Agosto fino al 19 Settembre.

La sesta edizione di questo progetto innovativo non sarà solo un’opportunità per gli amanti del cinema, ma anche per i registi per trovare sinergie con un pubblico di cinefili, desiderosi di nuove sorprese artistiche. Le proiezioni di Sala Web saranno ospitate in un sito sicuro gestito da Festival Scope per conto del Festival di Venezia. Festival Scope è una piattaforma dove gli amanti del cinema internazionale possono scoprire nuovi film innovativi da casa, attraverso eventi esclusivi in ​​collaborazione con i più importanti festival cinematografici del mondo. I biglietti digitali per le proiezioni di Sala Web sono in vendita su Festival Scope. Gli utenti possono registrarsi e acquistare biglietti per le proiezioni previste con tutti i biglietti a 4 € o un Festival Pass. Una volta acquistato il biglietto per un titolo scelto, gli utenti potranno visionare il film dalle ore 21:00 del giorno della premiere ufficiale. Si potrà accedere fino al 19 Settembre.

Il film, presente nella sezione Orizzonti, di cui oggi vi proponiamo la visione, è No Date, No Signature di Vahid Jalilvand con Navid Mohammadzadeh, Amir Agha’ee, Hediyeh Tehrani, Zakiyeh Behbahani, Sa’eed Dakh e Alireza Ostadi.

Sinossi: Il dottor Narima, anatomo-patologo, un uomo virtuoso e di solidi principi, ha un incidente con un motociclista e la sua famiglia, in cui ferisce un bambino di otto anni. Pagati i danni al motociclista, si offre di portare il bambino in una clinica vicina. La mattina dopo, viene a sapere che lo stesso bambino è stato portato in ospedale per l’autopsia. Nariman deve affrontare un dilemma: è lui il responsabile della morte del piccolo a causa dell’incidente o la morte è dovuta a un avvelenamento da cibo, come sostiene la diagnosi degli altri medici?

Commento del regista, Vahid Jalilvand: “Una volta ho letto queste frasi di Rolf Dobelli: “I coraggiosi e gli audaci sono stati uccisi prima che potessero trasmettere i propri geni alle generazioni successive. Gli altri, i vigliacchi e gli assennati, sono sopravvissuti. Noi siamo la loro progenie”. Ci siamo fatti una certa idea dei vigliacchi, ma essi sono esattamente come noi.
Forse riproducono persino il nostro comportamento. Un comportamento crudele che giustifichiamo in nome della saggezza. Quante volte la paura e l’incapacità di esprimere la semplice verità ha provocato disastri nelle vite altrui? Non so cosa avrei fatto al posto del dottore protagonista, ma ricordo esattamente momenti semplici in cui ho saggiamente perso contro le mie paure e i miei dubbi. Questo film potrebbe essere un’elegia sulla tomba dell’uomo che una volta ho sognato di essere.”

Il trailer del film

Il link per accedere al film (dopo essersi iscritti alla piattaforma di Festival Scope ed aver acquistato il biglietto)

Buona Visione!



Condividi