fbpx
Connect with us

Film da Vedere

Io sono mia di Sofia Scandurra

Il film simbolo di Sofia Scandurra, è disponibile gratuitamente su Amazon Prime

Pubblicato

il

Io sono mia è un film drammatico a sfondo erotico del 1978, diretto da Sofia Scandurra, qui al suo esordio registico.

Vannina e Giacinto sono una giovane coppia di sposi che vivono il loro rapporto in maniera diseguale; mentre la ragazza è sottomessa al volere del marito, Giacinto vede nella sua sposa solo l’oggetto personale della propria soddisfazione sessuale. Durante un periodo di vacanza a Roma, i due sposi stringono amicizie diverse che mettono in discussione il loro rapporto. Vannina viene a contatto con una realtà ben diversa nella quale la faceva soggiogare il marito quando due donne del posto le aprono gli occhi spingendola a ribellarsi, mentre Giacinto trova in Santino, un pescatore sciupafemmine, un perfetto compagno di avventure extraconiugali. Il rapporto tra Giacinto e Vannina finisce per rompersi definitivamente quando la ragazza fa la conoscenza di Orio, fratello di Santino e di Suna, una ragazza paraplegica; quando Suna e Orio, per motivi diversi, muoiono, Vannina entra in uno stato di crisi poiché vedeva in loro, una forza vitale che la sosteneva nella sua emancipazione; infatti quando Vannina apprende le due tristi notizie, abbandona per sempre Giacinto. Giacinto, amareggiato e senza essersi reso conto di quanto gli è accaduto, tenta di riportare a sé la consorte contro il suo volere, ma è già troppo tardi, perché Vannina si è rifatta una nuova vita, libera da costrizioni maschiliste.

Sofia Scandurra, regista di Io sono mia, 1977. In realtà il film, tratto dal romanzo Donna in guerra di Dacia Maraini, anche se nato con intenti  certamente più convenzionali, voleva esaurire, in un periodo storico determinato, il 1977, una peculiarità: un collettivo di sole donne per colmare tutti i settori, artistici, tecnici, amministrativi, finanziari del film.

Dice Sofia Scandurra: ”Già, ed in questo senso si era presentata subito una difficoltà, reperire sul mercato italiano un direttore della fotografia donna. La battagliera produttrice Lu Leone, si era davvero prodigata tanto per riuscire a realizzare il film, non si diede per vinta. Noi tutti sapevamo benissimo che nel panorama europeo  la figura professionale donna del direttore della fotografia aveva una sua solida realtà”.

Infatti dalla Francia fu disponibile e scelta  Nurith Aviv, l’operatrice che fino a quel momento aveva illuminato prepotentemente le scene di tanti film di Agnes Varda.

Dice Sofia Scandurra: “In realtà, a pensarci bene, il film non è mai stato avulso dal, non diciamo potere maschile, bensì dalla figura maschile, perché il produttore, che in qualche maniera seguiva e copriva la Leone, era Silvio Clementelli, anche se aveva, come pretesto s’intende, utilizzato il nome della moglie Ammamaria”.

Dicevamo che il film  Io sono mia, interpretato da Stefania Sandrelli, Michele Placido, Maria Schneider, pur nell’ambito di un discorso fortemente politicizzato e di natura fortemente femminista, adattissimo al periodo, era nato in realtà, nel cuore della regista, con intenti più normali. Spiega Sofia Scandurra: “Certo la priorità in quel senso aveva radici soprattutto in famiglia. Pensa che Donna in guerra è stato il primo regalo autonomo ricevuto da una delle mie tre figlie, una bambina di soli nove anni che lo aveva comperato con i suoi soli risparmi. Il libro poi l’ho trovato assolutamente fantastico, bellissimo da farci un film. Subito quindi lo avevo fortemente ipotizzato nelle immagini, poi il tema centrale del romanzo, il discorso sulla condizione della donna in una cultura ancora fortemente maschilista era sensibilmente diffuso nel dibattito di quegli anni”.  Questi due percorsi, in qualche maniera, scolpirono nella Scandurra una forte emozione ed il film iniziò il suo iter produttivo, sempre decisamente difficile.

Dice Sofia Scandurra: “Il nostro potenziale, ancora di solo donne, non copriva affatto le esigenze della banca, che doveva cambiarci le cambiali anticipate dal noleggio. I nome degli attori, la Sandrelli, Placido e la Schneider, avevano convinto il noleggio, ma la banca cercava consistenze più solide dalla produzione. A questo punto subentrarono Clementelli e la moglie Annamaria e Goffredo Lombardo della Titanus alla distribuzione”

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

  • Anno: 1977
  • Durata: 100'
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Sofia Scandurra