fbpx
Connect with us

Sole Luna Doc Film Festival

‘La Pitturessa’ di Fabiana Sargentini in anteprima al Sole Luna Doc

In attesa del ritorno del Sole Luna Doc Film Festival, arriva una serie di proiezioni in anteprima, tra cui 'La Pitturessa', documentario di Fabiana Sargentini sull'artista indiscussa Anna Paparatti.

Pubblicato

il

Il Sole Luna Doc Film Festival presenta Le anteprime di Sole Luna, un ciclo di proiezioni in vista della 19esima edizione in programma dall’1 al 7 luglio alla GAM, Galleria d’arte moderna di Palermo, e a Palazzo Branciforte con la direzione artistica di Chiara Andrich e Andrea Mura e la direzione scientifica di Gabriella D’Agostino.

Come dichiara la presidente del Festival, Lucia Gotti Venturato:

“Un modo per introdurre gli spettatori ad alcuni dei temi che troveranno spazio nell’edizione 2024, arricchita da ospiti ed eventi di primo piano legati al mondo dell’arte e ai suoi protagonisti”.

Le anteprime di Sole Luna Doc

In programma tre film annunciati: il 9 maggio, l’anteprima siciliana di La Pitturessa di Anna Paparatti (Italia, 2023, 80’). Segue il 15 maggio Sconosciuti Puri di Valentina Cicogna e Mattia Colombo (Italia, Svizzera, Svezia, 2023). Infine, il 9 giugno, Un padiglione sull’Acqua di Valentina e Stefano Croci (Italia, Paesi Bassi, UK / 2023 / 77’). Un quarto titolo a sorpresa sarà annunciato a ridosso dell’inizio del festival.

Le anteprime sono una novità delle ultime edizioni di SLDFF e ogni anno introducono anche nuove partnership come quella che per la prima volta vedrà la collaborazione del Festival con Una Marina di Libri per la proiezione di Un padiglione sull’acqua, film su Carlo Scarpa, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Palermo, il 9 giugno.

Sala privilegiata per i primi due appuntamenti de Le anteprime di Sole Luna il Rouge et Noir, cinema d’essai, diventato punto di riferimento per le produzioni del Cinema del reale.

La Pitturessa di Fabiana Sargentini

Si inizia giovedì 9 maggio con l’anteprima siciliana de La Pitturessa, documentario intimo di Fabiana Sargentini sulla vita di Anna Paparatti. Un’indiscussa protagonista della vita artistica d’avanguardia romana degli anni ‘60 e ‘70 e madre della regista. Il film è prodotto da Kama Productions & Film Affair, distribuito da Lo Scrittoio, con musiche di Eva Geist. In Sala sarà presente anche la regista che in apertura presenterà il film, in dialogo con Laura Barreca, curatrice d’arte e professoressa di storia dell’arte all’Accademia di Belle Arti di Catania.

La Pitturessa è Anna Paparatti, la talentuosa artista che ha vissuto con libertà cinquant’anni di storia dell’arte contemporanea italiana, raccontata con intimità dalla figlia: un ritratto ironico e giocoso, potente e simbolico. Inoltre, il film proseguirà il tour in altre città italiane che si stanno aggiungendo in una serie di proiezioni evento alla presenza della regista.

È l’occasione per raccontare la sua storia sullo sfondo dell’ambiente artistico e culturale di un’Italia che non c’è più. Il tutto attraverso materiali inediti d’archivio personale, oltre a frammenti di film importanti che hanno “ospitato” i suoi quadri. Un viaggio alla riscoperta, ma anche alla conoscenza di Paparatti attraverso un racconto intimo e privato in cui la pittrice, sempre straordinaria e ironica, – vive divertita e stupefatta il suo nuovo risveglio artistico.

Chi è la “Pitturessa”

Anna Paparatti: ottantasette magnifici anni e ancora tanta voglia, non solo di raccontare, ma soprattutto di inventare. Una delle straordinarie figure che animarono la Roma delle avanguardie artistiche degli anni ’60 e ’70, artista, scopritrice e musa, compagna storica di Fabio Sargentini. Dalla galleria di quest’ultimo, L’Attico, passarono artisti e intellettuali, oggetto di una mostra nel 2021, voluta dalla gallerista Elena Del Drago.

Nel 2022 viene chiamata da Maria Grazia Chiuri che le propone di usare i suoi quadri geometrici degli anni Sessanta per le scenografie delle sfilate della Maison Dior. “Il grande gioco” e “Pop-oca”, “Le jeu qui n’existe pas” e “Il gioco del non-sense” tornano sotto gli occhi di tutti, tele rimaste per anni nella sua grande casa sul Lungotevere a Roma si impongono per la loro forza dirompente.

Anna è di nuovo sulla scena contemporanea a ottantasette anni. Ora protagonista del film girato dalla figlia Fabiana: un’immersione negli oggetti, i caftani, le sciarpe, i gioielli, gli idoli buddhisti della casa di Anna. Un dialogo curioso e molto umano tra madre e figlia, un percorso nella vita, nei ricordi, nelle foto di entrambe.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers