fbpx
Connect with us

Netflix Film

‘Fabbricante di lacrime’ la recensione del film su Netflix

La storia di Rigel e Nica, tratta da un bestseller che ha fatto impazzire il pubblico dei giovani fan. La storia di due adolescenti dalle tinte gotiche che, tra critiche e apprezzamenti, fa molto discutere.

Pubblicato

il

fabbricante di lacrime

Su Netflix è disponibile dal 4 aprile Fabbricante di lacrime di Alessandro Genovesi, la trasposizione abbastanza fedele del romanzo-caso letterario di Erin Doom dal titolo analogo. La giovane scrittrice esordiente ha iniziato a scrivere su una piattaforma online il suo primo libro che presto ha fatto impazzire gli appassionati del genere young adult: anche  il film non ha lasciato indifferenti.

Giovani sono anche le voci degli attori del film:  Caterina Ferioli per la prima volta davanti la macchina da presa  e Simone Baldasseroni (il rapper Biondo).  Prodotto da Colorado per Netflix, il titolo resta in classifica dividendo il suo pubblico: ma la storia (sia la trama sia quella dell’autrice) non può non attirare l’attenzione, tanto che continua a far parlare di sé.

La trama di Fabbricante di lacrime

Io non odiavo Rigel, avrei solo voluto capirlo

La storia inizia in un orfanotrofio cupo e rigido: all’età di diciassette anni la bella e delicata Nica viene adottata dalla famiglia Mulligan. Insieme a lei, i nuovi genitori decidono di accogliere Rigel, un ragazzo misterioso e oscuro che ha sempre attirato l’attenzione di tutti. Nica ha perso i suoi genitori in un incidente d’auto, mentre Rigel non li ha mai conosciuti. Dopo momenti di rifiuto, la convivenza avvicinerà molto i due ragazzi. Tra traumi che torneranno alla luce, sentimenti vecchi e nuovi ed emozioni profonde ma non sempre espresse, Nica e Rigel affronteranno un percorso di crescita nel mondo esterno.

Il caso letterario young adults

Fabbricante di Lacrime di Erin Doom, pubblicato da Salani nel 2021

Fabbricante di lacrime è, prima di tutto, il titolo di un romanzo, pubblicato prima sulla piattaforma Wattpad e poi dalla casa editrice Salani nel 2021, passando per TikTok. Si tratta di un libro che ha conquistato il pubblico, soprattutto quello del genere young adults, con le sue seicento pagine.  In più, ha proseguito il fenomeno BookToker sancendo in maniera ancora più stretta il passaparola tramite Tik Tok.

Erin Doom è lo pseudonimo di Matilde, autrice under 30 che insieme agli studi in giurisprudenza ha deciso di seguire la sua passione, scrivendo in privato fino a pubblicare due romanzi, con il terzo attualmente in preparazione (dal titolo Stigma). Fabbricante di lacrime è subito diventato un bestseller ed ha conquistato il giovane pubblico, che hanno atteso con ansia l’uscita del film.

Il mistero sull’ identità dell’autrice ha suscitato la curiosità dei lettori e dei professionisti nel mondo dell’editoria, accrescendone ancora di più la fama. Dalla metà del 2023 ha voluto mostrare il suo volto e la sua identità da Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa , e ora concede interviste a giornali, a trasmissioni televisive e radiofoniche.

Tuttavia, se una parte dei lettori-spettatori è entusiasta e se il film resta ancora in classifica su Netflix, una fetta di pubblico non lo ha particolarmente apprezzato, definendolo surreale e pieno di stereotipi.

Il fabbricante di lacrime: la leggenda

Al Grave, l’orfanotrofio dove Nica e Rigel sono cresciuti, non esistono le fiabe. L’unica “leggenda” utilizzata per spaventare i bambini è quella del fabbricante di lacrime: in un mondo dove la gente non sa più piangere, le lacrime vengono affidate a una specie di artigiano-stregone che ha il potere di fabbricarle, colpevole di aver generato tutte le paure, angosce e disperazione presenti nel mondo. In quest’atmosfera, cupa e tormentata, crescono i ragazzi dell’orfanotrofio Grave, con un’educazione emotiva distorta dal reale, tra il terrore e l’ossessione.

Sia il film che il romanzo giocano molto su questi contrasti e sui personaggi delle “fiabe moderne”: il profilo dark di Rigel ha tutti i connotati del bad boy misterioso ma dal cuore profondo. Seguendo il filo della narrazione, i suoi sentimenti per Nica emergono abbastanza presto, evidenti a tutta la loro cerchia di amici (e al pubblico), ma lo sono meno per lei. Il comportamento di Rigel rimane sempre schivo e riservato. Come quando erano piccoli, e lui le teneva la mano di nascosto, anche da adolescente lascia nel silenzio i suoi veri sentimenti e le sue azioni, fino a quando l’attrazione non diventerà così forte da esplodere.

Personaggi  “tipici” che dividono il pubblico

Non esiste una favola in cui il lupo prende per mano la bambina

Fabbricante di Lacrime è un romanzo di formazione ambientato in un’ atmosfera gotica: la storia sembra svolgersi fuori dal tempo. Lo spazio esterno della città grigia, con un cielo perennemente plumbeo, fa da guscio agli spazi interni, come l’orfanotrofio, la casa e la scuola, dove si svolge la maggior parte del film.

Il racconto gioca molto sul contrasto classico tra buoni e cattivi. Eppure, i giudizi non nascono così spontanei: è difficile ridurre i personaggi alla logica manichea del buono e cattivo. Nica, timida e fragile, è una ragazza che piace a tutti mentre Rigel attira l’attenzione, pur rimanendo sempre confinato nella sua solitudine. Se da un lato c’è la paura con cui i ragazzi del Grave sono cresciuti, dall’altro ci sono anche insegnamenti di speranza, come quelli lasciati dai genitori di Nica, prima di morire, o la coppia di nuovi genitori che si mostra disponibile e accogliente.

Le diverse voci che circondano la storia d’amore di Rigel e Nica restituiscono una situazione complessa tra personaggi abbastanza “tipici”. Si finisce dunque a provare empatia nei loro confronti.

Parte della curiosità è forse scaturita dalla presenza di volti nuovi del cinema (per Caterina Ferioli è stato il suo debutto).  Il desiderio finale di sapere se almeno a loro, a differenza delle fiabe con cui sono cresciuti, è destinato un lieto fine.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

Fabbricante di Lacrime

  • Anno: 2023
  • Durata: 105 minuti
  • Distribuzione: Netflix
  • Genere: teen drama
  • Nazionalita: Italiana
  • Regia: Alessandro Genovesi
  • Data di uscita: 04-April-2024