fbpx
Connect with us

Bolzano Film Festival

‘Blind Husbands’: il grande Erich Von Stroheim ritorna a Bolzano

Blind Husbands è la riedizione di un film uscito originariamente nel 1919

Pubblicato

il

Il film Blind Husbands, uscito originariamente nel 1919 e diretto da Erich von Stroheim, è stato scelto come titolo di apertura dell’edizione 2024 del Bolzano Film Festival. Sarà proiettato nella sua forma restaurata a cura del Film Museum Wien. 

Blind Husbands: la trama 

I coniugi Armstrong decidono di tornare in Italia a Cortina d’Ampezzo per trascorrere le loro vacanze, in cerca di riposo. A far loro compagnia c’è il tenente austriaco Erich von Steuben, accanito donnaiolo anch’egli ospite dello stesso hotel. Il militare approfitta di ogni occasione per insinuarsi nelle grazie dell’annoiata signora Amstrong: il marito infatti non si cura di lei e trascorre il suo tempo in attività di lettura e studio, anziché socializzare con gli altri ospiti dell’albergo. Nel frattempo, i tentativi di seduzione da parte del tenente si fanno sempre più insistenti, mentre approfitta per conquistare anche una cameriera della struttura ricettiva. In occasione della scalata alla vetta della Cima Grande, i due uomini hanno finalmente l’opportunità di confrontarsi……..

Blind Husbands: l’amore 

Il film si apre con questa riflessione sull’amore: “ Una delle maggiori cause di divorzio è l’alienazione dell’affetto. La ragione risiede nel fatto che il pretendente si approccia con sincera attenzione quando è plateale il disinteresse nei confronti della moglie da parte del marito”. I temi del disinteresse affettivo e dell’amante fanno da sfondo a tutto il film, e quello dell’intimità è il punto cardine. Le riprese si soffermano sovente sulla moglie del dottor Armstrong e sull’intraprendente tenente, sull’evolversi del loro rapporto e sugli approcci alla seduzione da parte del militare. Dapprima semplice gentilezza, in seguito avance spudorate. La donna si dimostra davvero innamorata del marito, nonché una “preda” molto più difficile rispetto all’accondiscendente cameriera dell’albergo. 

La regia 

La telecamera ritrae l’evolversi della storia amorosa tra il tenente e la moglie del dottore: i momenti intimi, le gentilezze, i dialoghi e anche il senso di considerazione che lui ha per lei. Il dottor Armstrong viene relegato a comprimario e per quasi tutto il film risulta una figura assente o disinteressata. Inoltre la regia si sofferma sui primi piani di un’altra coppia  che soggiorna nell’albergo, rimarcando la differenza del loro rapporto da innamorati e la totale assenza di quei semplici gesti d’affetto che rende piacevole essere il partner di qualcuno. Il dottor Armstrong considera la moglie un semplice orpello al suo seguito, che non necessita di attenzioni.

Altra grande protagonista è la montagna: la telecamera inquadra spesso la natura, il paesaggio e le pareti rocciose, facendo presagire la loro importanza nello svolgimento della storia. Una piacevole cartolina turistica per chiunque ami le camminate. 

Blind Husbands è ancora attuale nonostante abbia più di cento anni e risulta godibile nonostante i gusti del pubblico siano abituati a racconti più dinamici. In un’epoca storica in cui i divorzi sono all’ordine del giorno, questo film ricorda allo spettatore quanto, anche inconsciamente, trascuriamo le persone a cui vogliamo bene. In fondo, come canta Emma Stone in La La Land, l’unica cosa di cui abbiamo davvero bisogno è l’amore. 

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers