fbpx
Connect with us

EXTRA

Sexy Zombie Hospital

Morso da un morto vivente, un boscaiolo finisce per infettare in ospedale la sciatta infermiera Patsy Powers (Anne Day-Jones) che, continuamente presa in giro dalle colleghe, si trasforma in una sexy mangiatrice di uomini (nel vero senso della parola).

Pubblicato

il

13335

Morso da un morto vivente, un boscaiolo finisce per infettare in ospedale la sciatta infermiera Patsy Powers (Anne Day-Jones) che, continuamente presa in giro dalle colleghe, si trasforma in una sexy mangiatrice di uomini (nel vero senso della parola).

Totalmente girato in bianco e nero e caratterizzato da una struttura narrativa divisa in capitoli, l’unico lungometraggio diretto da Elza Kephart – che ne firma anche la sceneggiatura insieme a Patricia Gomez e annovera nel curriculum diverse collaborazioni a blockbuster hollywoodiani – è una black comedy continuamente giocata sull’analogia tra fame di carne umana e appetito sessuale.

Il principale obiettivo della protagonista, infatti, impegnata a sgranocchiare comuni mortali e ratti, sembra essere quello di riuscire a riconquistare un affascinante dottore che fu suo fidanzato al liceo.

E, senza dimenticare un amplesso al sangue nella vasca da bagno, si giunge a una mini-invasione finale di zombi che sembrerebbe omaggiare “La notte dei morti viventi” romeriana, anche se l’insieme ricorda per lo più i lavori anni Settanta di trasher quali Andy Milligan e Al Adamson – rispettivamente autori de “L’invasione degli ultratopi” e “Dracula vs Frankenstein”.

Francesco Lomuscio


Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.