fbpx
Connect with us

Irish Film Festa

‘Ballywalter’ la comicità come guarigione

L'incontro tra due anime tormentate, alla ricerca di una guarigione anche attraverso il senso più profondo della comicità

Pubblicato

il

Ballywalter di Prasanna Puwanarajah

Presentato all’Irish Film Festa 2023, di cui Taxidrivers è media partner, Ballywalter è il lungometraggio d’esordio di Prasanna Puwanarajah, attore inglese nato da genitori originari dello Sri Lanka e visto recentemente nella serie sulla famiglia reale britannica The Crown. La piccola cittadina nordirlandese che dà il titolo al film è teatro dell’incontro tra una tassista e un aspirante comedian, che è soprattutto l’incontro tra due anime tormentate, alla ricerca di una guarigione anche attraverso il senso più profondo della comicità.

Ballywalter: la trama

Eileen ha abbandonato gli studi universitari e i sogni di una vita di successo a Londra. Tornata a vivere a Belfast con la madre e la sorella incinta, si arrangia lavorando come tassista senza licenza e come barista. Dopo il fallimento del suo matrimonio, Shane si è auto-esiliato a Ballywalter, ma ora sta cercando di rimettere in sesto la sua vita e frequenta un corso serale per comici, che si tiene a Belfast una volta alla settimana.

Eileen accetta l’incarico di accompagnare Shane a Belfast con il taxi. Percorrendo insieme per diversi mesi la strada tra Belfast e Ballywalter, i due sviluppano un legame sorprendente e un’improbabile amicizia, che salva entrambi dalla spirale negativa in cui stavano precipitando.

Ballywalter Prasanna Puwanarajah

La commedia che sorge nella tragedia

Piove su Ballywalter, situata a poca distanza da Belfast e lambita dal Mare d’Irlanda. Piove su Eileen e Shane, due anime perse con un passato fatto di fallimenti e delusioni e un presente adombrato da malinconia e incertezza, sfiorando la depressione. Per entrambi Ballywalter rappresenta un confine ultimo, oltre il quale c’è solo il baratro, e il cielo costantemente plumbeo non è che un riflesso del loro sentire. Il film di Puwanarajah si compone proprio di riflessi, con cui smorza il dolore dei protagonisti e con cui riveste i luoghi con i loro sentimenti. Ma sono soprattutto gli sguardi di Eileen, riflessi nello specchietto del suo taxi, un mezzo per lei di transizione ma anche di rinascita, a scandire i momenti di Ballywalter. Occhi che roteano in segno di insofferenza e noia, che in seguito si velano di tristezza e disillusione, per poi scrutare la strada con ritrovata determinazione nel finale.

L’incontro tra Eileen e Shane è anche e soprattutto l’accostamento tra il senso di disperazione che intimamente provano i due e la comicità e il suo senso più profondo. Una comicità che, come viene detto a Shane durante il corso, porta a conoscere se stessi e anche ad affrontare il dolore, in un processo di guarigione e di intima espressione. Pian piano le maschere che i due indossavano per tenere nascoste, anche ai loro stessi occhi, le proprie fragilità cadono tra le risate o la loro alternanza con le lacrime, come per Eileen nel finale. “Tragedia è quando io mi taglio un dito, commedia è quando tu cadi in una fogna e muori”, ricorda Shane citando Mel Brooks. È attorno a questo concetto che ruota l’esordio di Prasanna Puwanarajah, all’affondare nel dramma per liberarlo ed esorcizzarlo. E lo fa con naturalezza, attraverso due personaggi i cui volti e corpi finiscono con l’assorbire i riflessi del racconto e le rifrazioni dei luoghi.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

Ballywalter

  • Anno: 2022
  • Durata: 90'
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Irlanda del Nord
  • Regia: Prasanna Puwanarajah