fbpx
Connect with us

Anticipazioni

‘EO’ il film sugli asini di Jerzy Skolimowski presentato a Cannes ha un trailer

Asini protagonisti nel film già premiato al festival di Cannes

Pubblicato

il

eo trailer

Il curioso film sugli asini EO ha adesso un trailer.

Prima del trailer di EO

Forse è ufficialmente l’anno della tigre nel calendario dello Zodiaco cinese, ma nel mondo del cinema è decisamente l’anno dell’asinello.

L’umile equino è presente in film come The Banshees of Inisherin di Searchlight e Triangle of Sadness di Neon, ma in nessun altro luogo questa fedele bestia da soma è sotto i riflettori come in EO di Janus Films e Sideshow, del leggendario regista polacco Jerzy Skolimowski.

Il film – che ha condiviso il Premio della Giuria di Cannes con Le otto montagne di Félix Van Groeningen e Charlotte Vandermeersch – condivide una visione dell’Europa moderna attraverso il prisma di un asino grigio, EO, che viene strappato dagli animalisti al suo amato padrone circense e passato di mano in mano al servizio degli umani. Nel suo percorso di vita, EO incontra ogni sorta di persone e sperimenta gioia e dolore, così come disastri e inaspettata felicità.

Com’è nata l’idea

Skolimowski, un convinto amante degli animali, si è ispirato al capolavoro di Robert Bresson Au Hasard Balthazar, che ha visto subito dopo la sua uscita nel 1966. Ha, infatti, affermato:

Questa è stata la lezione che ho tratto da Bresson. Che un eroe animale è in grado di commuovere ancora di più di un eroe umano.

E in effetti, il vulnerabile EO è un protagonista innocente come pochi, il che rende le crudeltà che subisce da parte degli umani ancora più ripugnanti. Skolimowski avverte, tuttavia, che ha utilizzato sei asini per rappresentare EO nel film, e che nessuno è stato ferito durante la produzione.

Il trailer di EO

Dopo il trailer di EO intervista al regista e alla co-sceneggiatrice

Perché ha scelto di antropomorfizzare EO? Ci sono diverse scene di flashback che suggeriscono che il cane prova dei sentimenti veri e che ha dei ricordi cari del suo ex padrone.

Skolimowski: Volevamo avere un animale come eroe del film. Questo film è legato alla mia attitudine negativa nei confronti della narrazione lineare e dei racconti, che costituiscono il 99% delle narrazioni cinematografiche. C’è una ripetizione di un certo modello di racconto: due persone si incontrano, si innamorano, iniziano a frequentarsi, sono molto felici, poi succede qualcosa e non sono più felici. Cercano di separarsi, ma i loro sentimenti sono più forti della necessità di separarsi. Conosciamo queste storie così bene che dopo 10 minuti di visione di un film al cinema sappiamo già cosa succederà. La noia per quella narrazione ci ha spinto a esplorare tutti i modi per trovare modi diversi di raccontare il film, e abbiamo pensato che avere un animale come centro della storia avrebbe dato un nuovo modo di farlo.

Piaskowska: E altrettanto importante è il nostro affetto assolutamente genuino per gli animali, il nostro apprezzamento per la natura. Abbiamo una casa nella foresta in cui abbiamo vissuto per diversi anni. Abbiamo sempre avuto un animale accanto a noi. Il rapporto che abbiamo con una creatura che non usa il linguaggio, ma con la quale si entra in empatia, il suo spazio psicologico e la complessità delle sue emozioni – è importante quanto quello che Jerzy ha appena detto.

Skolimowski: È un’esperienza speciale. Quando usciamo di casa, invece di incrociare auto e persone per strada, vediamo lepri, volpi, cervi nella foresta. È un dono speciale. Possiamo vivere la natura così com’è, non come è stata trasformata dall’uomo.

Piaskowska: Nel film recita anche il nostro cane, un pastore tedesco, Buffon.

Le modalità di riprese

Come si è trovato a lavorare così a stretto contatto con una specie specifica? So che gli asini sono molto intelligenti, ma sono piuttosto testardi. Quali sono state le sfide?

Skolimowski: L’opinione comune [è] che gli asini siano testardi e stupidi, ma io non sono d’accordo. Testardi? Sì, a volte molto testardi. Ma non stupidi. Li ho trovati animali estremamente intelligenti.

eo trailer

Piaskowska: La cosa più importante per noi era non far soffrire l’animale, quindi per ogni location in cui abbiamo girato abbiamo scelto animali vicini, della stessa specie. Era importante avere un maschio e una femmina perché tra loro c’è un’energia particolare.

Skolimowski: Abbiamo scelto un asino di razza sarda. Il motivo della scelta è che sono molto popolari in Italia e, poiché si tratta di una coproduzione tra Polonia e Italia, sapevamo che alla fine avremmo girato in Italia, quindi dovevamo assicurarci di avere un asino simile.

Quanti conduttori hanno lavorato con lei?

Skolimowski: Ogni asino che compariva nel film aveva un proprio conduttore o badante che lo portava sul set in appositi rimorchi, che lo nutriva e lo preparava, che gli insegnava a passare dal punto A al punto B. Erano anche in contatto con i veterinari. Grazie a questo, abbiamo evitato qualsiasi problema di salute degli animali. Per tutto il tempo abbiamo avuto veterinari sul set che si occupavano di tutti gli animali.

Piaskowska: Sono le nostre star. L’intero set – tutti gli attori e la troupe – si evolve intorno agli asini.

La considera una storia pessimistica sull’umanità e sul trattamento degli animali?

Skolimowski: L’intero film è dedicato all’idea di cambiare l’atteggiamento delle persone nei confronti degli animali, per far capire che gli animali, come gli esseri umani, sono pieni di sentimenti e sensazioni e non dovrebbero essere trattati come oggetti. Hanno bisogno di interesse e sensibilità nella gestione, di una sensazione di sicurezza e di compassione. Volevo generare un sentimento di simpatia tra le persone che guardano il film e il nostro protagonista, l’asino, e gli altri animali.

Non volevamo appesantire la storia con un appello quasi politico agli spettatori affinché mostrassero gentilezza verso gli animali. Volevamo invece legare le persone all’animale e creare un legame tra le persone che guardano il film e l’animale. E quando ho raggiunto l’obiettivo di creare un legame tra le persone che guardano il film e gli animali, per capire questo attaccamento, ho voluto scuotere le persone che guardano il film in modo che possano riflettere sul loro atteggiamento verso gli animali quando escono dal cinema.

(Fonte Variety)

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers