fbpx
Connect with us

Biennale del Cinema di Venezia

Walter Hill vince il premio Cartier Glory

Un riconoscimento a un regista capace di rinnovare costantemente il proprio cinema.

Pubblicato

il

Walter Hill si è aggiudicato il Premio Cartier Glory to the Filmmaker della 79° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica.

La consegna del premio avverrà martedì 6 Settembre in Sala Grande del Palazzo del Cinema alle ore 21. 45. Prima della consegna sarà proiettato il suo nuovo film Dead For A Dollar con Christoph Waltz, Willem Dafoe, Rachel Brosnahan e Benjamin Bratt.

La trama di Dead For A Dollar

1897. Il veterano cacciatore di taglie Max Borlund (Christoph Waltz) si aggira in Messico, dove incontra il giocatore professionista Joe Cribbens (Willem Dafoe), suo nemico giurato che Max ha mandato in prigione anni prima. Borlund è in missione per trovare e riportare a casa Rachel Kidd (Rachel Brosnahan), moglie di un ricco uomo d’affari di Santa Fe, che è stata presa in ostaggio. Quando scopre che la donna è fuggita da un matrimonio forzato, Max si trova di fronte a una scelta: finire il lavoro disonesto per cui è stato assunto, o farsi da parte mentre spietati mercenari e il suo antico rivale si avvicinano. Max e il suo partner Alonzo Poe (Warren Burke) non hanno nulla da guadagnare se resistono – nulla salvo l’onore.

Walter Hill

Un cineasta sperimentatore

Nel mondo del cinema, è risaputo che è un grande onore essere invitati con una proiezione speciale alla Mostra del Cinema di Venezia. Col mio nuovo film, Dead For A Dollar, è la quarta volta che mi capita questa fortuna. Oggi questo premio mi rende ancora più riconoscente. Grazie ad Alberto Barbera, a Giulia D’Agnolo Vallan, a Cartier”.

Alberto Barbera, Direttore della Mostra, ha definito Walter Hill un cineasta capace di sperimentare di continuo, ridisegnando il suo cinema alla ricerca costante di un rapporto costruttivo con il trascorso del mito americano.

Walter Hill si è misurato con tutti i generi dal western al poliziesco, per raccontare la contemporaneità attraverso gli stereotipi di genere. Il suo punto di vista prescinde e supera la tradizionale linea di demarcazione tra il bene e il male.

Autore nel senso pieno del termine, il regista non ha esitazioni a riconoscersi nella figura dello specialista di film d’azione, dove la violenza viene stilizzata per ottenere il meglio in effetti visivi inediti.

Una figura che ha arricchito il mondo del cinema con le sue produzioni degli anni Settanta ed è inequivocabilmente diventato un pilastro della creatività artistica contemporanea”.

Sono queste le parole rivolte al regista statunitense da Arnaud Carrez, Chief Marketing Officer di Cartier.

immagine da sito 

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers