fbpx
Connect with us

Latest News

‘Boom’ la storia mai raccontata tra il jazz e gli anni d’oro del cinema italiano con Cam Sugar

Una nuova straordinaria compilation dalla Label Cult Cam Sugar. Boom, Italian Jazz Soundtracks at their finest (1959-1969)

Publicato

il

boom cam sugar

CAM Sugar annuncia la pubblicazione di Boom! Italian Jazz Soundtrack at Their Finest (1959-1969), la prima compilation dedicata al jazz che ha accompagnato il cinema italiano negli anni Sessanta. Una raccolta preziosa con11 inediti e 9 brani per la prima volta in vinile realizzata dalla label cult che ha il più ricco e rappresentativo catalogo italiano di musica per il cinema. La compilation coglie il suono finora inesplorato del jazz italiano durante gli anni della Dolce Vita. L’artwork e il poster sono curati da Luca Barcellona, calligrafo di fama mondiale.

Il disco è disponibile dal 29 aprile, in occasione dell’International Jazz Day, in doppio vinile, CD e digitale.

Il jazz (e non solo) raccontato in Boom grazie a CAM Sugar

Musiche suonate da straordinarie orchestre, geniali artisti impegnati in grandi studi di registrazione per confezionare capolavori musicali del cinema italiano che hanno creato l’atmosfera di film amatissimi come La voglia matta, Il Vedovo, Il sorpasso, L’audace colpo dei soliti ignoti ma anche perle inedite o nascoste tra pellicole sconosciute o addirittura mai uscite o in b-movie. BOOM! contiene brani di compositori come Luis Bacalov, Luiz Bonfà, Gianni Ferrio, Ennio Morricone, Carlo Rustichelli, Armando Trovajoli, Piero Umiliani interpretati da geniali solisti come Gato Barbieri, Enrico Rava, Franco D’Andrea, Gegè Munari, Nora Orlandi, Alessandro Alessandroni e l’inarrivabile Chet Baker che conferisce il suo prezioso sigillo alla compilation.

33 tracce per uno scrigno di gemme da esplorare

Piazza Esedra, Roma, maggio 1944

La città eterna non è stata ancora liberata dalle forze alleate ma un gruppo di tredici elementi sta suonando illegalmente sotto la direzione di un giovane compositore, Piero Piccioni. Si chiamano Orchestra 013 e il genere musicale che stanno eseguendo è il jazz: un tipo di musica bandito dal regime fascista perché non ha niente a che fare con la cultura italiana. Mussolini ignora che quella musica negli anni successivi troverà proprio in Italia una fucina ineguagliabile di talenti sia in termini di qualità che di innovazione portando a un legame unico tra il jazz e l’età d’oro del nostro cinema.

boom cam sugar

All’indomani della Liberazione, nelle principali città italiane, cominciano a spuntare gli Hot club, locali che offrono un palcoscenico fondamentale per un’intera generazione di musicisti e compositori che sta per nascere.

È di questa atmosfera che si compone BOOM – Italian Jazz Soundtracks at their Finest (1959-1969), una testimonianza fondamentale di una stagione senza precedenti che aggiunge un unico, nuovo ed entusiasmante capitolo alla storia di CAM Sugar.

La struttura di Boom di CAM Sugar sul rapporto tra jazz e cinema

La partenza di BOOM è una trascinante Notte in Algeria da I piaceri proibiti di Raffaele Andreassi (1963), omaggio a ‘A Night In Tunisia’ di Dizzy Gillespie, punto di riferimento musicale di Piero Umiliani, autore del brano: con una splendida sezione di ottoni cui prendono parte il sassofonista Gianni Basso e il trombettista Oscar Valdambrini, due tra i solisti più acclamati nella storia del jazz italiano.

Ma Umiliani è soprattutto l’autore di Tensione da Audace colpo dei soliti ignoti di Nanni Loy (1959): un contrabbasso, un gong dal sapore orientale suonato in modo frenetico e la tromba di Chet Baker con l’assolo più celebre del cinema italiano definiscono la freschezza del nuovo sound. La leggenda narra che Baker abbia incontrato casualmente Umiliani negli studi di Cinecittà; il compositore fiorentino non ci pensò due volte e coinvolse il trombettista nella session per la colonna sonora su cui stava lavorando. Umiliani è anche l’autore di Il nero dall’omonimo film di Giovanni Vento (1967) con il leggendario sax di Gato Barbieri. In BOOM Umiliani compare anche in Milano Blues, tratto da un film poco noto ad episodi Bianco, Rosso, Giallo, Rosa di Massimo Mida (1964) interpretato da Anita Ekberg, e In fondo alla notte da Una bella grinta di Giuliano Montaldo (1965) con Renato Salvatori.

Jazz e cinema

Il rapporto tra il jazz e il cinema italiano è soprattutto fatto di incontri che si intrecciano freneticamente. Ennio Morricone, che aveva aiutato Gato Barbieri a trovare i primi lavori in Italia, compare in Agosto Jazz da La Voglia Matta di Luciano Salce (1962), ideale per accompagnare la commedia agrodolce sulla frustrazione di sentimenti non corrisposti tra Ugo Tognazzi e Catherine Spaak in un paese in cui il boom rappresentava l’illusione in cui tutto era possibile. Morricone è arrangiatore e direttore d’orchestra non accreditato dell’intera colonna sonora, secondo una meticolosa ricostruzione emersa dalle ricerche effettuate negli archivi CAM Sugar, di Le ore dell’amore (1963), film sui rapporti al di fuori del matrimonio, in cui spicca la bossa nova del brano Coppia in crisi suonato dal chitarrista e leggenda della musica brasiliana Luiz Bonfà.

BOOM! è un viaggio senza un attimo di pausa attraverso 33 perle assolute della musica. Come definire altrimenti l’indimenticabile Jumping di Armando Trovajoli contenuto nella musica de Il vedovo di Dino Risi (1959), uno dei film più rappresentativi e significativi della commedia italiana con l’esaltante performance di Alberto Sordi e Franca Valeri. La partitura di Trovajoli è una delle prime del nostro cinema interamente concepita come un coerente album jazz. Trovajoli è anche l’autore di Giallo Club da Chiamate 22-22, Tenente Sheridan di Giorgio Bianchi (1960), composta per un film noir che in seguito ispirò una serie televisiva di successo.

Non finisce qui il repertorio di Boom di CAM Sugar

Una pepita sorprendentemente inedita ritrovata negli archivi CAM Sugar è la leggendaria colonna sonora del Sorpass0 di Dino Risi (1962) tra i film italiani più conosciuti al mondo, con la musica di Riz Ortolani centrata sul vibrafono in primo piano.

Piero Piccioni è l’autore di Your Smile da 3 notti d’amore, film a episodi (1964), interpretato da Catherine Spaak. Il premio Oscar Luis Bacalov è l’autore del brano tratto dall’horror psicologico La strega in amore di Damiano Damiani con Rosanna Schiaffino e Gian Maria Volonté (1966), con un trio guidato dall’affascinante voce di Nora OrlandiCarlo Rustichelli è l’autore di 3 brani contenuti nella raccolta: Sexy Lucy da Assicurasi vergine di Giorgio Bianchi (1967), film interpretato da Romina Power; Allegre notti da Letti sbagliati di Steno, con protagonisti alcuni dei beniamini più acclamati del cinema italiano dell’epoca come Raimondo VianelloFranco Franchi e Ciccio Ingrassia; e Night Blues da Gli imbroglioni di Lucio Fulci  (1963) in cui compare il Quartetto Caravels, il primo gruppo vocale guidato da Alessandro Alessandroni prima di mettere insieme i Cantori Moderni.

Ma BOOM! pullula di lampi di genialità assoluta anche in quelli che possono apparire a prima vista brani minori: basti pensare a Gangsters dal film Bersaglio mobile di Sergio Corbucci (1967) composta da Ivan Vandor che aveva suonato anche con il gruppo sperimentale di Morricone, Nuova Consonanza. O a Gardenia di Marcello Gigante da Sedia elettrica di Demofilo Fidani (1969), b-movie ambientato nell’America dei gangster degli anni ’30/’40 e definita dall’inconfondibile voce di Nora Orlandi, l’unica compositrice femminile di colonne sonore del cinema italiano degli anni ’60 e ’70 con uno stile ispirato a quello di Ella Fitzgerald. La versione vocale di questo brano è la ghost track della versione cd di BOOM! che si conclude con Dea di un sogno di Piero Piccioni da Un tentativo sentimentale di Pasquale Festa Campanile e Massimo Franciosa (1963) con la struggente tromba di Nunzio Rotondo, figura chiave del jazz italiano degli anni ’50 e ’60.

CAM Sugar

Con oltre 2.000 partiture originali, CAM Sugar è il catalogo più esteso e rappresentativo di colonne sonore originali italiane, vincitore di oltre 500 premi internazionali, tra cui un Oscar come Miglior Colonna Sonora Originale per Il Postino.

Fondata a Roma nel 1959, CAM ha prodotto le musiche per alcuni dei più importanti e premiati film italiani composte da artisti come Nino Rota, Ennio Morricone, Luis Bacalov, Riz Ortolani, Piero Piccioni, Armando Trovajoli, Piero Umiliani, Stelvio Cipriani, Fiorenzo Carpi, Philippe Sarde e molti altri.

CAM Sugar è in prima linea nella produzione di nuove colonne sonore di film e serie televisive e collabora costantemente con le principali case di produzione italiane e straniere per valorizzare la musica nell’ambito dell’audiovisivo.

Nel 2020, con l’avvio della partnership con la prestigiosa etichetta discografica Decca Records, CAM Sugar ha realizzato Morricone Segreto, raccolta nata da una ricerca negli archivi storici della Sugar di perle mai pubblicate del Premio Oscar. Nell’ottobre del 2021 CAM Sugar ha ideato e prodotto la raccolta PAURA che include le musiche che hanno scritto la storia del cinema horror italiano, colonne sonore di film esoterici e soprannaturali degli anni ‘70 e di pellicole splatter e slasher degli ‘80.

Boom – Italian Jazz soundtracks at their finest (1959-1969)

Ecco di seguito la tracklist di Boom grazie a CAM Sugar:

1)      Notte in Algeria – Piero Umiliani (da ‘I piaceri proibiti’, Raffaele Andreassi, 1963)

2)      Oggi in Africa – Francesco De Masi (da ‘Alla scoperta dell’Africa’, Folco Quilici, 1966)

3)      Agosto jazz – Ennio Morricone (da ‘La Voglia Matta’, Luciano Salce, 1962)

4)      Jumping ** – Armando Trovajoli (da ‘Il vedovo’, Dino Risi, 1959)

5)      Ora di punta – Bruno Nicolai, Nino Oliviero (da ‘Mondo cane n.2’, Gualtiero Jacopetti, Franco Prosperi, 1963)

6)      Il sorpasso (Titoli – ripresa) * – Riz Ortolani (da ‘Il sorpasso’, Dino Risi, 1962)

7)      Notti d’amore a Tokyo – Marcello Giombini (da ‘Le dolci notti’, Vinicio Marinucci, 1962)

8)      Il vedovo bianco * – Aldo Piga (da ‘Amore facile’, Gianni Puccini, 1962)

9)      Tensione – Piero Umiliani feat. Chet Baker (da ‘Audace colpo dei soliti ignoti’, Nanni Loy, 1959)

10)  Frenesia dell’estate (Titoli) **- Gianni Ferrio (da ‘Frenesia dell’estate’, Luigi Zampa, 1964)

11)  Coppia in crisi ** – Luiz Bonfà (da ‘Le ore dell’amore’, Luciano Salce, 1963)

12)  Your smile – Piero Piccioni (da ‘3 notti d’amore’, Renato Castellani, Luigi Comencini, Franco Rossi, 1964)

13)  Il treno rosa * – Giuseppe De Luca feat. Nora Orlandi (da ‘Mille peccati nessuna virtù’, Sergio Martino, 1969)

14)  Gardenia – Marcello Gigante (da ‘Sedia elettrica’, Demofilo Fidani, 1969)

15)  In fondo alla notte ** – Piero Umiliani (da ‘Una bella grinta’, Giuliano Montaldo, 1965)

16)  La strega in amore (Titoli) – Luis Bacalov (da ‘La strega in amore’, Damiano Damiani, 1966)

17)  7 Monaci D’Oro (Titoli) * – Piero Umiliani (da ‘7 monaci d’oro’, Mario Girolami, 1966)

18)  Il raggio infernale (Titoli) * – Gianni Ferrio (da ‘Il raggio infernale’, Gianfranco Baldanello, 1967)

19)  Perry Scott Blues – Francesco De Masi (da ‘Sinfonia per due spie’, Alberto Cardone, 1965)

20)   Sexy Lucy ** – Carlo Rustichelli (da ‘Assicurasi vergine’, Giorgio Bianchi, 1967)

21)  Allegre Notti * – Carlo Rustichelli (da ‘Letti sbagliati’, Steno, 1965)

22)  Il Nero – M1 * – Piero Umiliani (da ‘Il nero’, Giovanni Vento, 1967)

23)  Night Blues – Carlo Rustichelli (da ‘Gli imbroglioni’, Lucio Fulci, 1963)

24)  Miniswing Orientale * – Marcello Giombini (da ‘Nudo, Crudo e …’, Adriano Bolzoni, Francesco De Feo, 1965)

25)  Agente 077 – Sfida ai Killers (Titoli) * – Carlo Savina (da ‘Agente 077 – Sfida ai killers’, Antonio Margheriti, 1966)

26)  Le Notti della Violenza (Titoli) * – Aldo Piga (da ‘Le notti della violenza’, Roberto Mauri, 1965)

27)  Gangsters ** – Ivan Vandor (da ‘Bersaglio mobile’, Sergio Corbucci, 1967)

28)  Giallo Club * – Armando Trovajoli (da ‘Chiamate 22-22, Tenente Sheridan’, Giorgio Bianchi, 1960)

29)  Il Batticuore ** – Marcello Gigante (da ‘Il mostro di Venezia’, Dino Tavella, 1965)

30)  Concorso per giovani attrici ** – Aldo Piga (da ‘Letto di sabbia’, Albino Principe, 1964)

31)  Milano blues – Piero Umiliani (da ‘Bianco, Rosso, Giallo, Rosa’, Massimo Mida, 1964)

32)  Atmosfera di night – Giorgio Zinzi (da ‘La costanza della ragione’, Pasquale Festa Campanile, 1964)

33)  Dea di un sogno ** – Piero Piccioni (da ‘Un tentativo sentimentale’, Pasquale Festa Campanile e Massimo Franciosa, 1963)

*   previously unreleased

** first time on vinyl

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.