fbpx
Connect with us

Serie Tv News

‘Baptiste’ in anteprima il primo episodio su Starzplay

Arriva sugli schermi la seconda stagione dello spin-off di The Missing con il nuovo caso per il detective Julien Baptiste che cerca di lasciarsi alle spalle una delusione personale

Publicato

il

La seconda stagione di Baptiste è in arrivo da gennaio 2022 su Starzplay. Sarà infatti disponibile in anteprima il 2 gennaio 2022 il primo episodio.

Baptiste è scritta e prodotta da Harry Williams e Jack Williams per Two Brothers Pictures. Nel cast ci sono Tchékey KaryoFiona Shaw, Tom Hollander e Anastasia Hille.

SU STARZPLAY ANCHE IL FINALE DI STAGIONE DI ‘HIGHTOWN

Di cosa parla Baptiste 

La serie racconta la storia di Julien Baptiste, un detective in pensione, impegnato nella ricerca di adolescenti in fuga con l’intenzione di non farsi trovare.

In questa seconda stagione Julien Baptiste è reduce di un episodio personale che lo ha lasciato con il cuore in pezzi. Per sfuggire a questa forte delusione ogni distrazione è quella giusta. Fino a che non arriva il suo caso: l’ambasciatrice britannica, Emma Chambers, fa un appello dall’Ungheria, in televisione, per ritrovare la sua famiglia scomparsa. Baptiste decide di cogliere questa occasione di lavoro in cui tuffarsi per dimenticare il passato.

Emma era in vacanza con il marito e i suoi due figli in una località di montagna. Baptiste la raggiunge suscitando in Emma impressioni inizialmente non positive, ma a poco a poco lei impara a capire che Baptiste è la sua unica vera e concreta possibilità di trovare la sua famiglia.

Baptiste si trova, però, tra le mani un caso molto difficile da risolvere, con i media ostili e la polizia inaffidabile di Budapest.

La seconda stagione

Baptiste è stata girata, per questa nuova stagione, negli esterni di Budapest, facendo di questa città un personaggio. Questo era già accaduto nella prima stagione con Amsterdam.

In questa stagione la troupe ha girato tra il quartiere di Pest, la stazione ferroviaria occidendate Nyugati Pályaudvar, con la facciata in ferro e vetro, opera di Eiffel, i ponti sul Danubio e il viale Andrassy Avenue, Patrimonio dell’Umanità.

“[Budapest] ha un’aura spettrale e persa nel tempo […] C’è un rimando ai ciò che ricordiamo dalla Guerra Fredda, ma tutto modernizzato. Tuttavia, quelle ombre rimangono ed è in quelle ombre che Julien si sta muovendo”

John Griffin, produttore

 

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.