fbpx
Connect with us

Documentari

‘30.000 Miglia al Traguardo’ di Gia Marie Amella e Giuseppe Mangione, navigando e crescendo

Il viaggio di un vita di Francesco Cappelletti, in solitaria su di una barca a vela, tra mari ed oceani, per la Golden Globe Race 2018

Publicato

il

30.000 Miglia al Traguardo di Gia Marie Amella e Giuseppe Mangione

In barca in solitaria dopo un anno di sofferta preparazione: è così che in 30.000 Miglia al Traguardo di Gia Marie Amella e Giuseppe Mangione si racconta l’impresa di Francesco Cappelletti, il primo italiano a partecipare alla nuova Golden Globe Race del 2018. Il documentario è prodotto da Modio Media e distribuito da Movieday.

Francesco Cappelletti

30.000 Miglia al Traguardo di Gia Marie Amella e Giuseppe Mangione: la trama

Quando Francesco decide di affrontare l’impresa, lo fa pensando che quello è senz’altro il suo ambiente, la sua dimensione. È così che si iscrive a questa regata folle, la Golden Globe Race: il giro del mondo in barca a vela in solo, con tecniche di navigazione tradizionali. La prima edizione risale al 1968, e a quel tempo l’unico italiano che vi partecipò, Alex Carozzo (inaspettatamente presente nel documentario), dovette abbandonare, colto da ulcera in mezzo al mare. A cinquant’anni da questa impresa, nel 2018, si ripropone la corsa e questa volta è Francesco a rappresentare l’Italia.

“Ci sono più persone che sono andate sull’Everest di quelle che hanno fatto quello che farà Francesco”

Inizia così la sua preparazione, che include l’acquisto di una barca appropriata, la 007, e la completa ricostruzione della stessa: un cantiere in cui lavora alacremente aiutato da un andirivieni di personaggi vari e dalla sua compagna di allora, Silvia. L’organizzazione non comprende soltanto la preparazione del mezzo, che comunque si rivelerà non sufficiente, ma anche la raccolta fondi, la promozione sui social, e la documentazione di questa enorme impresa, giorno dopo giorno, fatica dopo fatica.

In 30.000 Miglia al Traguardo di Gia Marie Amella e Giuseppe Mangione i registi non lo seguono certo sulla 007, che invece parte in regata con il suo skipper toscano. Seguendo il variare del vento, accettando la bonaccia, godendosi i tramonti, e ammirando delfini argentei, Francesco impara ad accogliere gli imprevisti e a navigare con la vita. Il suo viaggio terminerà in anticipo per un problema tecnico, ma la sua impresa resterà tale per dedizione e umiltà.

Un diario di bordo e un diario di vita

Raccontato proprio come un diario di bordo, in 30.000 Miglia al Traguardo di Gia Marie Amella e Giuseppe Mangione la questione della preparazione assume una importanza cruciale: chiaramente essenziale per poter affrontare con lucidità tutti quei mari ed oceani. È per questo che per oltre metà film osserviamo il Francesco carpentiere piuttosto che il lupo di mare di cui si parla all’inizio.

In una dimensione filmica biografica, a cui si aggiunge il fatto che Francesco è spesso l’unico essere vivente dell’intera inquadratura, l’unica voce, il carisma di chi si racconta è la chiave di volta perché tutta la storia abbia una buona riuscita.

…la sensazione di un mare vivace, e tutto invece si muove piano piano piano…

Francesco Cappelletti è calma e profondità. Sul suo volto rimane costante un’espressione gioiosa, di chi vive il mare, continuamente, dentro e fuori il corpo e la mente. La sua fusione con le onde e la rassegnata accettazione dei moti, degli imprevisti, con diffusa gratitudine e rabbia moderata, lo rendono un esempio di rettitudine.

Malgrado la filosofia della sua condotta di vita, e la piacevole ispirazione regalata allo spettatore, il documentario a tratti si affanna. Quasi ossessionato dal voler rappresentare tutto il percorso di edilizia navale, trascura la poesia del viaggio e le riflessioni del Francesco giovane navigatore. Al quale così è lasciato un tempo relativamente ristretto, in un congedo frettoloso in cui sul finale, viene a mancare la possibilità di stringere la mano al capitano.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

‘30.000 Miglia al Traguardo’

  • Anno: 2020
  • Durata: 79 minuti
  • Distribuzione: Movieday.it
  • Genere: Documentario
  • Nazionalita: Italiana
  • Regia: Gia Marie Amella e Giuseppe Mangione