fbpx
Connect with us

Live Streaming & on Demand

‘Passing’ l’elegante opera prima di Rebecca Hall

Dal Festival di Roma il debutto alla regia di Rebecca Hall. Su Netflix dal 10 novembre

Publicato

il

Passing

Presentato alla Festa del Cinema di Roma  arriva su Netflix Passing, debutto alla regia dell’attrice inglese Rebecca Hall.

La questione razziale viene filtrata attraverso gli occhi di due donne, negli anni del movimento afroamericano denominato Il Rinascimento di Harlem.

Passing: storia di due donne

Un pomeriggio di un’estate rovente, nella New York degli anni Venti, Clare (Ruth Negga) e Irene (Tessa Thompson) si incontrano casualmente in una elegante sala da thé.

Le due donne sono state compagne di scuola: la prima è riuscita a fingere di essere bianca per anni, ingannando il ricco marito bianco razzista John (Alexander Skarsgard), la seconda vive con il marito e i figli di colore ad Harlem ed è a capo della comunità nera del suo quartiere.

John chiama “negraccia” sua moglie, perché ogni anno la sua pelle diventa più scura, asserisce di odiare i neri e non sa di avere un figlio meticcio. Clare vive in un mondo di illusioni, in cui il narcisismo cede il posto all’autocommiserazione e al vittimismo.

La donna ha cancellato i segni della sua identità: ha i capelli biondi e due sopracciglia perfettamente disegnate ma l’incontro con la vecchia amica riaccende in lei il desiderio di essere quella che era un tempo, senza finzioni.

Clare chiede a Irene di ridare “colore” alla sua vita sbiadita; la scelta del bianco e nero esalta la condizione vissuta dalle due protagoniste, in un mondo che annulla la diversità e la libertà.

Irene, dal canto suo è attratta, e segretamente invidiosa della stabilità economica di Clare, del suo fascino magnetico, della luce che naturalmente irradia chi le sta intorno.

Passing è una storia monocromatica (in tutti i sensi) che si focalizza più sui sussulti emotivi delle de protagoniste che sull’azione. Hall, sapientemente e con grazia, proietta le loro vite immaginarie in cui ognuna sogna di essere l’altra.

I piccoli dettagli, il trascorrere inesorabile delle stagioni, i momenti della quotidianità, le passeggiate solitarie di Irene, il campanello che avverte delle visite a sorpresa di Irene, delineano una storia apparentemente esile, scandita dalle sognanti note jazz di Devonte Hynes e dagli sguardi, quei due profondi occhi neri che Irene nasconde dietro la falda di un elegante cappello e Clare cela sotto una maschera costruita ad arte.

Passing

Passing: conflitto identitario e discriminazione razziale

Passing, tratto dal romanzo di Nella Larson (1929) dipinge (ed è il caso di dirlo perché la superba fotografia di Eduard Grau crea dei veri e propri “quadri” in bianco e nero) il paesaggio razziale dell’America degli anni Venti, epoca in cui il colore della pelle di un essere umano bastava a legittimare atti di violenza e soprusi da parte di coloro che credevano di appartenere ad una “razza” superiore.

Tutto il film è attraversato da una tensione drammatica palpabile, anche se, fino all’epilogo, non accade nulla di eclatante.

La regista ha familiarità con l’argomento, dato che sua madre è meticcia ma, nonostante il legame personale con la vicenda narrata, il film resta sempre sospeso in questa lotta identitaria tra due donne, così simili e così diverse, in un gioco di specchi di reminiscenze hitchcockiane.

Il film esplora il complesso tema del desiderio, dell'(in)evitabilità di alcune scelte che ci portano a essere una versione poco fedele a noi stessi.

Del resto, come dice Clare, in uno dei dialoghi più toccanti col marito “nessuno è mai soddisfatto, libero o felice di quello che è”. Ed è questo il fulcro centrale di Passing, un’opera in cui l’eleganza delle immagini non sopperisce ma, al contrario, esaspera un vuoto narrativo in cui manca una vera scintilla.

La storia di Clare e Irene si apre nel sole rovente ma privo di colore di un’estate newyorkese e si chiude nel bianco candore della neve.

Passing è un dramma di quieta disperazione che resta silente e che si regge, quasi esclusivamente, sulle impeccabili performance delle sue interpreti.

Il film sarà disponibile su Netflix dal 10 novembre.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Passing

  • Anno: 2020
  • Durata: 98'
  • Distribuzione: Netflix
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Rebecca Hall
  • Data di uscita: 10-November-2021