fbpx
Connect with us

DIRETTE EVENTI & FESTIVALS

Toronto International Film Festival: alcuni dei films più interessanti

Ecco uno sguardo ad alcuni film presentati al TIFF che Hollywood Reporter sottolinea tra i più interessanti per la loro narrazione profonda e inclusiva.

Publicato

il

Toronto international film festival

Il Toronto International Film Festival è in corso con la prima di molti film importanti.

Tra gli altri, The Eyes of Tammy Faye con Jessica Chastain e il controverso Jagged” al musical “Dear Evan Hansen.

Ma il festival offre anche molti film che spesso sono messi in ombra.  Proprio come il Sundance prima, il festival di Toronto presenta una vasta gamma di storie di diversi registi che ti invitano a pensare alle comunità sottorappresentate e al modo in cui vedono il mondo.

Da un documentario su una scioccante rivolta carceraria di 50 anni alla storia di una donna intrappolata in un istituto psichiatrico della fine del 1800, ecco uno sguardo ad alcuni dei migliori film che Hollywood Reporter sottolinea tra i più interessanti per la loro narrazione profonda e inclusiva.

Toronto International Film Festival: alcuni film da tenere d’occhio

Aloners

Il coreano “Aloners” presenta la storia di Jina (Gong Seung-yeon), una solitaria soddisfatta di sé e felice di indossare delle cuffie ignorando il mondo intorno a lei. Ma quando una nuova assunta al lavoro cerca di fare amicizia e il suo vicino di casa muore all’improvviso , è costretta a riconsiderare il suo atteggiamento.

La pandemia ci ha costretto a trascorrere del tempo da soli più che mai; non puoi fare a meno di sentire e far tue le tendenze antisociali di Jina. Ma “Aloners” ricorda sicuramente che c’è di più nel mondo che restare incollati al telefono tutto il giorno. Rispecchia anche un fenomeno culturale in Corea del Sud chiamato holojok, dove le persone preferiscono vivere da sole in famiglie di una sola persona (un terzo di tutte le case a Seoul).

‘Attica’

Il documentario “Attica” racconta la famigerata rivolta dei detenuti del 1971 nella prigione dello stato di New York che si è conclusa con uno scontro sanguinoso con la polizia.
“Attica” documenta la rivolta carceraria di quattro giorni di 50 anni fa (la più grande ribellione carceraria nella storia degli Stati Uniti). La parte più dolorosa del film – al di là delle immagini profondamente inquietanti dello spargimento di sangue – è la lezione che tutto avrebbe potuto essere prevenuto se i prigionieri fossero stati in grado di negoziare con le autorità sulle richieste di base per una migliore assistenza da parte del personale carcerario. Ancora oggi  molti prigionieri continuano a vivere senza cure di base. Showtime rilascerà il film entro la fine dell’anno.

‘Beba’

Beba è un affascinante documentario in stile memoriale della regista Rebecca Hunt . La razza è al centro della storia di Beba.

Huntt, padre dominicano e una madre venezuelana  conosciuti come immigrati a New York, è cresciuta con i due fratelli in un appartamento con una camera da letto. Il film è un autoritratto. All’inizio, vediamo Beba applicare una maschera di fango per il corpo mentre spiega:

Ognuno di noi eredita le maledizioni dei nostri antenati. Ma possiamo porre fine a questo ciclo andando costantemente in guerra con noi stessi. Sto guardando le maledizioni della mia famiglia che ci uccidono lentamente. Quindi vado in guerra… e ci saranno vittime“.

Benedizione

Benediction fonde poesia, guerra e romanticismo queer in una narrativa travolgente. Siegfried Sassoon, poeta e soldato nell’Inghilterra della prima guerra mondiale, condanna la guerra e finisce rinchiuso in un ospedale dove fa amicizia  con un altro poeta e soldato Wilfred Owen. Il film traccia anche le storie d’amore di Sassoon con altri uomini nel corso degli anni e, infine, il suo matrimonio con una donna.

Ivor Novello (Jeremy Irvine) and Jack Lowden (Siegfried Sassoon) in a scene from "Benediction."

Ivor Novello (Jeremy Irvine) and Jack Lowden (Siegfried Sassoon) in a scene from “Benediction.”

The mad womens ball –Le bal des folles

Eugénie Cléry (Lou de Laâge) racconta  il destino dell’attrice e regista Mélanie Laurent. Una giovane donna della fine del 1800 in Francia, Eugénie desidera ardentemente l’indipendenza.

‘Wildhood’

“Wildhood” vede Phillip Lewitski nei panni di un adolescente Mi’kmaw con due spiriti che fa i conti con la sua sessualità e la sua eredità indigena (due spiriti è un termine indigeno per qualcuno che è un membro della comunità LGBTQ). Una storia di fratellanza, identità sessuale, comunità e genitorialità.

Joshua Odjick (left), Phillip Lewitski (center) and Avery Winters-Anthony (right) star in "Wildhood."

Steven Soderbergh, un film inedito al Toronto Film Festival

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.