fbpx
Connect with us

LOCARNO FILM FESTIVAL

‘L’ homme fidèle’ a Locarno il film con Laetitia Casta

Pubblicato

il

In programmazione al Festival di Locarno  Lhomme fidèle racconta di un triangolo. Nel cast Laetitia Casta , Lily-Rose Depp , Joseph Engel , Louis Garrel.

Il film è stato scelto dalla Casta per l’omaggio ricevuto dal Festival.

La Casta ha ricevuto infatti   l’Excellence Award Davide Campari 2021, il riconoscimento del Locarno Film Festival a personalità artistiche che con il loro contributo hanno segnato il cinema contemporaneo.

Laetitia Casta: omaggio al Locarno Film Festival

L’homme fidèle la trama

Otto anni dopo essersi lasciati, Abel e Marianne si ritrovano al funerale di Paul, migliore amico di lui e padre del figlio di lei, Joseph. La possibilità di tornare insieme è minata dai sospetti di Joseph e da Ève, sorella di Paul, innamorata di Abel. Tra ironia e suspense, un enigma amoroso co-sceneggiato da Jean-Claude Carrière, in cui spicca la forza femminile della Marianne di Casta.

L’attore francese Louis Garrel è stato sposato due volte, prima con il talento iraniano Golshifteh Farahani e ora con la modella e attrice Laetitia Casta. Ha anche diretto due lungometraggi: il primo una commedia a ruota libera sul triangolo amoroso intitolata “Two Friends”, in cui Garrel interpreta il mascalzone che si mette tra il suo migliore amico e l’oggetto della sua ossessione (interpretato da Farahani), e l’altro questo dramma, ” Faithful Man”, incentrato su un diverso tipo di triangolo, in cui due donne (una interpretata da Casta) competono per gli affetti di Garrel.

L’homme fidèle (“A Faithful Man”) è un film sobrio, cerebrale, grigio: un efficiente racconto che sembra, s detta di molti,  un esercizio intellettuale.

L'homme fidele

Lo sceneggiatore-regista Louis Garrel interpreta Abel, che si prepara a uscire una mattina quando la sua ragazza da tre anni, Marianne (la vera fidanzata di Garrel, Laetitia Casta), annuncia con calma di essere incinta. Il bambino, dice, appartiene al migliore amico di Abel, Paul, che ha intenzione di sposare il prima possibile. Abel reagisce a malapena, accettando la notizia senza discussioni, anche se la sua voce fuori campo chiarisce che non smette mai di amarla.

Questa voce fuori campo, che apre il film e ha un posto di rilievo durante la sua breve durata, è una collaborazione tra Garrel e Jean-Claude Carrière, uno dei più grandi sceneggiatori che lavorano in francese .

Tra i suoi film “Belle de Jour” e diversi di Luis Buñuel, oltre a L’insostenibile leggerezza dell’essere“, un adattamento dal romanzo che molti consideravano impossibile.

Carrière eccelle nei triangoli (così come Garrel, che il mondo ha scoperto tramite “The Dreamers” di Bernardo Bertolucci), e qui arriva con efficienza espressiva.

La  rivale é la sorella minore di Paul, Ève (Lily-Rose Depp),  solo una ragazza l’ultima volta che l’ha vista.

Il finale é molto simile a un film di Woody Allen di cui il regista si dichiara grande fan:

in particolare il modo in cui cambia la sua interpretazione in un film. Prendete Io e Annie, uno dei suoi lavori più acclamati, per esempio: c’è sia il pagliaccio che la figura tragica. Può cambiare il suo modo di recitare, ed è molto difficile. Non sono così bravo a recitare come lo è lui.

L’ homme fidèle Trailer

74 Festival di Locarno. Viaggio al termine della notte. Conversazione con Bonifacio Angius regista de I Giganti

 

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.