fbpx
Connect with us

Taormina Film Fest

Taormina Film Festival. Trame, ospiti e vincitori della 67° edizione

Next Door, Roberto De Feo e Paolo Strippoli, Matilda De Angelis e Daniel Brühl sono i vincitori della kermesse siciliana. L’edizione della «ripartenza» sceglie un titolo e un’attrice giovani e un’opera prima. Prima volta per un horror nella manifestazione siciliana; l’attrice protagonista di Atlas riceve un riconoscimento dallo stesso palco che le aveva assegnato il suo primo premio. Ferzan Özpetek riceve il premio per il cinema.

Pubblicato

il

Taormina Film Festival chiude questa edizione con una serata presentata da Anna Ferzetti (vincitrice del premio Taormina Arte Award) e i tre direttori – Francesco Alò, Alessandra De Luca e Federico Pontiggia – e con un brano di Franco Battiato interpretato al pianoforte da Francesca Michelin, che riceve il premio Taormina Music Award.

Per la giura presieduta da Susanna Nicchiarelli vincono la manifestazione A Classic Horror Story per la miglior regia, Matilda De Angelis miglior attrice, Daniel Brühl miglior attore e Next Door miglior film.

Accanto ai lungometraggi in gara, dieci titoli fuori concorso. Il risultato della manifestazione rispecchia i propositi annunciati durante la conferenza stampa di apertura e la promessa di una rassegna per pubblici differenti è stata mantenuta. Questa 67° edizione ha presentato una selezione di opere che spaziano dal genere drammatico al thriller psicologico, dalla commedia leggera all’horror italiano.

I premi, in ordine di assegnazione

miglior regia a Francesco De Feo e Paolo Strippoli per A Classic Horror Story;

miglior attrice a Matilda De Angelis per Atlas;

miglior attore a Daniel Brühl per Next Door;

miglior film a Next Door diretto dall’attore tedesco.

I film che hanno gareggiato, in ordine di proiezione

Fractal di Rezvan Pakpour (Iran);

Honeymood di Talya Lavie (Israele);

Next Door di Daniel Brühl (Germania);

A Classic Horror Story di Roberto De Feo e Paolo Strippoli (Italia);

Atlas di Niccolò Castelli (Belgio, Italia, Svizzera);

Long Day di Yumo Luo (Cina).

Accanto ai film in concorso, quattordici opere in anteprima

Boys di Davide Ferrario;

La terra dei figli di Claudio Cupellini;

Occhi blu di Michela Cescon;

Peter Rabbit 2 di Will Gluck;

Dreamhorse di Euros Lyn;

La signora delle rose di Pierre Pinaud;

Bronte: cronaca di un massacro che i libri di storia non raccontano di Florestano Vancini;

Penguin Bloom di Glendy Ivin;

Summer of Soul di Questlove;

Black Widow di Cate Shortland.

Il commento della direttrice

A conclusione della manifestazione, la direttrice Alessandra De Luca dichiara a Taxi Drivers:

«Siamo contenti, perché abbiamo scelto i film con un criterio che era molto chiaro. Non tutti i film possono essere amati allo stesso modo, e questo fa parte del gioco. Ma noi siamo molto convinti dei criteri con cui abbiamo fatto questa selezione. E quindi molto soddisfatti della risposta di questi film. L’idea di mettere insieme diversi generi che possano andare incontro a diversi tipi di pubblico. L’idea di mettere tre direttori alla guida del festival è stata bellissima. Sembrerebbe difficile mettere insieme tre teste… ma in realtà è una tale ricchezza… e forse proprio perché siamo giornalisti lo sappiamo… il lavoro di redazione è preferibile al lavoro solitario […]. L’idea di lavorare insieme ad altre persone va secondo me perseguita anche negli anni a venire. Perché siamo stati troppo soli in questo periodo. E stiamo già pensando all’edizione successiva».

Tra gli altri riconoscimenti, oltre a quelli già citati, il premio Enit (Agenzia nazionale per il turismo) a Gianluca Jodice regista di Il cattivo poeta e il Taormina Cinema Award a Ferzan Özpetek, in occasione dei venti anni di Le fate ignoranti.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.