fbpx
Connect with us

FOCUS ITALIA

Lo zio di Brooklyn su Mio Cinema incontro con il regista

Mio Cinema presenta lo speciale Ormai solo un Zio ci può salvare oggi 26 MARZO​ ore 21.00 incontro con​ il regista​ Franco Maresco il regista​ Daniele Ciprìil direttore della fotografia​ Luca Bigazzi. Tre interviste a cura del​ critico cinematografico Emiliano Morreale.​ ​

Publicato

il

Lo zio di Brooklyn è ruvido, crudo, disturbante​ e dissacrante, rabbioso, trasgressivo. E ancora: incisivo, estremo, corrosivo, rivoluzi67lonario. Certamente non standardizzato e meno che mai allineato con il politicamente corretto.​

Lo Zio di Brooklyn, esordio cinematografico di Ciprì e Maresco, presentato nel 1995, è una dichiarazione di intenti, che dopo l’esperienza di Cinico Tv, si trasferisce sul grande schermo.​

Il film, che racconta un’umanità grottesca e surreale, è simbolo di una società dissolta ed espressione dell’immaginario post-apocalittico del cinema di Ciprì e Maresco.

Maresco ​ ha sconvolto la platea benpensante e ancora oggi appare un alieno nel panorama cinematografico italiano, di grande potenza espressiva e con la rara capacità di essere indimenticabile.​

Franco Maresco: sessantadue anni di scandali italiani

Un mondo e un immaginario che si ripropongono in​ Grazie Lia Breve inchiesta su Santa Rosalia, un’indagine che raccoglie le testimonianze di alcuni fedeli di Santa Rosalia, protettrice di Palermo.

Tra materiale trasmesso su Rai Tre e materiale inedito, Ciprì e Maresco mostrano ancora una volta un’umanità che è lo specchio della civiltà in declino, pronta ad essere inghiottita dal cielo apocalittico che si abbatte su di essa.

Lo zio di Brooklyn

Il filo rosso dell’apocalisse, teso e cinico, si intreccia anche nell’omaggio dei due autori ad alcuni registi del cinema superstite con i cortometraggi Martin a Little, intervista a Martin Scorsese sulle sue origini siciliane, ​ e Il corridore della paura con Samuel Fuller, intervistato poi in occasione delle riprese di Metamorfosi di una melodia, performance teatrale di Amos Gitai, fatte da Ciprì e Maresco nella Gibellina del Cretto di Burri.​

Ciprì e Maresco riconoscimenti celebri

Ciprì e Maresco, grandi manieristi di Palermo

(Bernardo Bertolucci)

” Ciprì e Maresco hanno dato un calcio in culo al linguaggio e alla comunicazione

(Carmelo Bene)

​ “Ecco un’opera evidentemente e intensamente cinematografica: senso fordiano dell’inquadratura, magnifico uso del bianco e nero e della luce, idee di regia sempre corrette e inattese, rigore formale e coerenza coesistono con un sentimento di libertà, improvvisazione nel senso musicale del termine

(Cahiers du Cinema)

Non c’è dubbio che il binomio Ciprì / Maresco rimanga l’unica apparizione degna di nota nel deserto del cinema italiano degli anni ‘90

(Olivier Père – Les​ Inrockuptibles)

Ormai solo un Zio ci può salvare

​ Lo speciale comprende:

​ Lo Zio di Brooklyn (1995, 95’)

Grazie Lia – Breve inchiesta su Santa Rosalia (1996, durata 43′)

Martin a little (1992, durata 10′)

Intervista a Samuel Fuller (1992 durata 8′)

Metamorfosi di una melodia (1992, durata 20′)

Il corridore della paura (1992, durata

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Commenta