fbpx
Connect with us

SERIE TV

Mrs.America: la recensione della serie tv sul movimento femminile degli anni ’70

La storia dei due gruppi femminili pro e anti ERA nell'America degli anni '70, interpretata da un'incredibile gruppo di attrici, capitanate da Cate Blanchett nell'arduo ruolo di Phyllis Schlafly

Publicato

il

Mrs.America è la miniserie disponibile su Hulu che racconta i movimenti pro e anti-ERA sorti nell’America di Nixon. Interpretato da un ottimo cast femminile, capitanato da Cate Blanchett e Margo Martindale, Mr.America ha il pregio di far riflettere sulla condizione femminile che, a distanza di anni, sembra ancora essere allo stesso punto.

Mrs.America racconta il movimento per ratificare l’ERA (Equal Rights Amendment) a partire dal 1971. Sotto il regime di Nixon, le donne americane, trascinate dal crescente movimento femminista iniziarono a raccogliere consensi in tutto il paese suscitando le attenzioni della Repubblicana Phyllis Schlafly. La Schlafly, casalinga politicamente impegnata, fece sua la battaglia anti ERA, ricorrendo a tutti i mezzi possibili per bloccare il movimento.

Phyllis Schlafly è una donna  che rappresenta il prototipo femminile del sogno americano di Nixon. Bianca, casalinga, madre di sei figli e impegnata attivamente nelle raccolte fondi del partito Repubblicano. Phyllis conduce una vita piena, devota alla famiglia, alla Chiesa e alla sua coscienza politica. Il suo sogno però è quello di candidarsi e di essere parte attiva in qualcosa che, a detta di suo marito, potrebbe essere più grande di lei. Conscia della disapprovazione del marito e del disinteresse degli altri politici davanti ad una candidatura femminile, la Schlafly decide di raggiungere il suo fine passando per un’altra strada, quella del movimento anti-ERA.
Determinata e convinta dei suoi mezzi, la donna raduna un gruppo di casalinghe, il cui credo anti-femminista raccoglie consensi tra i gruppi di quella società che vede la donna come madre, disoccupata e casalinga.

Certa che il fine sia quello di lasciare la donna al suo posto, a casa con i suoi figli, Phyllis conduce una campagna politica che pian piano inizia a scontrarsi con il gruppo pro-ERA, provocando reazioni e dibattiti più che attuali.

Mrs.America : gli anni ’70 .

La miniserie ricostruisce i fatti storici a partire dal 1971. Dall’atmosfera del regime Nixon al passaggio a Jimmy Carter. Tutto l’ambiente sociale e culturale è raffigurato con precisione, alternando filmati d’epoca e ricorrendo alla colonna sonora di allora. La mentalità americana, il desiderio di rinnovamento e la paura del cambiamento, attraversano gli umori di quegli anni in cui si avvertiva il bisogno di qualcosa ma rimaneva il timore di perderlo.
Toccando il tema dell’aborto o del riconoscimento dei diritti degli omosessuali, la donna subdolamente e impenetrabilmente prosegue per la sua strada, non cedendo neanche davanti al fallimento.
Proponendosi come guida, Phyllis ci fa conoscere il prototipo della vera donna. Questa sua visione, ferma e dura, discorda con quanto le altre donne professano. Una donna libera di lavorare, con pari diritti e opportunità dell’uomo, e pieno controllo sul proprio corpo.
La ricostruzione della serie, ha il il pregio di saper raccontare accuratamente il perchè della necessità del cambiamento per cui milioni di donne hanno marciato. All’atteggiamento della Schlafly in ogni episodio viene mostrato quello delle sue avversarie, proponendo così un confronto chiaro da cui lo spettatore trae le sue somme.

Mrs.America : le protagoniste.


Ogni episodio prende nome da una delle protagoniste dei due movimenti. Phyllis, Jill, Bella o Gloria. Tutte le donne portare sul piccolo schermo hanno una storia da raccontare e il contenuto è qualcosa che ci appartiene in quanto sono mostrate nella loro nudità psicologica.
La riuscita di Mrs.America è sicuramente nella caratterizzazione psicologica dei suoi personaggi. Belle o brutte, cattive o buone, femministe o conservatrici. Ogni figura ha una personalità ben delineata che si sposa perfettamente nei tempi in cui è vissuta.

Mrs.America : la contemporaneità della donna.

Giornaliste, attiviste, casalinghe o madri. Sono tante le figure femminili analizzate. Dalla lotta per la legge dell’aborto a quella a favore dei diritti degli omosessuali. Gli anni ’70 hanno aperto la strada a tante donne che per anni si sono sentite messe da parte o etichettate per le proprie scelte.
Ciò che colpisce nel profondo di questa serie è l’autenticità del clima di allora e della familiarità con la condizione attuale.
Nel 1973 si lottava per ratificare l’ERA e nel farlo si parlava di aborto, di donne licenziate dal lavoro perchè incinte, di donne vittime di abusi sul luogo di lavoro o picchiate dal proprio marito.
Quello che sconvolge non è solo la particolare familiarità con il nostro oggi, ma l’anomalia della reazione di alcune donne davanti a questo. Con il personaggio della Schlafly infatti ci si confronta con quelle donne che davanti ad un abuso in ufficio rispondono dando la colpa alla vittima rea di aver provocato o incapaci di rispondere a orribili frasi e gesti maschilisti.

Mrs.America : il cast.

Mrs.America è interpretato da un numero cast femminile.
Cate Blanchett è l’algida e rigorosa protagonista Phyllis Schlafly, il cui gruppo di amiche è composto da Sarah Paulson (Oceans’8) e Jeanne Trippelhorn.
La controparte femminista è composta da  Rose Byrne (Adam),  Uzo Aduba (Orange is the new black), Elizabeth Banks , Tracey Ullman e  Margo Martindale (Buttiamo giù l’uomo).
Il cast, forse proprio per il tema trattato, è affiatato e più che credibile in un ruolo che deve fare i conti con dei personaggi realmente esistiti.
La Blanchett, qui anche executive producer, è alla sua prima esperienza in televisione ma dimostra, come sempre, di avere lo smalto, l’intelligenza e la sensibilità che la rendono affascinante perfino in un personaggio creato per essere odiato. Ogni espressione, ogni tonalità della sua voce è tessuta dal credo di Phyllis Schlafly, comunicando un personaggio indecifrabile, rigido che non lascia trasparire alcun sentimento. Tutte le altre attrici seguono la scia della Blanchett, dalla Paulson alla meravigliosa Margo Martindale talmente nel ruolo da splendere di luce propria.

Mrs.America : il trailer.

Guarda qui il trailer 

Mrs.America : le frasi


Mi chiedo quanto ancora dobbiamo aspettare. Quante altre donne devono morire per un aborto illegale?
“Le rivoluzioni sono un casino. Qualcuno rimane indietro”
“Non sono arrivata da nessuna parte nella mia vita aspettando il permesso di qualcuno”
“Vuoi andare avanti arrampicandoti sulle spalle degli uomini, Phyllis, bene. Ma sappi che stanno solo cercando la tua gonna”

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2020
  • Distribuzione: Hulu
  • Genere: Drammatico, Biografico
  • Nazionalita: USA
  • Regia: aavv